La vergogna per gli applausi di Confindustria alla sentenza Thyssen.

Anche io ho provato vergogna per quegli applausi e sono felice che sia stato uno del mio partito a dirlo (Felice Casson).

La legge non è al di sopra di nessuno.

Tanto meno di presunti investimenti. E non sono certo questi i motivi dei mancati investimenti.

Molto peggio impedire ai francesi di prendere Alitalia e Parmalat per esempio.

O il pizzo. O le tangenti da pagare alla politica. O il costo del lavoro. O, se proprio vogliamo dire una cosa moderna, alcune posizioni del sindacato (non tutte, non ci provate, non con me).

La sicurezza sul lavoro è come le discriminazioni. Una società civile non può esimersi.

Un hacker burlone si è introdotto nel sito del PD (non può essere altrimenti)

Quando me lo hanno mandato non volevo crederci…

Sul sito del nostro partito ci sono gli auguri alle mamme per la festa della Mamma.

E recitano così:

Auguri a tutte le mamme e le donne

Ogni donna è anche mamma: accudire, aiutare, ascoltare, coccolare, comprendere, incoraggiare, difendere, nutrire, sono tutti verbi che in genere si coniugano di più al femminile.

A seguire citazioni che potete leggere qui.

Questa mattina abbiamo a lungo dibattuto su una mailing list di marziani del PD. Lo diciamo o non lo diciamo? Siamo sotto elezioni…facciamo sempre quelli che rompono le palle.

Alla fine abbiamo deciso che era giusto denunciare che sul sito del PD si è certamente introdotto un hacker. Perché nessuna donna potrebbe ridurre il suo essere donna ad essere madre. Nessun forum può avere partorito quella frase. Nessun responsabile della comunicazione di un partito progressista può avere concepito quell’augurio.

Di certo il forum preposto, il responsabile della comunicazione e il webmaster volevano dire: oggi è la festa della mamma. Il miglior augurio alle donne che sono mamme, ma in generale al Paese, è presentare queste seguenti proposte nel nostro programma. E via andare su asili nido e scuola pubblica, su assistenza alle famiglie che hanno anziani e disabili da accudire. Avrei ricordato le donne incinte che subiscono mobbing. Il divario salariale che dipende proprio da quella malattia (oggi è così in Italia!) che impedisce la parità.

La donna a casa che lava e stira lasciamola al PDL che sicuramente ha pagato un saco di soldi l’hacker che è entrato nel sistema del PD.

p.s. Pigi….se hai bisogno di responsabili della comunicazione conosco un sacco di head hunter che ti possono aiutare.

LA RESPONSABILITA’ DEDICHIAMOLA AL PAESE. AL PARTITO REGALIAMO LA NOSTRA DUREZZA.

Pd: Notte bianca della precarietà

Lunedì 9 maggio dalle 18 alle 24 al Caffé Letterario.

Serata di sensibilizzazione e mobilitazione sulla precarietà del lavoro, in particolare per le giovani generazioni, a cura del Partito Democratico e dei Giovani Democratici. 
L’iniziativa, che si terrà lunedì 9 maggio presso il Caffè Letterario, in viale Ostiense 95, dalle ore 18 alle 24, vuole continuare a porre all’attenzione dell’opinione pubblica, delle Giunte e del Governo, il più grave problema sociale di questi anni.

Intervengono tra gli altri

MARCO MICCOLI, Segretario PD Roma;

STEFANO FASSINA, Responsabile Economia e Lavoro PD;

PIERLUIGI BERSANI, Segretario Partito Democratico.

Partecipano associazioni, movimenti, lavoratori, sindacati.

Sulla sentenza del “bacio” gay.

In questi giorni su alcuni quotidiani fa discutere la sentenza di un giudice che avrebbe condannato due omosessuali per essersi dati un bacio, di notte, al Colosseo. E’ corretto dire che la sentenza non parla affatto di baci, ma di atti osceni, identificati dai carabinieri come sesso orale una pratica per la quale, si specifica al Comando, vengono fermate e multate tantissime coppie eterosessuali che, però, ovviamente ben si guardano dal denunciare la cosa pubblicamente.

Non voglio entrare nel merito della legge
 e addentrarmi nella definizione di un atto osceno e nemmeno di cosa è definibile come luogo pubblico. E’ chiaro che c’è una differenza macroscopica tra un maniaco che si apre il cappotto la mattina davanti alle bambine che escono da scuola e una coppia di fidanzati senza casa che fanno l’amore in macchina alle 3 del mattino quando nessun bambino potrebbe mai passare di lì. Il limite tra farlo per farsi vedere da altri o rischiare che accada e farlo apposta è lasciato a quel limite che gli Stati si impongono per dare un ordine alle società che governano.E’ quel limite imposto dall’alto che l’essere umano accetta, divenendo cittadino, insieme a tutte le altre regole che lo tutelano in altri ambiti.

Continua a leggere, qui. (scritto per Tiscali)