Gli F35 non sono elicotteri.

25 giugno 2013 § 27 commenti


Bisognerà chiarirlo a Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio:

f35

Ora lui è capitato malissimo a rispondere a me che ho una laurea in meccanica – ibrida aerospaziale – ma ritengo gravissimo che un presidente di commissione parlamentare, nonché parlamentare della repubblica, non distingua un caccia da un elicottero e che non sappia nemmeno che al massimo la tecnologia degli aerei da guerra ha applicazioni civili nelle turbine per produzione di energia elettrica. Qualcuno comunque gli spieghi la differenza tra un elicottero e un caccia.

L’unico ragionamento accettabile è questo, fermo restando che gli F35 sono aerei da caccia e non elicotteri salva vita, come dice Boccia, quindi la scelta è e deve essere  anche politica oltre che economica.

Tag:,

§ 27 risposte a Gli F35 non sono elicotteri.

  • Anonimo ha detto:

    Io sono un aerospaziale puro e ti assicuro che l’F35 è un aeroplano!
    ^__________________________^

    Mi piace

  • Massimo ha detto:

    è comprensibile rinunciare a questi aerei in questo momento. Ma trovatemi un alternativa ad un progetto che è una delle poche iniziative di spesa qualificata in un campo industriale strategico. Perché di solito la spesa che si immagina sono sempre strade e cemento. Infine: vi ricordo che è capitato all’Italia di fare la propria parte con azioni in ambito ONU, quindi non possiamo cullarci nell’idea di non avere una forza militare *sotto forte controllo democratico*. A me non mi piace l’idea che i lavori sporchi li debba fare qualcun’altro con il solo risultato di lasciare pulite le nostre mani (anche perché chi fa i lavori sporchi poi pretende che noi si stia zitti e seduti)

    Mi piace

    • Steve ha detto:

      Forse si confondeva con le versione del F35 a decollo verticale?

      Mi piace

    • reedemer ha detto:

      una sola vergogna, il sistema che fa di settori come guerra strade e cemento i campi industriali strategici.

      cioè mica pace ferrovie per tutti ed ecosostenibilità….
      GUERRA STRADE CEMENTO.

      complimenti.
      e ti aspetti che la gente comune che non tiene in mano ( enn riceve mazzette) i mercati delle armi del petrolio e dell’edilizia creda alle tue favole?

      Mi piace

  • Anonimo ha detto:

    Io sono un aerospaziale puro e ti assicuro che l’F35 è un aeroplano (velivolo ad ala fissa, per la precisione): ma non ci vuole certo un genio per capirlo! purtroppo questi sono i momenti in cui relaizzi che diverse sono le braccia rubate all’agricoltura!
    ^__________________________^

    Mi piace

  • Io sono un aerospaziale puro e ti assicuro che l’F35 è un aeroplano: putroppo questi sono i momenti in cui ci si accorge che molte sono le braccia arrubbate all’agricoltura! Ma santa pazienza, dicio io: non è il caso di mettere a presiedere la commissione non dico una persona competente (sarebbe chiedere troppo all’arco parlamentare) ma almeno “uno che ci capisce”?

    Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Vai Alicata!

    L’altra domanda è: a chi interessa comprare caccia militari e perché di grazia? Per un’idea astratta di giustizia post-tregua o per contingenti interessi di altro tipo?

    Per tracciare certe parentele serve sempre Grillo a quanto pare…

    Mi piace

  • Enrico Natoli ha detto:

    Che ci fai nello stesso partito di cialtroni come questo? Per me rimane un mistero.

    Mi piace

  • anto ha detto:

    …temo che la risposta di boccia sottenda un pensiero così sintetizzabile: ma che vogliono capire qst (incompetenti) di cose più grandi loro, gli racconto una cavolata che può essere compresa di pancia prima che di testa, e così si tacitano; c’è in questo tempo nostro attuale il desiderio crescente da parte di parte di molti di partecipare, di farsi parte decisionale (oltre che che finanziatori silenti) di tanti progetti della politica. la politica, quella fatta dai politici, non gradisce interferenze esterne, le logiche utilizzate sono qll autoreferenziali e interne ai partiti. inoltre non trascurerei di valutare che il nostro paese ha elevati livelli di corruzione che fanno girare un bel pò di denari …

    Mi piace

  • Andrea ha detto:

    Le spese militari le possono anche fare, possono essere utili per mettersi in bella mostra davanti all’ONU e magari investire in qualche azienda italiana nel settore, ma se proprio dovete buttare via i soldi almeno fatelo bene: comprate elicotteri invece che aerei così che possano tornare utili anche per i salvataggi, mi stanno bene le navi militari che possono tornare utili anch’esse per i salvataggi,per i controlli di traffici illegali nel mediterraneo(o se vogliamo raccontarcela: per difenderci da possibili attacchi dal Medio Oriente), potete giocare quanto volete coi vostri soldatini a fare la guerra ma spendere per f35, missili etc è veramente una presa in giro per il paese e non siete altro che traditori e parassiti della patria, nessuno ci attacca,non siamo in guerra,investite piuttosto nell’antiterrorismo e nell’antimafia,e se i militari e i vari sedicenti nazionalisti avessero a cuore la patria per davvero si ribellerebbero a questa ingiustizia,ma probabilmente sono solo dei venduti, dei “mercenari” ,se così è non meritate funerali di stato nè un minuto del mio silenzio…

    Mi piace

    • Mario ha detto:

      tu invece non torni utile nemmeno come concime per i campi ( meglio conosciuto come letame) e in quanto ai funerali lascia in pace i morti perché non sei degno nemmeno di nominarli! E in quanto a tenere a cuore la Patria … beh …… sicuramente noi la abbiamo a cuore ….. tu non sai neanche da che parte sta il cuore!

      Mi piace

  • floriano ha detto:

    mah uno dei pochi motivi per comprare gli f32 è quello di dar lo stipendio ai dipendenti alenia, forse costerebbe meno metterli in cassa integrazione….

    Mi piace

  • sergio minni ha detto:

    Ho letto l’articolo del post citato, e non sono d’accordo con le sue conclusioni, specialmente dove dice che la spesa per gli f-35 è una spesa una-tantum. Forse bisognava trovare una chiusura ad effetto, ma non è così e basta leggere il recente report del GAO per trovare grossissime perplessità sulla sostenibilità della fase post-schieramento persino dello stesso DoD americano. Inoltre, lo stato di avanzamento del progetto è tale che gli aerei comprati oggi sono poco più che giocattoli, e per vederli equipaggiati come si deve, principalmente dal punto di vista C3 bisognerà aspettare 3 – 5 anni con massicci interventi di refitting. Inoltre salta all’occhio che interi capitoli di spesa sono vuoti, senza un euro dentro, *predisposizione in ambito nazionale, “oneri in fase di definizione”* … significa che tutta la struttura di comando e controllo a terra e in mare è tutta da inventare… insomma non abbiamo abbastanza canadair per spegnere gli incendi ma dobbiamo avere aerei ipertecnologici per fare paura a non si sa chi su teatri di guerra ancora da definire – almeno fino a che non tirano fuori un SAM appena appena efficace e tirano giù una vita umana e un tottilione di euro letteralmente buttati nel w-c. Siamo proprio italiani… in triestino c’è un detto molto efficace, che recita “Voio ma no posso” che si adatta perfettamente a questa situazione, e forse ha contagiato un poco anche i nostri amici d’Oltreoceano.

    Mi piace

  • Nico Carrassi ha detto:

    Ciao cristiana sei una grande e dovresti mettere in luce l ignoranza di certi soggetti grazie anche alle tue conoscenze. Ti prego non perdere l’occasione.

    Mi piace

  • Nicola ha detto:

    Caro Andrea, si capisce chiaramente che sei terribilmente confuso, i Militari non sono per la guerra ma per la salvaguardia della pace, i militari sono gli unici a riconoscersi nel concetto di Patria, i Militari non si vendono a nessuno, Il militare non può ribellarsi quando viene chiamato a difendere la Patria e la società civile da attacchi terroristici o quant’altro e per questo è disposto anche a morire, Il militare non vuole funerali di stato ma almeno il tuo silenzio LO PRETENDE!!!!

    Mi piace

  • david ha detto:

    Dicono che Boccia abbia rilasciato la seguente dichiarazione:

    Non ho mai pensato corbellerie del genere, come quelle che mi sono attribuite oggi su twitter. Conosco benissimo la differenza tra elicotteri e F35, così come tutti i programmi dell’aerospazio italiani. Il mio era un modo inevitabilmente sintetico per esemplificare che la RATIO contemplata dagli accordi internazionali è la stessa. Il mio discorso riguardava esclusivamente programmi. Chi ha, volutamente, messo in relazione le due cose, decontestualizzando l’esempio fatto sugli elicotteri, o era in malafede o sta cercando di strumentalizzare il dibattito(FRANCESCO BOCCIA)

    Dunque esistono parti del dibattito nascoste? Come trova fondamento la replica di Boccia?

    Mi piace

  • Un mio umile pensiero sulla questione del progetto F35, il caccia bombardiere alla cui produzione partecipa l’Italia e al cui acquisto soprattutto partecipa anche l’Italia….

    Sull’argomento l’assemblaggio degli F35 a Cameri, si tratta di enormi profitti agli azionisti della Lockheed Martin Aeronautics, la ricerca scientifica e tecnologica totalmente di un’azienda americana, posti di lavoro considerevoli a Fort Whort in Texas, a noi le briciole limitate al tempo per l’assemblaggio.

    Questi 131( L’Italia ne aveva ordinati inizialmente 131, con il precedente Governo e con i tagli al budget della difesa, i numeri sono stati ridimensionati; siamo passati a 90) caccia costano al contribuente16 miliardi di euro!!!!!!!!

    Perchè non riconvertire Alenia aeronautica?

    In una recente assemblea del Lavoratori, l’ex rappresentante della Fiom Airaudo ribadì la necessità della riconversione per non perdere posti di lavoro.

    Perchè non si trova un gruppo di ingegneri capaci di progettare un “Canadair” Italiano?

    (Il Canadair CL-415 è un aereo anfibio bimotore turboelica ad ala alta, con incarichi multimissione ad uso civile, prodotto inizialmente dall’azienda canadese Canadair e poi dalla Bombardier Aerospace, dagli anni novanta).

    Guarda caso l’italia è il paese del mediterraneo più colpito dalla piaga degli incendi, noi abbiamo il parco aerei Canadair più vasto: 15 Canadair CL415, tre in più della Francia, piazzata al secondo posto.

    Costo per ogni aereo: 26.3 milioni di dollari!!!!
    Possibile non progettare un aereo simile made in Italy???
    Abbiamo bisogno di una cultura della prevenzione non della guerra!!

    Mi piace

    • Marino ha detto:

      Hai presente cos’è Bombardier? Una società che produce ottimi aerei a medio raggio e prodotti innovativi nel settore treni e tram (compreso un tram “wireless” alimentato a induzione senza linea aerea). Probabilmente non abbiamo la massa critica per progettare un aereo antincendio italiano, che poi costerebbe più del Canadair perché su quello hanno già un parco macchine venduto, l’assistenza e hanno ammortizzato le spese di sviluppo e magari anche gli investimenti nelle linee di produzione.

      Mi piace

  • eduardo ha detto:

    Approfitto della tua competenza in materia per un quesito (da incompetente quale sono). Mi pare di capire che la spesa complessiva per gli F35 debba essere suddivisa in molti anni (addirittura una ventina!). Ma non siamo in un settore in cui l’evoluzione tecnologica rende obsoleto un modello di aereo, per quanto evoluto possa essere, in un tempo molto minore, con la conseguenza di ritrovarsi a pagare ancora per gli F35 quando bisognerà (!?) stanziare altri fondi per aerei più avanzati?

    Mi piace

  • Germano ha detto:

    Eduardo, guardati questi 30 minuti di presa diretta e comprenderai tutto quel che c’è da capire

    Comunque per quelli che giustamente (tipo aimè Boccia) citano la coerenza di un Paese nell’affrontare e tenere impegno agli accordi:
    visto che a quanto pare il progetto è stato iniziato da Andreatta (eoni fa), allora il problema è quella massa di pirla dell’epoca che firmarono un accordo senza garanzie.
    Se dici “ok facciamo questo progetto insieme”, ma non poni dei paletti, è ovvio che puoi venire trascinato nelle peggiori situazioni. Ma vabbè, l’Italia paga ancora lo scotto per la II GM quindi siamo il giardino di casa degli USA, quindi loro decidono ed i politici nostri eseguono.

    Mi piace

  • Meursault ha detto:

    OT:

    Il governo darà incentivi a chi assume giovani tra i 18 e i 29 anni privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, privi di un diploma di scuola media superiore o professionale e che vivono soli con una o più persone a carico.

    E’ uno scherzo? 😀

    Mi piace

  • i3blogghisti ha detto:

    Altri soldi pubblici buttati al vento dai soliti incompetenti..ma dove andremo a finire???

    Mi piace

  • […] Boccia (stanato subito da molti utenti, in particolare il sottoscritto) soprattutto sul suo (incredibile!) riferimento ad elicotteri non mi potevo esimere da una replica. In particolare perché la balla più grossa […]

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Gli F35 non sono elicotteri. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: