Noi, Bella Ciao, le isole Aaran e il giapponese.

26 aprile 2012 § 1 Commento


Eravamo alle isole Aaran.

Irlanda. Da soli, niente turisti che non era l’isola di moda e avevamo sbagliato banchina.

Per fortuna.

Tanto whisky, birra e stelle che erano più del buio e dei muretti. E delle pecore. Ma quante stelle, diosanto. Quante che cadevano giù come se piovessero.

Un pub pieno di irlandesi che erano lì per un corso di gaelico, per conservarlo dall’inglese che divorava, cannibale, la lingua antica.

L’orgoglio di un popolo in un cerchio illuminato. Un violino. Piedi che battono a terra. Il canto doloroso dell’oppressione.

E gli unici altri due turisti in tutta l’isola erano due giapponesi. Una coppia. Lui ci cantò “Bella Ciao” in giapponese (Sarato’….) che per lui quella era l’Italia e noi lo guardavamo con gli occhi sgranati che non era possibile che fosse arrivata fin lì.

E invece.

 

Annunci

Tag:, ,

§ Una risposta a Noi, Bella Ciao, le isole Aaran e il giapponese.

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Noi, Bella Ciao, le isole Aaran e il giapponese. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: