Mi dispiace che Cuperlo si sia dimesso, ma…

21 gennaio 2014 § 9 commenti


Mi dispiace che Cuperlo si sia dimesso e mi dispiace che il dibattito sulle Riforme – che giace sepolto da decenni e che il nuovo corso, in poco più di un mese, ha accelerato come MAI accaduto prima d’ora – sia oscurato da altro che non sia il dibattito politico.

Non penserò mai che si debba seguire un capo come prima non tolleravo i caminetti, le brodaglie politiche per non fare mai nulla. Non mi vergogno di discutere di Riforme con Berlusconi perché altrimenti non usciremo mai dal berlusconismo. Mi vergogno dei ventianni che abbiamo perso. Mi vergogno dei giovani precari, delle madri senza maternità, dello sfacelo del suolo. Dei genitori che portano la carta igienica da casa o dei disabili che chiedono elemosina ai semafori. Mi vergogno di questo.

Matteo poteva risparmiarsi quella battuta è vero. Cuperlo parlava a nome di un’area e condivido ciò che dice Civati: non era un nome adatto per la presidenza, lodevole tentativo, fallito.

Come Cuperlo poteva risparmiarsi la battuta sulla gestione del partito, forse fatta in modo più elegante, ma gravissima (e che continua nel solco della demonizzazione di Matteo Renzi rispetto ad una certa superiore identità degli EX PCI) visto che la direzione è stata convocata due volte proprio per dare modo a tutti di discutere.

Il peso di tutte queste responsabilità cade su tutti noi, nessuno escluso. Non solo sulle spalle di Renzi, ma sul verso che faremo prendere al nostro modo di stare insieme, più schietto di prima e forse per questo più aspro, ma a mio avviso più proficuo per il Paese. Abituiamoci a discutere in modo più duro, ci farà bene.

p.s. sul tema della vergogna ho risposto qui su. Sul tema delle preferenze ho risposto in direzione e nel mio post di riflessione sulla legge elettorale. Sul tema dell’incostituzionalità basta andare a leggersi la sentenza. Le liste corte con collegi piccoli daranno “territorialità”, anche se voglio capire bene la questione resti. Così come il doppio turno dovrebbe legittimare il premio di maggioranza.

Annunci

§ 9 risposte a Mi dispiace che Cuperlo si sia dimesso, ma…

  • Luciano Mazzucato ha detto:

    Sto ancora aspettando la risposta circa la manifestazione di domenica a Firenze. Gradirei una Tua gentile risposta sull’argomento. Grazie.

    Mi piace

  • mauro femia ha detto:

    a renzi interessa solo dire io ho fatto la nuova legge elettorale
    indipendentemente da come sia
    infatti fa schifo

    Mi piace

  • geryatejina ha detto:

    Senti, Cri.. ma ti sei fermata un attimo di fronte allo specchio a chiederti come ci si senti ad essere in ‘profonda sintonia’ con Berlusconi? A quanto pare, la tua sintonia e’ anche piu’ profonda di quella del leggiadro Matteo, visto che almeno lui dichiara che le preferenze le preferiva:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/21/legge-elettorale-renzi-io-sostenitore-delle-preferenze-ma-fi-ha-detto-no/852734/

    Ho sempre trovato Ballaro’ particolarmente noioso ed inutile, ma i primi 40 minuti della puntata del 21/01 sono da incorniciare, tra un poderoso crozza e alcuni riassuntini storici mica male, con finale gigantesco della guzzanti-d’alema.

    Infine, aspetto di vederti prendere il posto delle varie Moretti, Serracchiani, Boschi in questi talk show (che, non dimentichiamolo, determinano l’opinione pubblica in Italia), perche’ tutte ste sciacquette so’ proprio scarse, maronn’.

    Mi piace

  • Jacopo ha detto:

    cuperlo ha parlato bene.
    ha detto cose giuste, ha fatto critiche sacrosante, sia nel metodo, che nel merito
    nel metodo: in un partito, normalmente, una proposta PRIMA si discute ALL’INTERNO del partito stesso, si cerca una sintesi,POI la si va a sottoporre agli altri partiti e agli avversari; in questo caso è avvenuto l’esatto contrario;
    berlusconi, per la prima volta e non per meriti del pd, era fuori del parlamento, nel momento di massima debolezza politica, quasi cotto; ormai, per parlare di lui, dovevano parlare del cane e della fidanzata e dei fagiolini; renzi ce lo ha restituito nel ruolo di pater patriae.
    nel merito: le liste bloccate, che sono l’unica cosa che berlusconi voleva davvero, renzi ha calato le braghe; inoltre, non si capisce la coerenza logica di un progetto che mette una soglia di sbarramento altissima per entrare in parlamento, e una soglia bassissima per accedere al premio di maggioranza; in sintesi, una proposta schifosa, quasi peggio del porcellum; quindi è un discorso privo di senso, dire che “da vent’anni non si fa niente e in un mese invece abbiamo fatto”; a parte che non è stato fatto ancora nulla, a parte che l’accelerazione sulla legge elettorale è un passo obbligato, dopo la sentenza della consulta, a parte tutto questo, “fare” purchessia è quasi peggio che non fare niente.

    queste le critiche, fondate ed espresse educatamente. renzi, come sempre gli capita, ha risposto con un greve attacco personale, a cui cuperlo avrebbe potuto replicare in infiniti modi; ricordando, per esempio, che se in parlamento con le primarie sono entrate nullità come la boschi o la bonafè, allora, assai probabilmente, anche lui ce l’avrebbe fatta; oppure, di converso, che il passaggio alle primarie non è automaticamente simbolo del valore del deputato (è meglio airaudo, che non le ha fatte, o la bonafè e la boschi, che le hanno fatte?); oppure ancora, che la gran parte dei deputati “di area cuperlo” le hanno fatte e vinte, mentre molti renziani (scalfarotto, gentiloni), sono entrati col listino. è preoccupante la gestione che renzi sta dando al partito, e lo dico anche ora che non sono più un suo elettore nè tantomeno un suo iscritto: una gestione padronale, marchionniana, in cui “non si accettano critiche”, “se non si fa così (cioè come ha deciso berlusconi) salta tutto”, condita da una volgarità e da una pochezza ogni giorno più evidenti e deprimenti, e in cui a farla da protagonista è una corte di esaltati che non ha mai visto simili, nè fra i fedeli di bersani (gente che fino a ieri mi sconcertava come stumpo, la geloni, di traglia, oggi mi sembra oro, rispetto alla corte renziana; il grigio funzionario d’attorre, uno che nel suo piccolo ha contribuito a farmi disamorare al pd, oggi sembra tocqueville, al cospetto di un guerini o di un nicodemo).

    e risparmiatevi, per pietà, la solita menata delle correnti “che ci hanno fatto troppo male”, visto che quella renziana non è UNA corrente, ma LA corrente, e molti di quelli che ne fanno parte hanno raggiunto posizioni e cariche cui non sarebbero mai arrivati, puntando solo sulle loro capacità

    una corrente di cui fai parte, mi spiace dirlo, anche tu, cristiana; seguendo ormai da qualche anno il blog, si può notare bene la deriva, da “battitrice libera”, non sempre condivisibile, e però non condizionata da nessuno, a soldato fedele, intruppato a difendere sempre, comunque e in ogni caso il verbo del capo.

    non lo so se andrete lontano, continuando così. per lo meno, io spero di no…

    Mi piace

  • rodixidor ha detto:

    Ha fatto bene Cuperlo, ha fatto bene Fassina, non si risolvono così le differenze caro Matteo

    Mi piace

  • roberto de felice ha detto:

    Il comunicato del comune di Firenze è giuridicamente falso. L’art 3 del regolamento di utilizzo delle sale di Palazzo Vecchio prevede che a poterne concedere l’ uso sia il Sindaco , e a che gestire le sale sia ( art 2 ) il suo Gabinetto. L’art 1 prevede che le sale possano ( e non: debbano ) essere concesse per eventi culturali , artistici ecc di rilevanza nazionale . Trattasi di provvedimento discrezionale , e il Sindaco ben poteva rifiutare la concessione ad esempio perché il titolo della manifestazione lasciava intendere la opposizione netta alla Legge Scalfarotto in aperta violazione dei principi e valori costituzionali sanciti dagli artt 2 e 3 della Carta . Argomentando nello stesso senso del comunicato un consigliere negazionista avrebbe potuto sponsorizzare e ottenere un convegno per valutare le conseguenze sulla libertà di pensiero delle norme che puniscono i negazionisti?

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Mi dispiace che Cuperlo si sia dimesso, ma… su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: