Se il dibattito in Fabbrica è proprietà privata.

20 aprile 2012 § 2 commenti


Mi sfugge il motivo per cui la Camusso non vuole che la Fornero, in qualità di Ministro del Lavoro, vada in una fabbrica a parlare con i lavoratori della Riforma del Lavoro.

Proprio, davvero, mi sfugge nel modo più assoluto.

Anzi mi sarei aspettata un:vengo anche io, molto più provocatorio.

Mi sfugge anche che questa scelta sia definita supponente, visto che per me è tutto il contrario. Trovo supponente e sintomo di enorme debolezza dire che questa visita sia inopportuna.

Il territorio di dibattito dentro le fabbriche appartiene ai lavoratori, perché le menti ed il pensiero appartengono solo ed esclusivamente all’individuo. Motivo per cui detesto chi si piazza davanti alle porte per impedire a chi vuole lavorare di farlo. Questo sì che è un principio fondamentale di democrazia. Non appartiene al datore di lavoro perché quell’ambito non gli compete perché chi dà lavoro non governa il pensiero di chi lavora. Ma questo deve valere anche per il sindacato. Altrimenti diventa una contesa di un bene non contendibile: la libertà di pensiero. I lavoratori sono cittadini (e ci sarebbe da aprire un dibattito sull’articolo 1 della nostra Costituzione per approfondire il valore identitario di cittadinanza e lavoro) ed hanno il diritto, anche nella sede di lavoro, di riunirsi in assemblee sindacali tanto quanto di ascoltare un ministro. A meno che non li si giudichi così cretini da bersi qualsiasi cosa. Non andranno mica indottrinati gli operai.

Forse, solo ascoltati davvero.

No?

Tag:, , ,

§ 2 risposte a Se il dibattito in Fabbrica è proprietà privata.

  • fcoraz ha detto:

    Semplice: FIOM e CGIL sono separati in casa, in attesa di divorzio…

    Mi piace

  • Jacopo Bombarda ha detto:

    l’ha spiegato, lapidariamente, la stessa camusso; c’è uno sciopero da fissare, la visita della fornero rischia di sortire un effetto del tipo “il ministro vuole il confronto ma la cgil si intestardisce e sciopera lo stesso”; mentre in realtà lo sciopero era stato deciso molto prima; forse la fornero avrebbe fatto meglio ad andarci prima, a parlare con gli operai nelle fabbriche; adesso è solo una strategia da furbacchiona, come le sue lacrime finte;

    p.s. chi lavora quando c’è sciopero neutralizza la lotta di tutti per i diritti di tutti; impedirgli di lavorare non è antidemocratico; semplicemente è evitare che pochi servo rovinino l’azione di molti; sfogliando un po’ di giurisprudenza in merito, si vede bene che il picchetto è uno degli aspetti in cui si articola il diritto di sciopero!

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Se il dibattito in Fabbrica è proprietà privata. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: