Se la laicità è democrazia, qualcuno non è molto democratico.

Oggi mi sono incazzata leggendo questo.

E ho risposto così:

Che stupore….nel 2009, leggere il tuo pezzo e alcuni commenti, compreso quello dell’amico e compagno di circolo Fabio Bartoli….che stupore dovere sopportare ancora, oggi, le distinzioni, le discriminazioni e la secondarietà…il tutto mentre Obama: risolve la crisi, riceve i gay alla casa bianca, parla con gli arabi e si appella ai neri affinchè studino e si emancipino.
Che tristezza vedere la vostra piccolezza politica, il vostro furore cieco contro un diritto di libertà. Che stupore questi distinguo. Che amarezza.
Marino non è laicista. Leggetevi la sua mozione, per pietà, altrimenti questo è un atteggiamento talebano. Come dice Mina Welby, la laicità è solo democrazia. I diritti sono democrazia. Se non siete per la parità delle famiglie omossessuali e noi si la cosa è così: noi siamo democratici e voi no.
E dire che il paese non è d’accordo significa non ascoltarlo sto paese…alla gente non gliene frega niente…non vuole nemmeno parlarne…né nel bene né nel male….se gli risolvessimo la crisi potremmo fare anche il matrimonio gay (persino quello tra pinguini!)….ma sapete qual’è la verità? Che non la sapreste risolvere la crisi e per non farvi incolpare di incapacità non fareste la legge sul matrimonio.

Un po’, oggi, mi vergogno, di tali compagni di partito.

Federica Pellegrini. I 400 sotto i 4 minuti.

SWIMMING-WORLD/

Brava. Brava. Brava. Costanza. Allenamento. Concentrazione.