La migliore analisi di Roma degli ultimi anni

1 agosto 2012 § 1 Commento


Ecco Estella Marino, ingegnere ambientale ed urbanista che in 7000 battute ci racconta Roma.

Come siamo arrivati a questo, cosa non abbiamo fatto e cosa dovremmo fare. Quando si dice: stagliarsi politicamente e segnare distanza dalla pochezza politica imperante:

“Non basta avere le idee giuste, per il governo di una metropoli, è necessario che anche il “corpo” che le fa atterrare sul territorio, che la macchina tecnica e amministrativa costituita nel nostro caso dal Comune sia in grado praticarle, altrimenti rimarranno delle splendide idee, sulla carta. So che sembra una notazione di basso profilo, perchè il corpo appare sempre meno nobile della testa, ma non è così, per chi ha esperienza dentro la vita di un ente locale, o nella pubblica amministrazione, e ha onestà intellettuale per analizzare le cose che accadono non può non aver registrato la differenza abissale quando le risorse umane sono motivate, competenti, qualificate, nel raggiungere gli obiettivi, nel realizzare servizi e beni pubblici.”

Nel frattempo, almeno io ho trovato chi voglio votare a Roma nel 2013: lei.

Annunci

Tag:, , , , ,

§ Una risposta a La migliore analisi di Roma degli ultimi anni

  • Torquato Cardilli ha detto:

    I servizi di trasporto pubblico inefficienti e inadeguati (autobus, metropolitane ecc.), l’area verde in uno stato pietoso, la sporcizia ovunque anche sul raccordo anulare, la raccolta rifiuti e la spazzatura delle strade da terzo mondo, la circolazione caotica, i vigili urbani che non fanno il loro mestiere, gli impiegati fannulloni, i cittadini maleducati, le affissioni illegali, gli argini del Tevere in perenne abbandono, gli ospedali e le varie ASL in uno stato di degrado, le strade sconnesse e piene di buche, i marciapiede rotti, gli alberi non curati, il formicolio di medicanti ad ogni angolo, lo spaccio continuo di droga, le prostitute sulle strade senza permesso di soggiorno, i venditori ambulanti che stazionano sempre nei soliti posti, le deiezioni canine che obbligano a gimkane, mezzi pubblici, mura di edifici e monumenti imbrattati con vernici, ecc. sono forse mali che si curano facendo l’analisi di chi non ha fatto cosa negli ultimi 10 o 20 anni? Lasciamo questo compito ai posteri.
    Per ora vorrei vedere da subito più Stato per la strada, più rigore nel rispetto delle leggi, più senso del dovere negli addetti, più partecipazione straordinaria anche di reparti militari e altri corpi dello stato, più controlli sui mezzi pubblici e sulle strade. Vorrei vedere anche meno auto blu in circolazione, meno scorte con lampeggiatore, meno cerimonie pubbliche, meno enfasi nell’esaltazione dell’italianità, meno privilegi che rappresentano una forma odiosa di discriminazione e di negazione dell’equità, meno ingressi gratuiti regalati a chi invece può permettersi il lusso di pagare.
    Se in politica estera di fronte ad un pericolo globale si rinuncia a porzioni della sovranità nazionale per il bene della pace, anche3 in politica interna si può rinunciare per un tempo limitato a porzioni di sovranità individuale per la realizzazione di una società che sia più giusta e più equa.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo La migliore analisi di Roma degli ultimi anni su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: