Nasce “Lezioni di Impolitica, dialoghi su Roma”


Da oggi on line su IMille una rubrica dedicata all’ascolto della città di Roma, quella cosa che la politica non sa più fare o stenta a ricominciare. Un’avventura anarchica e letteraria o come diremmo qui, del tutto impolitica.

Il “manifesto” delle Lezioni e del perché di questo viaggio, lo potete leggere qui.

La prima Lezione è una bella intervista a Carlo Ratti, direttore del Senseable Lab del MIT che mercoledì tra l’altro sarà a Milano per Meet the Media Guru.

“Vi è […] un altro volto non nichilistico della politica ancora da esplorare ed è quello dell’impolitico. Che non è un ingenuo quanto impossibile ritrarsi dalla politica verso una dimensione ascetica, alternativa, ulteriore a quella politica:non c’è un altrove della politica, non ci è dato esiliarci da essa. L’impolitico è piuttosto una critica mista – come direbbero Wittgenstein e Simone Weil – della politica. Ovvero, la consapevolezza che la politica è temporalmente e spazialmente determinata, finita. E’ prendere atto che la politica, il suo fare, è senza fondamento. O meglio, che il suo fondamento, semmai, va ricercato, di volta in volta, nella prassi, nel suo quotidiano fare, a cui tuttavia la politica è destinata.” Da L’antipolitica: viaggio nell’Italia del disincanto di Giuseppe Cantarano. Donzelli Editore.

3 pensieri riguardo “Nasce “Lezioni di Impolitica, dialoghi su Roma”

  1. Traduzione:
    “Oddiooo Grillo sta al 7%!!! Imbarchiamo anche lui (o al massimo il suo metodo) oltre ai cattolici, agli imprenditori, agli operai, ai precari, ai palazzinari, agli intellettualoidi, ai puffi e agli unicorni. Il PD di tutto, di più.”

    Mi piace

  2. Sarebbe stiloso da parte tua lasciar perdere l’aggettivo “anarchica” visto che nè tu nè il tuo partito con l’anarchia avete niente a che fare. a meno che non si voglia intendere nel senso di “bighellona, che va in giro di qua e di là senza concludere un cazzo di preciso e concreto ma si dà arie da intellettuale, e fa quel cazzo che le pare”: il che potrebbe forse adattarsi all’avventura in questione o forse no, ma certo non si adatta all’idea di anarchia.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...