Di nuovo su Freda, Alemanno e Nietzsche

2 maggio 2012 § Lascia un commento


…visto che come racconta Ugo Maria Tassinari siamo finiti (sul Secolo d’Italia) nel tritacarne della destra priva di riferimenti come capro espiatorio ignaro.

Una bella lettura…è’ il tipico pezzo che sposta solo il colore a chi ti vorrebbe incontrare in un vicolo buio, ma vabbé, d’altronde l’ignoranza è una brutta bestia sia a destra che a sinistra.

Grazie al compagno Tassinari che tiene lo studio delle destre su una dimensione che io chiamo “artigianato della memoria”.

Dimenticare è anche smettere di studiare. Chi lo fa non onora i morti, ma partecipa solo a commemorazioni.

Annunci

Tag:, , , , ,

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Di nuovo su Freda, Alemanno e Nietzsche su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: