Primarie PD – 8 dicembre 2013

3 dicembre 2013 § 7 commenti


E allora.

Io sono capolista nel collegio Portuense-Garbatella e dietro di me c’è  Gabriele De Giorgi (31 anni, da 4 alla Garbatella. Laureato in scienze politiche,  nel 2007 ha iniziato a lavorare come consulente politico per diversi parlamentari del Partito Democratico e come organizzazione in diverse campagne elettorali (referendum elettorali 2009 e 2011, Renzi 2012 e 2013).  Tra i fondatori di Adesso Roma 8.)

Possono votare tutti, anche se non avete la tessera del PD e siete “solo” elettori.

Qui trovare le istruzioni per votare.

Qui vi potete registrare.

Qui, trovate il vostro seggio.

Qui, cosa fare se siete fuorisede.

§ 7 risposte a Primarie PD – 8 dicembre 2013

  • Andrea ha detto:

    Posso sapere che senso ha avuto dare le dimissioni dalle cariche che ricoprivi nel partito, all’indomani di questa vicenda – bit.ly/1eOoZMU – che è di pochissimi mesi fa, se ora sei già candidata in posizione garantita per tornare a ricoprire incarichi?

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      Certo:rimettevo incarichi e tessera per mettere il mio ruolo a disposizione visto il casino che si era scatenato. Non me ne volevo andare in polemica con il PD, anzi. Era chiaro a cosa serviva quell’atto: un passo indietro per togliere il partito da eventuali imbarazzi. Le dimissioni non sono state accolte e nemmeno discusse come è noto. Se ha seguito i miei post dal 2008 ad oggi puoi verificare la coerenza. A meno che il problema non sia ricoprire un incarico volontario con altre 999 persone dentro un partito. Io non lo vedo come un premio, ma come una parte della mia vita dedicato a questo.

      Tu invece perchè scrivi anonimamente?

      Mi piace

      • Andrea ha detto:

        No, non in polemica ma solo querelando (bit.ly/18o5HKa).
        Era chiaro a cosa serviva quell’atto? Bon, di questa intenzione di risparmiare il PD dalle polemiche non avevo letto francamente.
        E’ curioso un partito in cui tutti si dimettono e nessuno se ne va mai. Devo fare un elenco?

        Scrivo anonimamente perchè non sono a un posto di blocco della polizia e non mi devo far identificare. E dal momento che sono un cittadino italiano nel pieno possesso dei suoi diritti, il tuo partito (al quale vanno i miei soldi nonostante un referendum) è cosa che mi riguarda; e posso rivolgere una domanda a chi fa politica senza esibire il documento di identità.

        Ciao e grazie per la (poco convincente) risposta.

        Mi piace

        • calicata ha detto:

          querelando? Di che parli?

          Hai letto male e seguito poco l’accaduto e forse capito male cosa è davvero successo e chi davvero aveva ragione. Se rileggi bene quel link lo capisci bene. E’ stato chuaro a tutti tranne a quelli in malafede.

          Mi spiace che la risposta non ti convinca. Oltretutto le dimissioni da un organo di partito a titolo volontario non sono confrontabili con quello insinui (cariche di rappresentanza elettive e pagate)…non è che perdo qualcosa o guadagno qualcosa. Faccio politica perché penso di fare meglio per le persone non per interesse personale. Hai una visione molto distorta della politica. Forse professionistica.Io no.

          Mi piace

  • Andrea ha detto:

    Ammappa quanto ci metti a “moderare” il mio commento precedente. E’ una domanda legittima, mi pare. No?

    Mi piace

  • Andrea ha detto:

    “L’accusa di razzismo e di istigazione all’odio razziale è infamante e mi difenderò con serenità nelle sedi opportune anche querelando singolarmente alcune persone.” Lo hai scritto tu. Tu hai parlato di querele. Se poi non le hai sporte… bon, meglio così. Meno traffico nelle aule di giustizia.

    Ti ho rivolto una domanda perchè una persona che si dimette dalle cariche che ricopre in un partito e dopo pochi mesi ne cerca di nuove a me pare incoerente. E’ una mia opinione: la malafede non mi appartiene e dovresti – se non altro per buona creanza – evitare di affibbiarmela. Non so se mi spiego. O forse a chiunque ti chiede conto del tuo operato e delle tue posizioni, se critico, lo tacci di malafede?

    Una dirigente del PD che accusa un cittadino (senza tessera, che non ha mai avuto una tessera e non ha mai ricoperto cariche elettive) di avere una visione professionistica della politica… vabbè: inutile trarre le conclusioni. Risate, sipario.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Primarie PD – 8 dicembre 2013 su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: