L’indottrinamento LGBT, l’Italia come la Russia?

24 marzo 2014 § 10 commenti


Una piccola premessa. Vladimir Luxuria, esponente ed attivista LGBT doveva andare a parlare in una scuola di Modena. Questo (che attivisti LGBT vadano nelle scuole, invitati) accade in tutto il Paese per fortuna ed accadrà anche a me in settimana in una scuola romana, nell’ambito del progetto Le Cose Cambiano a Roma nelle scuole che hanno aderito al progetto, un progetto voluto dal Comune di Roma dopo l’ennesimo suicidio di un ragazzo gay. In sostanza, se mi permettete di dirlo con emozione, nessuno di noi va a propagandare (cioè promuovere, cioè fare pubblicità, cioè dire che un prodotto è meglio di altri o va scelto per le sue qualità) alcunchè. E’ come se io dicessi che qualsiasi eterosessuale che parla della sua fidanzata o dei suoi figli stia facendo propaganda. Semplicemente, vivaddio, si racconta. Ed ogni amore, ogni famiglia è differente, non esiste un modello migliore di altri. E’ come dire che una persona separata o senza figli che si racconta propagandasse la sua forma di famiglia. O un prete, per dire, è come se propagandasse la scelta di prendere i voti.

Provoco, ovviamente.

Sostiene Toccafondi, sottosegretario all’istruzione (una delle tristi scelte figlie delle maledette larghe intese), citando l’articolo 30 della Costituzione che “e’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli” e che quindi una persona LGBT non può entrare in una scuola a parlare della propria esperienza perché questo mette a soqquadro un principio educativo perchè si fa propaganda LGBT e si offre una visione unilaterale di famiglia e sessualità.

Qualche puntino sulle i.

  1. L’essere gay e trans non si può propagandare. Questa visione è figlia, purtroppo, di chi ancora crede che si possa far diventare qualcuno gay o guarire i gay e farli “tornare” etero. Non si guarisce dall’omosessualità come non si convince un etero a diventare gay. Per fortuna.
  2. Le persone LGBT non danno una visione unilaterale di sessualità e famiglia. E’ esattamente il contrario. Noi veniamo per il 99% da famiglie etero e raccontiamo che esiste ANCHE un altro tipo di famiglia e non diamo alcun criterio qualitativo nel definire i due tipi di famiglia. Semplicemente raccontiamo la verità ai ragazzi invece di fargli credere che le famiglie gay non esistono o sono una cosa così mostruosa da non dover essere raccontata. In poca sostanza chi fa propaganda è chi racconta il mondo come lo vorrebbe e non come è. In questo caso chi fa propaganda o forse desidera scuole che la facciano è proprio il sottosegretario Toccafondi.
  3. è molto probabile, comunque, che non sia nemmeno il tema famiglia a voler essere toccato in un contesto scolastico, quanto piuttosto quello “elementare” ma fondamentale della bellezza della diversità. Il progetto romano, per esempio, è nato dopo un’ondata di suicidi tra adolescenti

Infine è davvero triste dover discutere in questi termini e con questi toni nel 2014 in un paese civile, come se fossimo la Russia di Putin che non a caso per limitare in maniera paracula l’evoluzione dei diritti civili, si è rifiugiato contro la frase “propaganda gay” rendendo “propaganda” la sola esistenza delle persone omosessuali che solo in apparenza non sono perseguitate. Lo sono eccome.

Mi piacerebbe portare con me il sottosegretario Toccafondi questa settimana nella scuola romana dove andrò a parlare con 50 studenti (sperando che il ministero a questo punto non me lo impedisca) per dimostrargli il profondo rispetto che ho nei confronti della diversità, in questo caso la sua, quella di qualcuno che evidentemente ha ancora paura. Io non ho paura di lui. Non ho paura della varietà del mondo e quella paura è l’unica cosa che dovremmo provare tutti a guarire.

p.s. Questo tweet di Christian RoccaNuova immagine mi ha fatto rimanere molto male perché assume che il pensiero di Toccafondi sia plausibile, cioé che Vladimir Luxuria, possa davvero andare nelle scuole a promuovere nuove forme di famiglia. Un giornalista (bravo come lui oltretutto) dovrebbe conoscere bene la differenza tra la parola “promuovere” usata in modo ideologico e la realtà del “raccontare”. E coglierne la voragine.

 

 

Tag:, ,

§ 10 risposte a L’indottrinamento LGBT, l’Italia come la Russia?

  • Maurizio scrive:

    Brava !!!

    Mi piace

  • Toccafondi….nomen, omen cos’altro si può dire

    Mi piace

  • wsa0 scrive:

    Non mollare Cristiana e hai fatto bene! Vai avanti con le tue proposte e progetti.Io sto dalla tua parte, siamo tutti esseri umani .

    Mi piace

  • geryatejina scrive:

    Ma tu pensa con che qualità di persone ti tocca avere a che fare. Dover perdere tempo ed energie a spiegare l’ovvio… Hai tutto il mio appoggio morale, per quello che vale.

    PS: sarà sempre troppo lontano il giorno in cui ci saremo liberati di tutte le religioni, e del carico immenso di ignoranza e superstizione che portano con sé.

    Mi piace

  • Ottima analisi. Il tema della lobby gay che vuole promuovere un prodotto “sbagliato” è una delle peggiori retoriche sfornate dai neoconservatori del 2000.
    Anche in Sardegna abbiamo problemi simili, da poco abbiamo registrato un caso analogo: l’assessore alle pari opportunità ha dovuto spiegare quello che hai esposto tu nel post.
    Sarebbe doveroso iniziare a fare educazione SENTIMENTALE nelle scuole, per aiutare ragazzi e ragazze a crescere in modo più calmo in un mondo che non è uno scenario di guerra e non è a compartimenti stagni.

    Quando si viene educati a capire le differenze e a conoscerle, si è pronti ad affrontare la vita in maniera più costruttiva e a discutere, invece che attaccare.
    Il sottosegretario Toccafondi è il produttore e il prodotto di una cultura che preferisce il lavaggio del cervello al dialogo costruttivo.

    Si ha paura che i gay facciano il lavaggio del cervello, perché si riconosce che per anni e anni lo si è fatto sulla pelle dei ragazzi e delle ragazze.

    Mi piace

  • Jacopo scrive:

    un’occhiatina su internet per documentarsi un’attimo. botta di culo, le spire di wikipedia arrivano fino alla trascurabile figura del toccafondi: e dicono che il suo partito è il nuovo centrodestra (e vabbè, niente sorprese su questo), ma che il tizio è NATO A FIRENZE NEL 1972! nella stessa città del sindaco cambiatorediverso e svoltatore, e più o meno nello stesso periodo.
    chiediamoci, dunque, questo.
    è stata una scelta casuale, quella di renzi, di piazzare in una posizione così un uomo così, dopo aver peraltro scelto come ministro un’altra clericale privatizzatrice come la giannini?
    ovviamente no, non è stata una scelta casuale!
    non si può pensare seriamente che renzi non sapesse chi è toccafondi, suo concittadino, quasi coetaneo, nonchè molto vicino a lui su certi temi (sociali, civili). renzi, in realtà, sapeva bene chi era toccafondi, e proprio per quello lo ha sistemato in quella posizione così importante e delicata!

    e, a costo di ripetermi e di essere noioso, ripeto ancora le solite domande che faccio a cristiana, che continuerò a farle ogni volta che lei si lamenterà di un qualsiasi episodio in cui i membri del suo partito e/o del suo governo ci mostreranno quanto sia retrivo e intollerante il loro pensiero!

    e dunque: cristiana, di che ti stupisci? cosa ci stai a fare ancora lì? pensi davvero che a “cambiare verso” sui temi sociali possa essere uno come renzi, con la corte che si porta dietro?

    p.s. e quell’altro soggetto di cristian rocca, così gentile, intelligente, educato, profondo e soprattutto libero, che opinione ha di renzi? perchè non risulta che sia fra i suoi detrattori, o sbaglio (e magari sbaglio, ho cose più importanti da fare che monitorare ogni giorno il verbo di questo tizio)?

    Mi piace

  • len\y scrive:

    vallo a dire a Renzi. Vediamo come interloquite. Già che ci sei porta anche Bagnasco. Tutti insieme, ne verrete fuori di sicuro.
    Come ami dire spesso: non ci sono alternative… Proprio non ci sono.

    Mi piace

  • Nino scrive:

    Ma Toccafondi chi lo ha nominato sottosegretario, Bagnasco o Renzi ? il nuovo che avanza, vero? Mah … come disse un nostro antenato, ormai “me ne frego”!!!

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’indottrinamento LGBT, l’Italia come la Russia? su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: