Il Mutuo “omosessuale”.

9 febbraio 2012 § Lascia un commento


Ricevo e pubblico volentieri questa analisi sui mutui del 2011 fatta da mutui.it. E’ impossibile  fare confronti con gli anni precedenti perché sembra che ci sia stato, nel 2011, un vero e proprio boom e prima di quest’anno a nessuno era venuto in mente di fare questo studio.

Voglio dire una cosa relativamente alle tante polemiche sui Registri delle Unioni Civili che raccolgono poche coppie. Va considerato, infatti, che il Registro è ad oggi, purtroppo, solo simbolico, se si escludono alcune città, come per esempio Torino. In generale, però, i Registri, pur equiparando (e nemmeno sempre) le coppie omosessuali a quelle etero per l’erogazione dei servizi municipali, non possono intervenire sul punto più importante: le tutele in caso di morte e malattia o la possibilità di adozione del figlio del partner o della partner.

Questo dato evidenzia un numero considerevole di coppie omosessuali (se mai dovessimo ancora stare qui a parlarne) che contraendo un mutuo lungo, ha un elevatissimo senso di stabilità. Non sono conteggiate qui le coppie che contraggono mutui altrove o le coppie che sono abbienti e non necessitano di mutuo. Mi sembra un dato incredibile che andrà incrociato con il censimento Istat e va messo sul tavolo anche di questo Governo affinché metta una toppa ad una discriminazione che dura ormai da troppo tempo. Buona lettura.

Da un’indagine di Mutui.it emerge che nel 2011 sono state oltre 16mila le richieste di finanziamento presentate alle banche da coppie omosessuali. Principalmente maschi, di età superiore ai 40 anni. La durata media del finanziamento è di oltre 25 anni. 

ROMA – Le coppie omosessuali possono sposarsi in Spagna, possono adottare un figlio nel Regno Unito, nel nostro Paese. In Italia, in attesa di essere riconosciute legalmente, provano almeno a comprare casa. Secondo le analisi del broker Mutui.it (www.mutui.it) nel 2011 sono state oltre 16mila infatti le domande di mutuo inviate alle banche da coppie dello stesso sesso. 

Il dato, ricavato analizzando le richieste di fattibilità di mutuo inviate al sito nel corso dello scorso anno e ridimensionato considerando le ovvie esclusioni dei cittadini che richiedono un mutuo cointestato con soggetti dello stesso sesso ma con legami di parentela, fa emergere un quadro: esiste un segmento di mercato ancora piccolo, certo, ma comunque significativo. Soprattutto per la sua portata simbolica.

Con l’indagine condotta tra le domande compilate attraverso il sito, Mutui.it ha rilevato infatti che il 65% delle richieste di mutuo presentate da coppie omosessuali riguarda i finanziamenti per l’acquisto della prima casa, seguiti a distanza da quelli per surroga (12%) e ristrutturazione (7%). Focalizzando l’attenzione sui mutui prima casa, la domanda media per questo tipo di finanziamento è piuttosto elevata: si richiedono più di 190mila euro, pari al 75% del valore dell’immobile che si intende acquistare.

Il valore così elevato (+18% rispetto a un mutuo prima casa medio) si spiega col fatto che un mutuo cointestato è, per la Banca che lo eroga, più sicuro, e quindi consente ai mutuatari di richiedere una somma più alta. Il tasso variabile poi appare quello più ambito dalle coppie considerate: è scelto nel 51% dei casi, contro il 37% delle richieste di tasso fisso. L’età media della coppia al momento della richiesta è di 40 anni, mentre la durata media del finanziamento è di oltre 25 anni. Le coppie formate da due uomini rappresentano la maggioranza del campione analizzato: sono il 58%, contro un 42% delle coppie di donne.

“Benché quello che abbiamo evidenziato possa definirsi un fenomeno “di nicchia”– afferma Alberto Genovese, Amministratore Delegato di Mutui.it – è interessante notare come stia diminuendo il timore delle coppie ad esporsi. In questo senso, l’anonimato garantito da un comparatore online come Mutui.it abbatte l’insicurezza legata all’affrontare di persona un consulente in banca”.

 

Tag:, , , , , ,

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il Mutuo “omosessuale”. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: