Perché ho presentato ricorso in Commissione di Garanzia contro i consiglieri regionali del PD del Lazio.


Carissimi consiglieri regionali,

due righe per spiegare il mio gesto di presentare un ricorso personalizzato nei vostri confronti.

Da mesi un gruppo di iscritti molto consistente ha chiesto trasparenza in merito ai pagamenti al Partito e per parte mia, in questi mesi, in particolare dalla periferia della città e dalle provincie ho ricevuto tantissime segnalazioni da parte di circoli che non ricevono sostentamento e che mi dichiaravano per certo che tizio o caio non versava al partito.

So che il gesto può sembrare estremo, ma è l’ultima ratio a cui siamo giunti dopo:

1) avere chiesto al Commissario Chiti di pubblicare l’anagrafica degli eletti sul sito del Partito del Lazio rendendo pubblica la situazione patrimoniale e dei loro pagamenti. La risposta è stata che per motivi di privacy non era possibile saperlo e che vi avrebbe inviato un telegramma di cui sappiamo per certo non ci è stato esito.

2) avere chiesto nell’ultima direzione regionale che i pagamenti venissero regolarizzati, riprendendo l’accorato appello del segretario romano che si diceva contrario alle primarie nel Lazio per motivi economici. Mi sono permessa di ricordare che i soldi per le primarie, se il PD Lazio ricevesse soldi dai suoi eletti, ci sarebbero. In ogni caso il partito deve essere messo in condizioni di fare politica sui territori, di promuovere il ricambio generazionale (cioé di quelli che non possono spendere 200 mila euro per una campagna elettorale), di affrontare la prossima campagna elettorale.

Se siete in regola con i pagamenti non avete nulla da temere (ieri ho anche avvertito qualcuno di voi che paga con certezza e ho trovato totale appoggio), anzi vi chiedo di dichiarare pubblicamente la vostra situazione per rendere più trasparente il rapporto tra gli iscritti e i propri eletti, cosa che mi aspetta d’ora in poi accada senza che nessuno di noi debba chiederlo in modo così brutale.

Purtroppo per evitare risposte generiche non ho potuto presentare un ricorso generico. In questo modo avremo una risposta su ognuno di voi e spero che la presidente Cipriani convochi la commissione al più presto per dirimere questo dubbio che riguarda ormai tutti gli iscritti del Lazio.

Mi auguro che chi non è in regola si metta a posto (magari, guarda caso, prima della riunione della commissione di garanzia!!!!) e che tutto si concluda felicemente.

Resta l’amarezza di stare dentro un partito in cui ci sono delle regole che tutti dovremmo rispettare e che nessuno le faccia rispettare se non in caso di denuncia.

Concludo ricordando che chi non è in regola con i pagamenti non può essere ricandidato né accedere a cariche di partito.

Sarà mia cura presentare un ricorso simile ogni 6 mesi e in ogni caso allargandolo a tutti i livelli degli eletti. In ogni caso questi sono gli strumenti che ci mette a disposizione il Partito per garantire il proprio funzionamento.

Colgo l’occasione per ricordare che i parlamentari usano il RID bancario.

4 pensieri riguardo “Perché ho presentato ricorso in Commissione di Garanzia contro i consiglieri regionali del PD del Lazio.

  1. Certo che ci vuole dello stomaco forte di nulla per restare in un partito e chiedere l´espulsione di tutti i suoi eletti….complementi!!
    mi raccomando se poi ti viene l´ulcera non fargli causa…..

    "Mi piace"

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...