Il PD si allei….col PD.

18 aprile 2013 § 13 commenti


Ho scritto una cosa mentre c’era l’assemblea dei parlamentari PD.

Rodotà è uno di noi, profondamente. E’ una scelta oltre che giusta, anche mediaticamente vincente. Due piccioni con una fava: una cosa giusta in termini di competenza istituzionale ed in termini di comunicazione. Una scelta che potrebbe essere il vero atto fondativo del PD e lo potrebbe porre nel solco giusto per riconquistare i propri elettori che oggi hanno palesemente votato M5S. Sta solo a noi adesso: scegliere un presidente della repubblica con il PDL e perdere le prossime elezioni oppure avere coraggio e mettere il nuovo PD di poter vincere le prossime (credo non lontanissime) elezioni.

Ora io penso proprio che siamo al bivio. O domani il PD si trasforma o muore e deve rinascere altrove. Mi dispiace doverlo dire ma chi vota Marini con Berlusconi, o chi lo sta proponendo con in mente altro (come io ritengo) sta seguendo una strada che non è quella del PD. Non sicuramente la mia.

Annunci

Tag:

§ 13 risposte a Il PD si allei….col PD.

  • Gerardo ha detto:

    Riporto qui il commento molto popolare di “Ladybaku” ad un articolo sul Fatto.it relativo alla scelta di Marini (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/17/quirinale-2013-pdl-e-pd-verso-marini-renzi-a-bersani-non-votiamo/565427/):

    <>

    Sottoscrivo tutto, pure le maiuscole superflue, e soprattutto la semplice ovvietà del commento.

    Tu scrivi:
    “Una scelta che potrebbe essere il vero atto fondativo del PD e lo potrebbe porre nel solco giusto per riconquistare i propri elettori che oggi hanno palesemente votato M5S”

    Stante questo e molti altri post in cui (giustamente!) sfoghi bile contro le scelte del tuo partito, il rasoio di Occam imporrebbe una conclusione più ovvia: lasciare il PD ed iscriverti al M5S.
    😉

    Un abbraccio,
    Gerardo

    Mi piace

  • Gerardo ha detto:

    Si è persa la parte più importante?
    Riecco il commento:

    “Sono andata a vedere le pagine FB del PD.

    Piene zeppe di votanti, tesserati, simpatizzanti ed elettori del PD infuriati neri con Bersani e il PD per la scelta che stanno facendo. Tutti, e dico, TUTTI, chiedono a gran voce che il PD voti per Rodotà e lasci il caimano e cuocere nel suo brodo.

    E da attivista del M5S sapete cosa mi fa ridere?
    Che per mesi ho dovuto sentirmi dire che era il MIO movimento ad essere ANTIdemocratico, che NOI eravamo quelli col guru e il duce e boiate varie.

    Beh, io so solo che IO sono stata personalmente coinvolta dal M5S e da Grillo nella scelta del nostro candidato. Ho proposto nomi e votato i candidati, e la lista uscita rispecchia a pieno le nostre scelte e proposte. NOI iscritti al M5S, abbiamo potuto scegliere chi far candidare al nostro “antidemocratico” movimento.

    Voi del PD, voi del “democraticissimo” PD, siete lì ad urlare che volete Rodotà. Ma non sapete se verrete ascoltati, nessuno vi ha permesso di avere voce in capitolo nella scelta del candidato del vostro partito alla presidenza. Nessuno vi ha permesso di scegliere, hanno scelto LORO per voi, e a voi non resta altro che riempire di mail, commenti e richieste Bersani e gli altri nella speranza che vi ascoltino.

    Eppure, il PD è quello “democratico”, il M5S quello “antidemocratico”
    Quando aprirete gli occhi sarà sempre troppo tardi.

    Comunque, per il bene del paese, mi auguro che il PD ascolti la propria base e dia al paese un VERO presidente. “

    Mi piace

  • Antonio ha detto:

    Da tempo il pd si è mosso in una direzione per cui molti elettori come me non potevano più votarlo, oggi molti elettori come me decideranno se in futuro potranno votare partiti di sinistra che faranno alleanza con il pd.

    Mi piace

  • Nino ha detto:

    Ho purtroppo sempre detto che il PD era un partito nato male, frutto di un esperimento genetico mal riuscito, sperando però sempre di avere l’occasione di ricredermi.

    Non lo avrei mai creduto possibile (perchè non condivido molti dei modi di fare del leader del M5S, e perchè mi sembra ipocrita dire che i condannati non devono andare in aprlamento ma poi, nei fatti, da condannato, guidare ed indirizzare le scelte di oltre 100 parlamentari) però devo fare mie le parole di Grillo: prima se ne vanno e meglio è.

    Con questa scelta il PD è morto, e nel caso (io credo sempre ai miracoli) in cui Marini nonostante tutto non passasse, mi aspetto che Bersani si dimetta. Se non lo farà, si dovrà comunque dimettere alla prossima batosta elettorale che avrà il PD (che secondo me rischia anche di perdere a Roma)

    Mi piace

    • Gerardo ha detto:

      A me invece pare ipocrita mettere sullo stesso piano *politico* una condanna per omicidio colposo (che suona terribile, ma che certifica l’assenza di alcuna intenzione dolosa) ed una per abuso d’ufficio, concussione, corruzione, turbativa d’asta e via dicendo.

      Potrebbe non piacere il modo di fare di Grillo, anche se personalmente mi irritano infinitamente di più la Gelmini, la Moretti, la Comi, la Bonafé, la Carfagna, la Serracchiani, la Lombardi (..ops, tutte donne… controbilancio allora con quelli che proprio mi scatenano l’aggressività repressa: Renzi e Grasso), ma se avete letto, ad esempio, “Il grillo canta sempre al tramonto”, avrete notato che tra uno sfondone e l’altro (tipo la teoria anti-darwiniana della cooperazione tra specie) nelle parole di Grillo, ma soprattutto in quelle di Casaleggio, c’è tutta la sinistra che cercate, estrema quanto basta, intellettuale quanto la volete (per chi non sa rinunciarci).

      Abbandonare quello che Antonio Pascale chiama il “sapere nostalgico” e buttarsi anima e corpo nella sinistra 2.0.

      Anni luce lontani dal – e avanti al – PD.

      Mi piace

      • Nino ha detto:

        No, aspetta, è il M5s che mette sullo stesso piano i due reati. Io sostengo solo che se uno non è candidabile, a maggior ragione non può essere il leader riconosciuto di 100 parlamentari

        Mi piace

        • Gerardo ha detto:

          Scusami ma secondo me questi sono distinguo di ordine superiore.
          La cosa è molto semplice: il M5S, così come tutte le persone sane di mente, auspica che le istituzioni siano abitate da individui di cui ci si può fidare. (Parentesi: questo in un Paese normale è un presupposto su cui non si discute nemmeno, ma da noi diventa argomento da battaglia politica). Un metodo un po’ rozzo consiste nel dire: “ok, tutti i condannati (e io aggiungerei anche tutti i rinviati a giudizio, ne avremo di persone a sufficienza in Italia, no?) fuori, tutti gli altri possono entrare”.
          In questo aut-aut, un condannato per omicidio colposo resta fuori. Ma, nel merito, una condanna per omicidio colposo non rende una persona inadatta al ruolo di guida politica. Infatti, si può essere d’accordo o meno, ma non si può dire che Grillo non sia credibile quando sostiene i suoi argomenti, per il semplice motivo che la sua storia non lo tradisce. Chi lo segue da sempre come “comico” (e lo segue con difficoltà, dato l’ostracismo che gli è stato riservato dalla televisione italiana tutta) sa bene che le sue battaglie le porta avanti da sempre con una coerenza ed un impegno che lasciano semplicemente a bocca aperta.
          (Altra parentesi: lo snobismo peloso con cui si riferiscono a Grillo come al “comico” o “clown” non può oscurare, a chi sa vedere, l’intelligenza, la profondità e l’onestà sopraffine che hanno sempre caratterizzato i suoi spettacoli).

          Detto questo, sostenere che Grillo voglia etero-dirigere i suoi parlamentari e senatori per chissà quali fini, è secondo me semplicemente sbagliato.
          Grillo e Casaleggio mirano alla democrazia diretta in salsa telematica. E’ un’utopia che – in Italia – più la si approssima, meglio è.
          Forse in un Paese normale la democrazia diretta può non essere preferibile a quella rappresentativa matura. Ma l’Italia, e qui sta il punto, non è un Paese normale e non ha nemmeno una democrazia rappresentativa. L’Italia è un Paese con una malattia mortale che si chiama corruzione (in tutte le sue declinazioni) e i partiti cosiddetti “tradizionali” incarnano e sublimano questa malattia. Questa non è un’opinione, è la nostra storia.
          E allora l’utopia di Grillo-Casaleggio diventa una direzione verso cui provare ad andare. E’ del tutto evidente, però, che il M5S è cresciuto troppo in fretta, le parlamentarie sono state tanto un tentativo encomiabile quanto un fallimento clamoroso. Ed ora i due si trovano ad avere verso i loro parlamentari (imbarazzanti, vero, ma non più di tutti gli altri) quel ruolo che hanno i genitori che – quando il bambino fa i suoi primi passi – gli stanno dietro e lo raddrizzano quando vedono che sta per cadere. Se non saranno presi da manie e smanie da superomismo, vedrai che tenderanno a defilarsi sempre di più, quanto più il movimento avrà una connotazione definitiva e soprattutto dei meccanismi (che, ricorda, sono decisamente innovativi) funzionanti.

          Cristiana, scusa per aver occupato il tuo blog con questo lungo commento.. 🙂

          Mi piace

  • luigi ha detto:

    Speriamo che sia morto sul serio. Sempre troppo tardi sarebbe.

    Mi piace

  • topometallo ha detto:

    A prescindere dal de profundis del PD, quello che credo non perdonerò mai a Bersani per la scelta di Marini credo sia proprio questo, far apparire Renzi e Grillo come persone che han ragione… (no, dico, ma la foto con Alfano sottobraccio, ne vogliamo parlare?)

    Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Ma a questo punto se dovevate morire d’inciucio non era meglio fare i coerenti e candidare Violante? 😀

    Mi piace

  • Lorenzo Dalai ha detto:

    cara Cristiana,è così:Marini al Colle e barca alla Segreteria del PD per evitare che il prossimo premier sia Matteo Renzi. Matteo lo aveva già capito da giorni,per questo si è molto sbilanciato contro Marini…l’apparato non lo vuole e per non farlo diventare premier, preferiscono perdere facendo accordi con Berlusconi. Una banda di vigliacchi !

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Il PD si allei….col PD. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: