Il “lavoro da donna”.


“Le donne migranti, possono vivere il lavoro domestico come un passaggio obbligato nel loro (e della loro famiglia) progetto migratorio, come un prezzo, duro, da pagare per un futuro migliore, in Italia o nel paese d’origine. Per molte donne italiane che vi ritornano, o vi accedono dopo aver invano tentato lavori meno sovrapposti a quanto già fanno a casa propria, è invece più chiaramente una interruzione, una strada senza uscita: dignitosa, certo, ma senza altri sbocchi.”

Qui il resto.

Un pensiero riguardo “Il “lavoro da donna”.

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...