Liberate Amina, la blogger lesbica siriana


Il web si sta mobilitando per Amina, la blogger lesbica siriana.

Mettete la sua foto o il suo pic sulla vostra foto di FB.

Amina con il suo blog ha permesso a tutti noi di seguire cosa accadeva in Siria.

Qui il suo blog: http://damascusgaygirl.blogspot.com/

E qui una sua intervista:

http://rete-eco.it/it/approfondimenti/siria/21004-amina-lomosessualita-siriana-arriva-in-rete.html

Aggiornamento:

BLOGGER SIRIANA SCOMPARSA: VENERDI’ 10 GIUGNO ORE 13 SIT-IN DAVANTI AMBASCIATA SIRIANA A ROMA. APPELLO PER LA SUA LIBERAZIONE.

6 pensieri riguardo “Liberate Amina, la blogger lesbica siriana

  1. Stavo per mandarti una mail in proposito, per me è una questione quasi personale.
    Per la serie “quanto è piccolo il mondo grazie a internet”, io conoscevo Amina su un paio di liste di discussione americane (una di fantascienza e una di attualità politica) dove era protagonista di epiche litigate con islamofobi che votavano la Palin, e lì ho letto per la prima volta la notizia del suo arresto.
    In particolare la mobilitazione è fondamentale perché Amina ha la doppia nazionalità (è cittadina americana nata in USA e cittadina siriana solo per “ius sanguinis”) e forse le pressioni del Dipartimento di Stato pressato a sua volta dall’opinione pubblica possono ottenere qualcosa.

    "Mi piace"

    1. Non so che dirti. Lei partecipava a una lista di discussione con uno scrittore di fantascienza, S.M. Stirling, che è molto filo israeliano, e ne era stata buttata fuori dal moderatore (che poi è un liberal di San Francisco, google Bobby Hardenbrook) perché aveva litigato con l’autore sulla questione palestinese, poi aveva messo su tra il 2006 e il 2007 un’altra lista su Yahoogroups, intitolata Crescentland, (la terra della mezzaluna, nel doppio senso di Islam e Mezzaluna fertile, l’antica denominazione del medio oriente) e dedicata al mondo arabo, e su questa lista ci sono un paio di persone che conosco, un americano che faceva import export di calzature dall’Italia e un italiano leghista (lo so, è surreale) e nessuno dei due ha mai avuto dubbi sulla sua reale esistenza. Anche perché ci litigavano spesso di brutto. Insomma, troppa fatica per crearsi una identità fittizia.

      "Mi piace"

      1. D’altra parte il web ha i suoi anticorpi. Se vedi l’articolo sul Washington Post,
        loro hanno contattato proprio Scott Palter, il tizio che conosco e che per un periodo aveva fatto import-export dall’Italia, e lui ha dato alla giornalista l’indirizzo di casa di “Amina” che si era fatto dare per spedire gli auguri di Natale (lo fa anche con me). Da lì non è stato difficile risalire al proprietario della casa. Certo che crearsi una identità fittizia per cinque/sei anni…

        Non è che adesso scopriremo che Pippo Civati in realtà è un blogger australiano che scrive da Hanging Rock? 🙂

        "Mi piace"

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...