Ha a che fare.

14 dicembre 2012 § 2 commenti


Capita che, almeno per me, non è cambiato nulla, anche se ho detto che voglio candidarmi alle primarie che selezioneranno parte dei parlamentari del mio partito.

Non sono ancora uscite le regole, la data sembra sarà il 28 dicembre. Non si capisce se si vota su base provinciale o cittadina o di collegio, se ci sarà la doppia preferenza, quanti posti Bersani terrà per se e quanti verranno decisi dalle primarie. E’ comunque giusto provarci, così come abbiamo fatto nella battaglia nazionale.

Ma capita che in queste ore mi è tornata la voglia di usare questo blog come una volta per dire semplicemente quello che penso – come sempre – e di farlo di notte, quando ho il tempo e la calma.

Che in queste ore di caos totale ci vuole molta calma : Berlusconi gioca con il Paese in cerca del numero migliore, come fosse una cabala, per assicurare soluzione ai propri problemi personali e a quelli dei suoi sodali. E Monti senatore a vita forse si candida e tutti lo vogliono e nello stesso tempo non lo vogliono.  Un gioco perverso che non permette quasi a nessuno di avere chiaro il quadro istituzionale dei prossimi anni. Il livello di incertezza è enorme e questo ha un impatto grave, gravissimo sulle cose da pianificare e da mettere in campo per dare al Paese quella svolta di cui ha bisogno. La cosa più certa sembra un Monti Bis. Da verificare se con una maggioranza di centro destra o di centro sinistra. Impossibile dire che sia la stessa cosa, ma anche spiegare che sarebbe diverso non è facile manco per niente.

Mi preoccupa (eh, un po’ sì) che Bersani dica che SeL è forza rilevante su ambiente e diritti, come se non ci fosse tutto un tema legato al lavoro ed alla economia che è fondamentale per SeL e che è impensabile dire a SeL di abdicare a parte del proprio patrimonio culturale a meno che la strada non sia definita prima e  non sia solo tattica per una campagna elettorale.

Mi preoccupa questo dare per scontata l’alleanza con il centro, che forse serve per tenerselo vicino (il centro) e non farlo andare altrove, come se stessimo cedendo di nuovo al ricatto di Berlusconi che rinuncerebbe alla candidatura, di nuovo, in cambio di una grande alleanza di centro destra, lega compresa. Anche se per fortuna pare che rimettere insieme tutti sia complicato, ma lo abbiamo già visto accadere. Mi preoccupa, però, se questo impedire la fuga del centro verso destra ha un costo che in Sicilia stiamo già pagando: è già indagato un eletto in consiglio regionale dell’UDC, alleato con il PD e che sostiene il governo Crocetta. Che costo dobbiamo pagare, tutti noi, per avvelenarci in questo abbraccio? Quanto costerà al Paese?

Insomma quale velenosa alchimia sta stregando da decenni la politica italiana che non riesce a trovare un solco comune e ragiona solo per alleanze, accordi tra sigle, patti di sangue. Cosa ha a che fare con gli asili nido, con il trasporto pubblico, con la scuola pubblica, con il rilancio di nuove industrie e con il consumo di suolo.

Tutto, in realtà. Parlare di questo, della questione morale, della selezione della classe dirigente, dell’avere un programma e non un piano di alleanze ha, purtroppo, a che fare proprio con la nostra vita di ogni giorno, quella di chi sta pensando a come pagare l’Imu, sperando (se ne ha diritto) che la tredicesima arrivi per tempo. Ha a che fare con quel signore che incontro ogni giorno al semaforo, non dico dove, che è italiano e forse è un esodato o comunque deve chiedere soldi, dignitosamente, ma deve.

Insomma non è facile per niente in questo momento mantenere la barra dritta, ricordarsi perché e dove si è cominciato a voler cambiare le cose. Io so solo che se non cambiamo le cose nella stanza dei bottoni (non le persone, non le generazioni, ma il metodo e i legami basati sul potere e non sul Paese) non serve a nulla riempirsi la bocca di belle parole, di chilometri di bei progetti di green economy o di altro. Serve, maledizione, avere un governo di persone che abbiano a cuore il Paese prima del proprio destino personale e che nell’ambizione di poter fare qualcosa, abbiano l’ambizione del servizio. L’ambizione non di “restare” al potere, ma di “restare” per quello che si è modificato con il proprio passaggio.

Annunci

Tag:

§ 2 risposte a Ha a che fare.

  • Lorenzo Dalai ha detto:

    brava Cristiana,hai centrato la questione: se non si cambiano le modalità di fare politica,non avremo futuro.Giuro che se Monti si dovesse candidare,o fare una sua lista,o allearsi con chichessia,voterò comunque contro di lui.Se vuole avere un ruolo può essere solo quello di ministro in un governo Bersani.Altrimenti faccia il senatore a vita….

    Mi piace

  • Jacopo ha detto:

    lo scrivo spesso, anche qui su, e lo penso. bersani è uno che dice una cosa davanti a qualcuno e il suo contrario davanti a qualcun altro. parlando a padova, qualche tempo fa, di fronte a chi gli chiedeva cosa ne pensasse del referendum sulla legge fornero, disse che in fondo lui non era contrario. lo stesso ha detto a pomigliano, insieme a vendola, quando doveva convincere il maggior numero possibile di operai che avevano votato vendola a votare per lui al ballottaggio; detta in parole povere: quando si trattava di fregarsi i loro voti per vincere. invece intervistato dai giornali “europei” dice che vendola va bene per certe cose e per certe altre invece no. che in pratica, più che un alleato, è quasi un aiutante, che accorre se lo chiami altrimenti zitto e mosca. totalmente contrario come ero e resto al messaggio, alle idee, allo stile di renzi, gli riconosco una dote: la chiarezza, totale, quasi brutale (un merito, almeno lo ha avuto: dimostrare che chiarezza non è certo sinonimo di volgarità). alla quale bersani risponde con un’ipocrisia che ormai ha del vomitevole. per ora sono sempre più convinto della mia scheda bianca al ballottaggio; se continua così, bersani riuscirà a farmi lasciare in bianco un’altra scheda, in un’occasione che sarà più importante del ballottaggio delle primarie. spero che non mi tocchi arrivare a tanto…

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ha a che fare. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: