Excel e l’ingegnerizzazione della politica

12 gennaio 2014 § 5 commenti


Senza excel io non potrei lavorare.

Non potrei monitorare le performance, leggere un budget e confrontarlo con un consuntivo. Non potrei conservare storici, confrontarli, capire velocemente cosa sta andando male nel business. Excel è un luogo vuoto da alimentare, ma che se ben utilizzato semplifica la vita e soprattutto non consente interpretazioni e uso della fuffa.

Serve a fare analisi politiche sui territori nello stesso modo con cui si studiano le quote di mercato. Il tecnicismo è identico.

Lo scopo lo stesso: dare una lettura semplice e condivisa, limitare le interpretazioni. Prendere decisioni.

L’uso che ne cita Renzi è il diagramma di Gantt che si usa per definire le cose da fare, chi le fa e in quanto tempo. Le basi del project management.

Ti incastra e ti impegna.

Mi pare incredibile persino che ci si debba stupire. Mi stupisco io che non sia la pratica comune e se questo non è così mi auguro che d’ora in poi lo sia.

Potrebbe essere una forma di impegno, sempre e continuamente, trasparente verso gli elettori. Una sorta di trasparenza di bilancio riportata agli impegni. Più la politica è leggibile nei suoi atti e monitorabile, più riconquisteremo la voglia di partecipazione del Paese.

Tag:,

§ 5 risposte a Excel e l’ingegnerizzazione della politica

  • neutron ha detto:

    Gantt …

    Mi piace

  • gdelzot@tin.it ha detto:

    cara Cristiana, conosco benissimo excel e il diagramma di gantt che uso costantemente per i lavori pubblici che progetto e dirigo. Attenzione !!! Seguiamone i criteri, gli obiettivi generali, la filosofia, ma attenzione che non diventi una camicia di forza come il 3% !!! Il cantiere e la vita sono un’altra cosa il che non significa chesi debba an avanti senza, regole, numeri, impegni , tempistica : che diamine sono un tecnico, ma faccio anche politica !!!

    Mi piace

    • antonella ha detto:

      Senza contare che non c’è opera pubblica in Italia per la quale i diagrammi di Gantt non si susseguono, uno via l’altro, fino a diventare una galleria di quadri astratti privi di valore dal punto di vista degli impegni mantenuti.

      Mi piace

  • geryatejina ha detto:

    Non sono sicuro se questa è una metafora o si parla veramente di Excel. Nel primo caso, ignoratemi.
    Nel secondo caso, faccio umilmente notare che c’è un altro programma Office (se proprio uno deve restare MS) progettato per il project management, si chiama (toh..) Project. Lì ci sono strumenti veri di project management. Fare Gantt, time-tracking & Co. con Excel è più o meno come fare foto-editing con Paint, ossia usare lo strumento sbagliato, per ottenere risultati peggiori in maggior tempo, e spesso dannandosi l’anima (figurato, perché la dannazione non esiste).

    Gantt con Excel..
    ..sono basito.

    Mi piace

  • simone ha detto:

    Se poi magari si fosse evitato di fare pubblicità esplicita alla Microsoft e si fosse parlato genericamente di foglio di calcolo elettronico, sarebbe stato più apprezzato.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Excel e l’ingegnerizzazione della politica su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: