Dite al M5S di rileggersi l’Apologia di Socrate

28 gennaio 2014 § 10 commenti


Si puo’ avere un’opinione sulle istituzioni italiane.Critica e conflittuale,ma la cultura democratica ricorda la lezione socratica (Socrate pur di rispettare le leggi che lo condannavano a morte, il cui rispetto veniva prima della propria individualita’, bevve la cicuta). Lo abbiamo ricordato a Berlusconi per ventanni quando attaccava la magistratura oggi lo ricordiamo al M5S.

L’esistenza delle istituzioni anche quando sbagliano e’ la tutela stessa della democrazia. Napolitano e’ Presidente legittimo del nostro Paese, piaccia o no (a me non piace che si sia prorogato un mandato).

Il resto e’ sovversione, che partorisce dittature (da non confondere con rivoluzione)

Annunci

§ 10 risposte a Dite al M5S di rileggersi l’Apologia di Socrate

  • Jacopo ha detto:

    beh, ma cosa c’entra l’apologia di socrate?
    qui abbiamo un caso ben diverso! abbiamo un presidente della camera che, teoricamente, potrebbe usare questo potere di “ghigliottina”; abbiamo che, in realtà, tale potere non è MAI stato usato; abbiamo un presidente della repubblica che, pare, lo ha molto caldeggiato (a quale titolo, mistero della fede); abbiamo un esponente della forza di opposizione più grossa che, come sempre capita, manda in vacca battaglie sacrosante sbroccando e scegliendo il modo peggiore, più brutto e – non trovo espressione migliore – più “sfigato”, per denunciare quello che comunque, nei fatti, avrebbe assunto i contorni e la forma di un vero e proprio abuso.
    poi oggi, pare, per fortuna, che la ghigliottina non verrà usata.

    e quindi sentire parlare di rispetto delle leggi proprio da chi spacca il partito e disorienta il suo elettorato per andare a scrivere una legge elettorale con quello che, in italia, le leggi le ha rispettate meno di tutti, beh, ecco, insomma, suvvia…

    Mi piace

  • Lorenzo M. ha detto:

    Tutto giusto. E con chi ha utilizzato parole, e modi, forse pure peggiori il PD si appresta ad approvare una pessima legge elettorale. Scritta forse sotto dettatura e tagliata su misura per un partito in particolare. Un capolavoro destinato ad essere recriminato in futuro, magari dagli stessi che ora la caldeggiano tanto. E chissà quali fantastici alibi verrano tirati fuori quando sarà il momento.
    Aspetto proprio il prossimo appello al voto utile, chè tanto di questo passo sarà inevitabile.

    Mi piace

  • lorenza.garonne@libero.it ha detto:

    Leggo spesso il tuo (posso?) blog e vedo che ti appassiona l’antica Grecia tuttavia pare non ti sostenga la cultura necessaria. Hai presente? L’antica Grecia conosce solo le polis quindi ciò che capita ad Atene è diverso da quanto accade a Sparta… La democrazia non comprende né donne, né schiavi, né altre categorie di persone. Ad Atene. A Sparta non è neanche di casa. Direi che ripararsi dietro una nobile cultura – uno dei fondamenti dell’Occidente – è sano e giusto se lo si sa fare, non citando a capocchia. Corso di studio accelerato.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      Non concordo affatto. Citavo Platone e le basi della democrazia, NON Atene. Ma forse lei voleva fare dell’ironia e non ho capito. Comunque se vuole discutiamo dell’Apologia di Socrate e del suo significato.

      Mi piace

      • Lorenza ha detto:

        Lo so da me che citava Platone. Definirlo uno dei pilastri della democrazia non è storicamente né filosoficamente corretto. Se vuole allego bibliografie. Il mio riferimento alla polis era relativo a un suo precedente post in cui datava l’esistenza del maggioritario all’antica Grecia. Per questo il riferimento alle polis. Insisto: lei cita Platone, Socrate e i sistemi elettivi delle diverse polis greche senza averne gli strumenti. Si faccia consigliare dei buoni libri. Per lei e per il partito in cui non solo milita ma di cui è una parte dirigente visto il suo incarico in direzione nazionale.

        Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Ah Socrate foraggiava le banche private mettendo un tetto alla quota nominale? E meno male che i dilettanti della politica sono quelli del Mov5s.

    Dico a parte queste uscite da sussidiario (un bell’articoletto su Serra e l’affare Electrolux, invece di queste imbarazzanti intemerate da bignami no eh?), questo continuo attacco ai 5s è una scelta tattica (suicida) piovuta dall’alto, vero?

    Renzi sa come indirizzare la propaganda per perdere vantaggiosamente le elezioni. Vecchia scuola.

    E in effetti di FI e Berlusconi i renziani (te compresa) ben se ne guardano dal parlarne male. Ora il nemico sono i grillini. Coerentemente non sputate nel piatto in cui mangiate.

    Ma l’elettorato saprà discernere, non temere.

    Cordialità.

    Mi piace

  • Lorenza ha detto:

    Forse io non leggo bene ma la sua cultura storica farebbe ridere una bambina delle scuole elementari. Paragoni inattuabili – perché con il rispetto delle leggi socratico si può finire per assolvere chi ha detto “Ho solo obbedito agli ordini e alle leggi esistenti”. Amo molto la Grecia antica ma lei la usa come una clava e anche male. Sono dispiaciuta che la direzione nazionale del Pd abbia ad ospitarla e mi chiedo quanto questo dipenda dal suo cognome. Mi scuso per questo ultimo intervento sul suo blog che è, appunto, casa sua. Non abbiamo una visione del mondo condivisibile quindi è inutile parlare: ne risulta un confronto sterile per entrambe. Cordialità.

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Dite al M5S di rileggersi l’Apologia di Socrate su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: