Molto sinteticamente.

9 aprile 2013 § 61 commenti


1) Mi dimetto da ogni carica che ricopro nel PD (e la mia tessera è a disposizione del segretario Bersani)

2) L’accusa di razzismo e di istigazione all’odio razziale è infamante e mi difenderò con serenità nelle sedi opportune anche querelando singolarmente alcune persone.

3) Il risultato delle primarie di Roma è stato probabilmente “salvato” dal fatto che in molti hanno denunciato non “stranieri che votavano” ma “numeri anomali” che riguardavano stranieri come altre categorie. Così come molti per giorni denunciavano lo sperpero di denaro in manifesti abusivi, spesso attaccati da migranti, probabilmente in nero. Chi vuole vedere razzismo nella statistica preferisce colpire le cose che non si vogliono sentire piuttosto che domandarsi cosa accade spesso durante le primarie o durante le elezioni. Anche questo verrà circonstanziato nelle sedi opportune.
4) Quando Veltroni parlò di cinesi al voto a Napoli nessuno gli diede del razzista. Domandatevi perché la parola ROM vi fa così male. A me non lo fa, per questo la uso. E’ una parola bella, che racchiude la libertà di un popolo a cui dovremmo dedicare tempo e dedizione e non ipocrisia pelosa e interesse fittizio. Mi permetto di aggiungere che il tempo e la dedizione vanno messi nel costruire per la comunità ROM una vera integrazione e non “condizioni migliori” nei campi. La comunità che la politica ha il compito di costruire in questo Paese non si deve fondare sulla separazione dei corpi dagli occhi. Riflettiamoci. Tutti. Spero il linciaggio abbia lavato qualche coscienza. La mia è pulita.
5) Auguro ad Ignazio Marino di vincere queste elezioni, Roma non si merita questo degrado culturale e mi auguro che Ignazio sappia costruire una città dove trovino cittadinanza tutti: una città dove la capacità di scegliere sia sempre più consapevole. Ne ha bisogno Roma, ne ha bisogno l’Italia.
6) Mri famiglia ma dicheri rado

Tag:,

§ 61 risposte a Molto sinteticamente.

  • anellidifum0 ha detto:

    Mri famiglia ma dicheri rado = “La mia famiglia mi vuole bene”. A giudicare da ciò che diversi piddini ti hanno gettatto addosso, non direi che è così, ma forse ormai ti riferisci a un altro genere di famiglia, più vera. Non approvo le dimissioni, ti sono vicino in un momento difficile.

    Mi piace

  • Filippo Filippini ha detto:

    Ti sono vicino, Cristiana

    Mi piace

  • antonella ha detto:

    Permettimi di dire che, oltre ai bisogni da te elencati, c’è bisogno di donne come te nel Pd. Anche io non approvo le tue dimissioni, ma proprio per niente. Gli ipocriti del web, quelli che ti sono scagliati addosso senza nulla sapere del tuo impegno fino ad oggi, non meritano di sentirsi pure vittoriosi oltre che, certo, purissimi e giustissimi (dietro le loro tastierine).

    Mi piace

  • cloudofthesea ha detto:

    Salmanche (Mi dispiace). Hai ragione su tutta la linea. Se posso farti un appunto, quella frase l’hai sparata fuori in modo un po’ infelice. E sono sempre più convinta che i social siano mezzi con più lati negativi che positivi. Accidenti. Ci sono giorni in cui la coerenza è odiosa, ad esempio quando allontana dal PD una persona come te. Chi ha fatto affiggere manifesti abusivi è ancora lì, chi ha comprato voti è ancora lì, chi sta per inciuciare con la tristemente nota mascherina è ancora lì. Fottuta coerenza. Ma ormai c’è rimasta solo lei…

    Mi piace

  • Marco G. ha detto:

    Io non ti conosco, da come molti ti esprimono solidarietà magari è vero che le tue parole sono andate molto oltre le intenzioni.

    Però chi fa politica lavora con le parole e dovrebbe saper gestire anche e soprattutto temi delicati. Forse semplicemente non è il tuo mestiere, in questo senso dimettersi credo sia la decisione giusta.

    Non entro neppure nel merito del fatto, credo basti il modo in cui hai difeso il tuo punto di vista. E’ stato obiettivamente un pochino inquietante.

    Al di là di ogni altra considerazione se gli attivisti politici di sinistra si esprimono in certi termini davvero qualcosa non va per il verso giusto o magari, spero/credo, semplicemente non è il tuo mestiere.

    Mi piace

  • gianni ferrarotti ha detto:

    Mi dispiace per le tue dimissioni, spero che ti convincano a restare. Solidarietà.

    Mi piace

  • stefano ha detto:

    Trovo assurde le accuse fatte a te, Cristiana, tra ieri sera e oggi sui social network.
    Penso, come cercavo di argomentare ieri, che tu abbia commesso una leggerezza nel linguaggio in quella frase, e forse ti sei “difesa” proprio male; ma è davvero incredibile passare da qui all’accusarti di razzismo.

    Sulla questione delle tue dimissioni invece non entro, non avendo dati a sufficienza per esprimere un parere ed essendo credo molto legata alla sensibilità personale di ognuno di noi. Certo, la frase è stata infelice e non è stato forse un buon servizio fatto per il Pd; ma da qui a fare processi politici ce ne vuole.
    Un cordiale saluto.

    Mi piace

  • Alessandro ha detto:

    Se a Veltroni nessuno diede del razzista quando parlò di cinesi e a te invece è successo per i rom, la differenza è questa: si sperava (o almeno lo speravo io) che tu fossi diversa da Veltroni. Diversa da uno che, con quella storia passata, ha negato di essere mai stato comunista.
    Ricordati di quando hai chiesto le dimissioni di Mario Adinolfi.

    Mi piace

  • Alessio Pieri ha detto:

    Sono profondamente dispiaciuto per le tue dimissioni, posso comprendere che l’accusa di razzismo sia intollerabile (e io ritengo completamente infondata) e per questo mi scuso come tesserato del PD. Quello che non posso comprendere è il gioco al massacro che questo partito sta facendo, nel tuo caso come la preferenza di Alberto Monaci (“re” di Siena e completamente invischiato nello scandalo MPS) a Matteo Renzi nella figura di Grande Elettore.. Ho la sensazione che nessuno voglia realmente il cambiamento

    Mi piace

  • Fulu ha detto:

    Mi dispiace molto la cosa, queste battagli bisogna continuare a combatterle dall’interno! Se te molli chi ci resta?

    Ma soprattutto speravo di poterti votare al Campidoglio

    Mi piace

  • Io le trovo doverose, hai detto una frase molto molto infelice e ti sei ostinata a difenderla così com’era. Continuare come fanno alcuni a dare la colpa ai commentatori è a dir poco miope: il putiferio che si è scatenato era largamente prevedibile, tanto più che si trattava delle primarie del partito in cui milit(av)i e che l’accusa era di voto di scambio, che ricordo è un reato e va trattato nelle sedi opportune, non sui social network.
    Quando poi il candidato del M5S ha messo in rete quello che ha messo, son tutti caduti dal pero… solito tafazzismo del PD e dei suoi elettori, niente di nuovo purtroppo.
    Mi permetto ancora una cosa: “integrazione” è una parola tendenzialmente pericolosa, perché richiama il concetto di omologazione che non ha niente a che vedere con i principi di sinistra. Quindi confermo quello che ti ho scritto nel mio primo commento (a cui hai risposto che non sapevo di cosa si stesse parlando): sull’immigrazione il PD deve lavorare ancora tantissimo, sia a livello pratico che di comunicazione.
    Su Veltroni a Napoli, be’ basta guardare chi poi è diventato sindaco… se non le avete ancora capite ‘ste cose è bene che iniziate a farlo.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      Non parlare di PD. Stai generalizzando. Scrivimi in cosa sbaglio. Ho sempre parlato di convivenza felice. Cosa intendi per integrazione? Io certo non intendo appiattimento culturale su cultura egemone. Tu?

      Mi piace

      • L’errore non è nell’intenzione secondo me, ma ancora nella comunicazione. Quando dici “Mi permetto di aggiungere che il tempo e la dedizione vanno messi nel costruire per la comunità ROM una vera integrazione e non “condizioni migliori” nei campi.” me lo devi dire tu cosa intendi, perché io ‘sta frase (magari riadattata a seconda della comunità cui si riferisce) l’ho letta e sentita un sacco di volte. Anche in Veneto per la Lega gli immigrati si dovevano integrare, il che voleva dire diventare anche loro dei bravi veneti. Te lo ripeto, non è un problema di intenzioni è proprio un problema di linguaggio che c’è a sinistra, generalizzo? no, secondo me lo spostamento (o l’omologazione) verso destra è proprio diffuso, “statisticamente”.
        Riguardo l’accusa di razzismo sarà anche eccessiva ma non puoi dire che fosse inattesa. Da quello che hai detto a tradurre come hanno fatto molti “dove c’è una fila di rom c’è qualcosa che non va” non ci voleva chissà che lungimiranza o una mente machiavellica.

        Mi piace

  • scialuppe ha detto:

    Tutto ciò è assurdo.
    E comunque sono riusciti a farti fuori dal PD. Mi dispiace per te, so che ci credevi.

    Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Solidarietà.

    Vittima del solito buonismo perbenista che inchioda il paese al pietismo di stampo cattolico.

    Ripensaci.

    Mi piace

  • piero malenotti ha detto:

    non ci mancherai. Dimissioni doverose

    Mi piace

  • fra ha detto:

    ho perso il filo delle giravolte da marino a renzi e gentiloni,,, ma il pd che volevo era anche un pd che parlava come mangiasse. Se la dirigenza parla con Calderoli ed altri che pensano agli africani definendoli come i bingo bongo tutto ok, se una dirigente lesbica di minoranza ma moderata nota che qualcosa non va nelle primarie (nulla contro i ROM, ma che un popolo nomade voglia partecipare in massa a delle primarie di un partito non può non destare attenzione) allora deve dimettersi. Fate un po’ schifo.

    Mi piace

  • Massimo Manghi ha detto:

    Ti prego Alicata, non cedere all’amarezza. La democrazia non è se non è rigorosamente trasparente

    Mi piace

  • lucagrasselli ha detto:

    Ti sono molto vicino.

    Mi piace

  • Anonimo ha detto:

    http://www.giornalettismo.com/archives/869299/primarie-i-rom-denunciano-il-candidato-del-movimento-5-stelle/
    Perchè non rispondi a loro?
    Siamo diventati tutti più realisti del re, pur di farci del male tra noi. Non entro nel merito delle tue dimissioni, però dico che hai scritto una cavolata di cui, sinceramente, nessuno sentiva il bisogno, soprattutto in questo momento

    Mi piace

  • Luciano ha detto:

    Io credo che ognuno deve essere responsabile per quello che afferma, ancora di più se ricopre cariche pubbliche. Dissento da chi afferma che sei stata allontanata dal PD. Le Tue dichiarazioni che ho letto sul Blog riguardanti il PD, mi hanno dato la sensazione di chi non si trovasse a suo agio in quel Partito, pertanto, forse hai fatto la cosa più giusta e se qualcuno ti dicesse di ripensarci, ti consiglio di rimanere ferma nella Tua decisione. Con simpatia

    Mi piace

  • Sandman ha detto:

    Non scrivo per mettere il dito nella piaga (rinfacciando o rimproverando) ma per dirti che secondo me il gesto delle dimissioni è responsabile. Specialmente in questa politica dove è preponderante nascondersi dopo aver “pestato una me**a”. Già questo ti fa tornare a un livello superiore dei tuoi colleghi di partito.

    Credo però che chi dà le dimissioni abbia il desiderio che queste vengano capite. Ma, come nelle storie d’amore finite male, spesso non serve.. quindi non crucciarti se non accadrà.
    Allora ti dimetti dalle tue cariche e resti in un angolo? Ce la farai?

    Mi piace

  • Antonio ha detto:

    Cristiana, hai tutta la mia solidarietà perché la tua storia dice chiaramente che l’accusa di razzismo è semplicemente ridicola oltre che infamante. Ma ti prego di riflettere su come ogni discorso complesso possa essere distorto quando è compresso in pochi caratteri. La strumentalizzazione dei discorsi è vecchia come il mondo ma oggi gli si rende il compito di una facilità estrema perchè ci si affida a strumenti che non consentono di argomentare. Non è un punto superficiale, è il cardine di tanta comunicazione odierna, fatta di affermazioni veloci che non hanno il tempo del respiro e non hanno il respiro che richiedono. Il problema è proprio in quel “molto sinteticamente”, quando ho letto il tuo tweet ho fatto un salto sulla sedia ma ho capito cosa intendevi, molti però hanno visto in quelle poche parole quanto era sufficiente per attaccarti. Un saluto e buona fortuna.

    Mi piace

  • Paolo ha detto:

    Cara Cristiana, sei la persona che ho sempre pensato che tu fossi e che ho seguito nelle sue battaglie per molti anni: onesta, coerente e con una idea alta della politica praticata per gli altri. La tua militanza politica è lì a testimoniarlo, chi la vuol vedere non deve fare altro che aprire gli occhi. E se qualcuno vuole strumentalizzare il niente, non ci pensare, sono soltanto i soliti problemi non risolti che si porta dietro da una vita.
    Grazie per tutto quello che ancora hai da darci e auguri.

    Mi piace

  • Nino ha detto:

    Si critica cristiana per una uscita infelice (era infelice perchè facilmente interpretabile in maniera malevola), ma nessuno parla di ciò che cristiana voleva denunciare, ovvero che nel PD ci sono state persone (come scritto anche nei verbali di alcuni seggi) che hanno acquistato voti.

    Sono contento di non aver niente a che fare con il PD

    Mi piace

  • guelu ha detto:

    Cara Cristiana,
    ripensaci perché la tua passione ed onestà serve nel partito.

    Mi piace

  • Lorenzo M. ha detto:

    Hai sollevato un problema reale, cui nessuno sta rispondendo e che il partito preferisce ignorare, utilizzando forse ( forse, eh! ) parole un pochino infelici. Mi spiace delle tue dimissioni. Ma se il partito continua a ignorare quello che questa mattina diversi quotidiani sbattono nero su bianco con nomi e cognomi, hai fatto bene a prenderne le distanze: meglio tenersi fuori da questa melma, e non esserne complici.

    Mi piace

    • Marta ha detto:

      Ma quali giornali? Nomi e cognomi? Io online non trovo nulla.

      Al massimo la notizia delle dimissioni e del fatto che la ragazza sbattuta sui volantini pensa di fare querela per diffamazione.

      Ho l’impressione che questi “diversi quotidiani” siano un po’ come le file di rom sicuramente prezzolati, che ha riportato per sentito dire e senza neppure averle viste o averci parlato o aver preso tempo per approfondire il discorso prima di correre a pubblicare tutto sui SN.

      Se temi del genere e attivismo politico va bene siano gestiti così andiamo bene. Suvvia.

      Mi piace

      • antonella ha detto:

        Il problema reale sollevato da Alicata è questo

        http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/04/10/news/la_vera_storia_dei_rom_al_voto_il_caso_dei_seggi_a_tor_bella_monaca_-56314021/

        Ho capito fino in fondo, con questa storia, quanto poco possa essere amata nel PD una dirigente che ‘rompe le palle’ e con le affissioni abusive e con il voto di scambio e con tante belle pratiche politiche consolidate. E per questo, dunque, non una voce della gerarchia piddina si leva in sua difesa. Che schifo!

        Mi piace

        • Ma nell’articolo di Repubblica, dove sono ‘ste file di rom pagati per votare?

          Mi piace

        • antonella ha detto:

          Vedo che del voto di scambio non te ne importa nulla, Laura.
          Almeno rileggi quello che ha scritto Alicata qui, in questo post, per capire di cosa parla.

          Mi piace

        • Ripeto la domanda. Nell’articolo di Repubblica dove si parla di “infinite file di rom”?

          Mi piace

        • Inoltre, visto che sono io che sbaglio ma intanto il casino c’è, eventualmente si dice (prove in tasca ovviamente) che ci sono episodi di voti di scambio, non che ci sono le “solite infinite file di rom”, che è una frase che detta così vuol dire solo che siccome ci sono i rom in fila c’è qualcosa di losco.
          Questo è venuto fuori da quelle parole e, porca miseria, ma davvero non lo vedete? possibile che sia tutto un gombloddo di bersano e che Alicata non abbia sbagliato mezza parola?

          Mi piace

        • Antonella che vuoi che faccia… ti do ragione, Alicata ha detto parole perfette, per nulla frettolose o ambigue o facilmente interpretabili come razziste, in realtà è tutto un gombloddo dell’apparato (mi pare di parlare coi grillini…) per farla fuori. A domanda però hai risposto. Hai detto che Repubblica non parla di rom, ma che comunque credi che sia vero. Sarà per zelo fuori bersgalio, ma mi pare che ancora di prove in giro non se ne vedano, men che meno l’articolo che hai linkato. E in caso, lo ripeto, le dichiarazioni vanno fatte dopo, con una certa freddezza possibilmente.

          Mi piace

      • Lorenzo M. ha detto:

        Nessuno parla di Rom, ma di voto “guidato”. Tra i quotidiani, l’edizione cartacea de La Repubblica. La Rai ha dato notizia di un intervento della polizia in uno dei seggi a Tor Bella Monaca, per sedare la lite tra esponenti del PD in merito all’episodio segnalato. Le denunce, con nomi e cognomi, le fa l’ex capogruppo del PD ( dimessosi subito dopo le primarie ) del municipio di zona. Uno dei candidati a presidente del VI municipio dichiara testualmente: “…intere famiglie di extracomunitari prelevate dalle loro abitazioni, da scagnozzi prezzolati, per recarsi a votare dietro compenso di denaro…“
        E il problema sono le parole della nostra ospite?

        Mi piace

        • antonella ha detto:

          Sono sempre stupita da chi, con le migliori intenzioni del mondo, diventa l’utile strumento di chi vuole far tacere una voce fastidiosa.
          Laura, se non capisci che col tuo zelo fuori bersaglio (anche perché io non credo che l’accusa di Alicata sia campata per aria anche nello specifico del voto comprato di alcuni Rom, e credo che si saprà a breve) stai facendo il gioco di chi su certe pratiche corrotte costruisce il proprio potere e di chi non tollera che arrivi un’Alicata a dirgli che certo modo di fare politica è orrore, non so proprio che farci.

          Mi piace

  • marco ha detto:

    potrai anche dimetterti dalle cariche un partito, ma resti l’anima di un modo di pensare che non va via con te. I colonnelli dei giochi di palazzo non ti hanno mai potuta tollerare, proprio in virtù della tua libertà e della dedizione ad un progetto di cambiamento e non di poltrone.
    Ammiro la tua coerenza, ma ti chiedo di non mollare: la classe politica italiana ha bisogno di persone come te!

    Mi piace

  • Dome ha detto:

    Ti conosco e so benissimo che non sei razzista, e’ davvero impossibile che tu lo sia.

    Approvo le dimissioni ma spero che vengano respinte.

    Mi piace

  • Enrico ha detto:

    Cristiana,
    sinceramente e con affetto vero: ma rilassarsi no?
    Anche perché, francamente, non capisco: due giorni fa hai scritto che tutto era andato bene, ed oggi dici che te ne vai?
    Si è trattato, secondo me, di una polemica un po’ inutile.
    Non per le accuse ingiuste di razzismo che ti hanno fatto, ma perché hai sollevato, in un momento in cui i giornali non aspettano altro per attaccarci (e infatti sei subito finita sulla home di Repubblica), una questione francamente marginale, visti i numeri e il risultato schiacciante di Marino, davvero inedito nelle proporzioni.
    Non dico di nascondere i problemi sotto il tappeto, per carità, ma, per l’appunto, di parlare dei problemi veri: non di incidenti assolutamente irrilevanti rispetto alla dimensione del fenomeno.
    Le accuse di razzismo sono pelose ed ingiustificate, giocano in maniera scorretta sulla sinteticità della tua frase.
    Da qui a dimettersi, però, a meno che non sia successo altro di cui non parli in questo post, mi sembra ce ne corra.
    Sei un elemento valido di questo partito, sebbene spesso non condivida le tue idee: perché andarsene per una polemicuccia di cui tra una settimana non si ricorderà nessuno?

    (Sono cattivo, lo so: spero, però, che non siano di quelle pseudo-dimissioni lampo a cui molti ci hanno abituato. Per me, rientra quando vuoi, basta che ti scusi per questa sbroccata).

    Mi piace

  • Jacopo ha detto:

    solidarietà da uno che non è quasi mai d’accordo con te. secondo me è meglio se non ti dimetti.

    Mi piace

  • irene ha detto:

    E te ne andrai
    coi tuoi pensieri lisi
    fatti a brandelli
    da quegli infelici
    che al cambiamento
    non si sono arresi.

    prendi il tuo orgoglio
    e tutti i tuoi talenti
    smettila di elargirli
    ai quattro venti
    che non conviene
    dare perle ai porci.

    oggi che il mondo grida
    e ti rimprovera di essere sincera
    oggi non è il momento
    di parlare.
    e te ne andrai
    ma non sarai da sol

    Mi piace

  • mariam ha detto:

    cristiana,
    io non credo affatto che tu sia razzista, ma le tue parole sono state veramente infelici, vedi non si tratta di essere politicamente corretti ma di essere consapevoli che cosa scateni l’uso, in questo caso improprio della parola rom, accostata poi al voto di scambio, sei una persona colta e dovresti saperlo, poniamo il caso che i numeri come hai detto non tornassero, potevi sollevare il problema in altro modo, come , non lo so, ma certo non così.
    Non so da cosa ti sia dimessa, in genere lo si fa da qualche carica, mi sembrerebbe dunque un costo troppo alto se il partito che hai scelto continua a convincerti.

    Mi piace

  • mariam ha detto:

    scusa, intendevo un costo troppo alto lasciare la tessera, ovvero uscire dal pd

    Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Insomma insomma, sono tutti fautori dell’integrazione senza conoscere la cultura di riferimento. Sono tutti per la società multiculturale vista dal lotto della Garbatella. Qualcuno magari ci vada in mezzo ai Rom e si metta a discutere con loro di omosessualità o di impegno politico. A quel punto torni a casa e si prenda a martellate sulle ovaie o sui testicoli perché “è giusto integrare anche chi ha il più totale spregio delle altre minoranze”. In genere i Rom nomadi non partecipano alla vita politica di qualunque paese li ospiti. La loro cultura è chiusa, maschilista e omofoba. Fatevene una ragione girontodisti fintogandhiani. Dispiace per la Alicata che è il capro espiatorio del vostro fallimento esistenziale e politico. Ma è d’uopo gridare allo scandalo e non al problema, è reazionarismo di sinistra. Pecoroni carnivori.

    Mi piace

  • mariam ha detto:

    @mersault

    http://www.amnesty.it/flex/files/d/4/7/D.8c175e923f992a0614d0/Amnesty_Rom_Studente.pdf

    A parte il fatto che molti rom sono cittadini italiani e che quindi non c’è nulla da integrare non ti sarai mica dimenticato dell’altra caratteristica tipica dei rom e cioè che sono ladri di bambini?

    E saremmo noi i pecoroni, ma vai a fare una girata , vai….

    Mi piace

    • Meursault ha detto:

      Manco leggi le cose che mandi, genio:

      “Una delle accuse più comuni, non del tutto infondata, è quella di furto: si tratta però, in genere, di piccoli furti con destrezza praticati da donne e bambini a danno di persone ingenue o distratte; sono invece eccezionali i furti notturni o con scasso e rari gli episodi di violenza.”

      Poi magari quando hai dismesso il fervore parliamo dell’ordine patriarcale, della posizione della donna e della visione dell’omosessualità nella cultura Rom, Sinti e Camminanti.

      Ma solo quando avete finito di spalancare la bocca…

      Mi piace

  • mariam ha detto:

    Dismettilo tu il fervore insultante che dimostri ancora con la frase finale, io semplicemente ti ho ricordato che i rom sono spessissimo cittadini italiani e che la loro visione della donna o il loro ordine patriarcale, peraltro molto in auge fino ad alcuni decenni fa anche in italia, non hanno nulla a che vedere con il diritto di voto.

    Anche alla luce del fatto che siedono in parlamento omofobi che ai rom, non hanno nulla da invidiare.

    Comunque come ho detto, non ritengo alicata razzista proprio per nulla ma certo la tua difesa non le giova.

    E con questo ti saluto e chiudo.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Molto sinteticamente. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: