Rinnovamento all’inglese.


Si perde e si cambia e lo si vede anche dall’età. Succede tra i Labour, in UK che non sono una squadra di calcio, ma il partito di Blair e Brown.

Succede nella Nazione dell’alternanza in cui si cambia colore al Governo e si fanno crescere generazioni mentre si perde.

Cioè, per capirci.

Noi siamo all’opposizione da 15 anni (con piccole parentesi in cui hanno funzionato alleanze elettorali, ma MAI governative) ed è come se fosse scontato che nel 2013 fosse una Serracchiani, un Civati un Renzi a correre per la guida del partito o del Paese.

Invece no.

La mia generazione scalpita. Sta a a guardare. Fa un passo avanti, ma poi ne fa 4 indietro perché subito ci tirano le orecchie e molti di noi preferiscono “avere senso di responsabilità” e “andarci piano”. A volte mi chiedo se qualcuno voglia andarci piano perché pensa ancora di essere cooptato o perché non si rende conto delle condizioni del Paese, l’unica vera cosa per cui, oggi, sento senso di responsabilità.

L’Italia invece ci sta chiedendo di fare in fretta. Come in UK. Nel giro di una settimana chi ha perso è a casa. Punto.

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...