Il Grillo Sparlante nel PD

12 luglio 2009 § 32 commenti


Povero Grillo…sull’onda calante del suo successo mediatico (e molto vuoto) non sa che altro fare per finire sulle prime pagine dei giornali che candidarsi alla segreteria PD.

La notizia fa ridere, ma nello stesso tempo non vedo l’ora di vederlo all’opera a scrivere qualcosa di sensato (molte cose che scrive su energia e ambiente sono cazzate incredibili)…fino ad esso è stato capace solo di fare di erbe, fasci. Di dire tutto e il contrario di tutto e di sparare su tutti senza salvare nessuno.

Maleducato, incontrollabile, solitario, anche un pò ignorante.

Ma perchè non si candida nella PDL invece di venire a rompere le palle da noi?

Fermo restando: ben vengano le candidature. Sono utili a tutti. Anche a fare vedere che quando non sarà nemmeno stato in grado di raccogliere le firme per presentarsi, sarà visibile a tutti il suo vero potere politico: zero.

Troppo facile distruggere. Costruire, invece, con fatica, è difficilissimo.

Tag:, ,

§ 32 risposte a Il Grillo Sparlante nel PD

  • ROCCO ha detto:

    Mi piace molto il commento precedente.
    Ho visto come i grandi politici di sinistra hano tutelato il ceto medio quando hanno governato!
    Come hanno tutelato l’ambiente (vedi Bassolino a Napoli)!
    Come hanno scippato le inchieste a De Magistris e Forlei!
    come in 15 anni hanno risolto il famoso conflitto di interessi!
    e tanti come ancora!
    Penso che a questo punto più cazzate dette dai politici che ci hanno governato (destra e sinistra) non possono arrivare!

    Mi piace

    • vittorio ha detto:

      Purtroppo per esperienza personale in italia c’è un enorme problema con la classe dirigente.
      Il problema non è Grillo, è il PD. In qualsiasi altra democrazia occidentale non ci sono questi prblemi perchè i grilli del caso se partecipassero alle primarie prenderebbero 3 voti.
      In italia invece siamo così stufi dei sotterfugi di palazzo, delle promesse non mantenute, dlle scelte non fatte che potrebbe anche vincerle le primarie.
      Per quanto riguarda la cazzate di grillo forse nessuno di voi si è accorto non abbiamo un piano energetico nazionale, che stanno cercando di prendersi altri soldi nostri da buttare nelle centrali nucleari (assolutamente antieconomiche come nel caso finlandese) che però hanno il vantaggio di scaricare ai posteri le gatte da pelare, come se noi facessimo un mutuo che pagheranno i nostri figli.
      Il PD sulla questione energetica non ha nemmeno una posizione, sponsorizza gli inceneritori incentivati con il CIP 6 (vedi amministrazione PD di pavia), non si attiva nessuna delle amministrazioni governate per dimostrare che l’energia rinnovabile è realizzabile ed economica.
      Insomma io penso che ci vorrebbe un grillo per tutti i partiti, e sono contento se iniziamo dal PD, che mette sempre più in mostra di altri la sua propensione democratica.
      Fatelo partecipare, così almeno gli altri candidati saranno obbligati a mettere in campo dei programmi, a rispondere sui temi dell’onestà, dei rifiuti dell’energia, della libertà di informazione, della lotta alla corruzione.
      Insomma sarebbe una bella ventata d’aria fresca, e magari potrebbe anche uscirne un segretario (non grillo ovviamente che è un comico e non uno statista) con le palle.
      E’ importante però che chi si candiderà alle primarie scioga i nodi fondamentali dell’economia e l’energia è il più pressante.
      La gente devono conoscere le politiche energetiche e i dati delle risorse messe in campo per i prossimi anni per scegliere il segretario..

      Mi piace

  • lassie ha detto:

    non so,
    magari se argomentassi quali sarebbero le “cazzate incredibili” che spara Grillo sull’ambiente il post sembrerebbe meno livoroso.

    cmq non si può candidare: da regolamento doveva essere già tesserato al momento della convocazione delle elezioni, circa un mesetto fa.

    Mi piace

  • Lorenzo ha detto:

    Cri,
    a parte cavilli e controcavilli, vorrei che qualcuno di vi piddisti mi spiegasse perché la candidatura di Grillo sia così impresentabile. Personalmente, quella di Bersani mi indigna molto di più.
    Personalmente mi sarei un po’ rotto il cazzo di sentirvi parlare di quanto siete democratici, ma poi vedervi tirar fuori cavilli da azzeccagarbugli appena qualcuno fa finta di credere ai vostri sproloqui sulla democraticità.

    Mi piace

  • Magari un sasso nello stagno potrebbe essere utile. L’uscita di Grillo ha suscitato molte, moltissime reazioni, tra l’indignato e l’entusiasta… e questo dovrebbe, assolutamente, far riflettere e far pensare in primis il PD stesso, piuttosto che chiudersi a riccio. Grillo ha parlato, a volte ha anche sparlato o straparlato, ma sicuramente assume agli occhi di tantissime persone il ruolo di chi le cose le dice con chiarezza. Mentre il PD ha, sempre agli occhi di tanti tanti tanti italiani, l’immagine di chi non ha mai preso una posizione decisa e forte proprio quando serviva. Né al governo prima di essere PD, né all’opposizione. Io capisco benissimo che per chi ci crede, nel progetto-PD, per chi ci lavora, con fatica, come dici tu, l’uscita di Grillo sia l’ennesimo colpo basso, ma… ma mi spiace, credo che vedere il PD che discute di correnti e candidature, proponendo Franceschini o Bersani (Marino, mi sa che ben poco potrà… ) mentre l’Italia è sbranata e spolpata viva da personaggi che in un paese civile non si avvicinerebbero nemmeno per sbaglio a un ruolo istituzionale… beh, per me, quello è un colpo basso. E non sottovalutate in maniera spocchiosa la sua uscita. Potrebbe essere un enorme, ennesimo errore di valutazione.
    Sono tempi assai duri. Né Bersani né Franceschini né Marino sembrano essere in grado di fare qualcosa, forse nemmeno se ne sono accorti.

    Mi piace

  • riccardodemaria ha detto:

    Chi legge il tuo commento non si convince di quello che sostieni.

    Almeno non ti abbassare a criticare la persona e non ti appellare al regolamento che odiamo noi per primi, deciso in ritardo e per penalizzare le novità (io dall’estero ancora non ho capito se posso prendere questa tessera e votare).

    Basta affrontare i suoi temi in maniera più efficace (cosa che normalmente fai) per marcare le differenze.

    Grillo non ha mai avuto decine di milioni di voti in 15 anni e quindi può permettersi di dire quello che gli pare e essere creduto.

    Mi piace

  • Paolo ha detto:

    Ma che cazzo avete costruito voi del pd? No, voglio sapere che cazzo avete costruito.

    Mi piace

  • Gianni ha detto:

    Naturalmente se anche Grillo non riuscisse a trovare un cicolo del PD aperto nel quale iscriversi io sono sempre a disposizione, eh.

    Mi piace

  • pierpiero ha detto:

    Concordo con Cristina Alicata nella sostanza dei suoi giudizi. A me indigna il fatto che Grillo utilizzi in maniera così strumentale uno strumento di democrazia interna ad un partito come sono congresso e primarie solo ed esclusivamente per farsi un po’ di pubblicità. Perchè lo sa benissimo di non poter realmente candidarsi, per impedimenti tecnici sacrosanti (è come se un austriaco si presentasse alle elezioni italiane per fare il premier…prima dovrebbe aver la cittadinanza, alias essere iscritto al PD, e da data non sospetta!).. Perchè lo sa benissimo che i media italiani, sempre affamati di NON-notizie buone solo per “buttarla in caciara” gli avrebbero riservato ampia visibilità. E però io penso che Grillo, che molti anche a sinistra amano, spesso e volentieri mostra grande dispregio verso i cittadini onesti che si attivano e partecipano in politica quotidianamente. La sparata di Grillo di ieri ha come unico effetto quello di ridicolizzare le primarie del PD per il proprio segretario, di renderle una burletta agli occhi dell’opinione pubblica. Io me ne sento offeso, non so voi.

    Mi piace

  • Elfobruno ha detto:

    Beh, ammesso che la candidatura di Grillo sia una boutade, una mascalzonata, l’ennesimo modo per farsi pubblicità, ecc, forse va fatto notare che è il pd che ha scelto per farla, non certo i radicali, l’IdV o il PdL…

    Mi piace

  • lassie ha detto:

    rispetto a Grillo qualunque politico italiano non sa che pesci prendere e si limita ad attaccarlo screditandolo, sparando a zero sul suo modo di fare, provando finta indignazione, ma, nella sostanza, rimane totalmente spiazzato.

    le 13 righe di cristiana contengono:
    “povero grillo”, successo mediatico calante e vuoto, notizia che fa ridere, scrive cazzate, incoerente (dice tutto e il contrario di tutto), maleducato, incontrollabile (e perché dovrebbe essere un demerito?), solitario (di nuovo), ignorante, rompe le palle, potere politico zero.

    Se questo non è astio irrazionale motivato dalla paura, ditemi voi cos’è.

    Inutile prendersela con Grillo perché distrugge senza costruire dal momento che è quella la sua funzione.
    E’ come prendere a calci una ruspa perché non riesce a piastrellare una stanza.

    Grillo è il naturale prodotto di questo sistema politico e non ne è certo una soluzione, ma c’è ed è inutile che per evitare il confronto lo si continui a prendere a maleparole.

    Cercate piuttosto di sottrargli argomenti segnando discontinuità con l’attuale classe dirigente invece di andarci a braccetto, va.

    E molte cose che dice su energia e ambiente non sono stronzate paurose, cristiana, non lo sono.

    Mi piace

  • lassie ha detto:

    ecco un MILLINO più ragionevole di cristiana

    http://www.wittgenstein.it/2009/07/13/qui-lo-dico/

    Mi piace

  • Vittorio ha detto:

    Premesso che sottiscrivo tutto quello che ha detto Cristiana, e che non si vede perché Grillo, per fare politica, debba usare il PD, del quale ha detto merda per due anni, invece che fondare un suo movimento, o candidarsi alla guida della molto più consonante IDV (peccato che l’IDV non sia un movimento democratico, ma evidentemente interessa solo la democrazia degli altri), premesso che mi spaventa molto più il deserto intellettuale di Grillo e Di Pietro che quello morale di Berlusconi, se fossi nei vertici del PD andrei a vedere il bluff: darei a Grillo una specie di wild card (è vero che secondo le regole Grillo non potrebbe candidarsi, ma si sa come sono questi moralisti d’accatto, ma, evidentemente, le regole le devono rispettare gli altri) e vedrei quello che combina. Finché si mostrerà paura di fronte al vuoto politico, sarà difficile rispondere alle critiche dei porci del gregge di Grillo, Di Pietro e Travaglio (è un’affettuosa citazione Oraziana, non offendetevi…).

    Mi piace

  • Sergio Petrona Baviera ha detto:

    Per rispondere al primo commento, basta una parola. Biowashball.

    Mi piace

  • cristiana alicata ha detto:

    Leggetevi cosa dice sugli incenitori, poi parlate con qualcuno che se ne intende.
    Leggete cosa ha detto della Fiat, andandosi a comprare una Prius che inquina più di una Panda a Metano…

    eccetera eccetera eccetera

    Mi piace

  • cristiana alicata ha detto:

    Quanto alle regole…scusate, ma che senso ha dire mi candido in un luogo che prima di oggi è sempre stato un luogo da accusare?

    Che senso fa farlo NON nel rispetto delle regole?

    Non capite che è solo un modo per farsi pubblicità, sparando a zero sull’unico partito che andrebbe salvato e cambiato per arginare berlusconi che intanto fa il cazzo che gli pare?

    Mi piace

  • lassie ha detto:

    quello che Grillo dice sugli inceneritori è pari pari quello che sostiene Connet negli USA, e non è proprio roba campata per aria.

    http://w3.ing.uniroma1.it/index.php?option=com_contime&task=view&id=572&Itemid=114

    in questa sede, s’è fatta chiarezza al riguardo

    Mi piace

  • marco ha detto:

    dovreste invece ringraziare Grillo che, con la sua popolarita’, svia le attenzioni dal caso del membro dello stupratore seriale e, magari, portera’ un po’ di voti al vostro partito fatto di vecchi “d’apparato” e di bloggers narcisi e ambiziosi (a proposito, si scrive: un po’, con l’apostrofo e non con l’accento).

    Mi piace

  • marco ha detto:

    corrige: dal caso dello stupratore seriale ecc…

    Mi piace

  • Lorenzo (L. Gallo) ha detto:

    Cri, ma queste regole di cui tu parli sono buone o sono cavilli?
    Il vostro partito è aperto, ma chiuso. Laico, ma clericale. Nuovo, ma comunista-democristiano e dunque decrepito.
    Democratico, ma guidato da una burocrazia eterna che farebbe impallidire Breznev e che spaccia per giovani dei quarantenni…
    La candidatura di Grillo non è un bene per il vostro partito, ma potrebbe essere un’occasione per esplorare la vostra schizofrenia, e magari capire perché facciate schifo a tanta gente, come me, che si dovrebbe veder rappresentata in un partito progressista. E che invece è costretta a votare il partito di un uomo solo (IDV) che però almeno è una persona onesta.

    Mi piace

  • cristiana alicata ha detto:

    Regà…c’è uno statuto….non è che il PD è la Casa delle Libertà….c’è un cazzo di statuto noto a tutti da due anni….chi si voleva candidare doveva conoscerlo.

    O io domani vado al Rotary, busso, e dico: voglio fare il presidente e lo voglio fare adesso. Oggi.

    Un po’ di serietà e non di anti-politica spiccia. Dentro questo partito c’è un sacco di brava gente, ma proprio tanta….il PD non è fatto solo da D’Alema e CO…..è fatto davvero da tante tante persone che non posso essere continuamente prese in giro.

    Accenti e apostrofi: questione di velocità, scusatemi.

    Mi piace

  • pierpiero ha detto:

    Parole sacrosante.

    Mi piace

  • marco ha detto:

    ammiro le tue convinzioni e la tua determinazione, davvero.

    Mi piace

  • Corrado Truffi ha detto:

    Grillo su energia e ambiente prende cantonate perché è un totale semplificatore. Per lui esiste la macchina da aria compressa (eolo e simili), l’idrogeno è una fonte di energia e non un vettore e non c’è problema a produrlo, ecc.

    Che poi dentro il PD ci siano anche persone che prendono cantonate sull’ambiente dall’altro lato (tipo quelli che dicono ni al nucleare, o quelli che si appassionano a sostanzialmente inutili gassificatori), questa è un’altra faccenda, che va pur affrontata.

    (leggete e diffondete: http://www.anobii.com/books/Energia_per_lastronave_Terra/9788808063915/01fdd3656acb8be394/)

    Mi piace

  • lastrega ha detto:

    sono ormai anni che attendo il partito di grillo
    a questo punto ho la convinzione che non sia capace di crearne uno
    anche perchè è un comico non uno statista
    e da comico appare anche sul suo blog travestito da marx ubriaco
    probabilmente secondo leggi economiche che sfrutta al meglio non da marxista ma da ambulante, nel pd ci andrà: sul palco di qualche festa dell’unità (ex)… pagato!

    Mi piace

  • Melandroweb ha detto:

    Facciomo provare anche Grillo almeno è un novità!

    Mi piace

  • mauro lodi ha detto:

    a quanto pare anche la raffinatissima cristina alicata (“cazzate incredibili”, “rompere le palle da noi”, “fa il cazzo che gli pare”, “regà”, “un cazzo di statuto”) è terrorizzata da grillo.

    le cazzate sull’ambiente le hanno dette veronesi e veltroni dicendo che gli inceneritori non emettono nulla di pericoloso. tra l’altro senza il CIP6 non sarebbero nemmeno convenienti dal punto di vista economico…

    non mi sembra che grillo si pro-idrogeno anzi, uno dei suoi più stretti collaboratori è pallante che sono anni che sta facendo una battaglia contro questo falso mito.

    Mi piace

  • daniele ha detto:

    ti conosco da poco e già mi cadi come un fassino qualsiasi. è vero,grillo nn potrà fare il segretario per il tuo “cazzo di statuto” ma almeno di ambiente e legalità lui ne parla, in piazza per raccogliere firme per il parlamento pulito ecc. c’erano persone come lui mica del pd. di signoraggio, geronzi, telecom, cirio ecc. ne parla solo lui, voi dove cazzo eravate? di paurose stronzate ne ho sentite dire in questi anni solo dal tuo fottutissimo partito. stavo per andare a farmi la tessera per votare marino ma forse è meglio che ci pensi bene visto che banalizzi tutto parlando di una cazzo di panda al metano. siediti e rifletti cristiana. abbiamo bisogno di un futuro, mica altri saputelli spocchiosi che accettano il confronto solo a parole
    che rabbia mi hai fatto venire

    Mi piace

  • pablita ha detto:

    Qando un comico perde il senso dell’umorismo
    è finito. Come il Pd.

    Mi piace

  • pablita ha detto:

    X Cristiana Alicata: il Rotary non prevede iscrizioni di donne. Cerca un club al femminile ce ne sono moltissimi e, grazie a Dio, apolitic.

    Mi piace

  • THE-BABB ha detto:

    pablita, sbagliato.
    Probabilmente sei rimasta attorno all’anno 19xx e dintorni.
    Il rotary prevede iscruzioni di donne.
    Possono perfino fare i presidenti
    cosa che peraltro non accade nella politica…

    Mi piace

  • Anthony ha detto:

    Io vorrei dire solo una cosa, dopo tutti questi commenti pro Grillo (tralasciando i morti di figa che ti sostengono): Cristiana?

    OWNED!

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il Grillo Sparlante nel PD su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: