Una cosa ai compagni di SeL

20 giugno 2014 § 2 commenti


Per me i confini di partito non esistono. O meglio, esistono prima le idee per il Paese che gli schieramenti. Se ne avessi la possibilità, se fossi in Parlamento, se SeL dicesse una cosa giusta e la condividessi la voterei. Il Parlamento serve a questo e la libertà del singolo viene prima della disciplina di partito (mentre nelle commissioni ci vanno i rappresentanti di partito e non dei singoli, così non pensate che stia dicendo una roba diversa dal caso Mineo).

Così non mi turba per niente che alcuni componenti di SeL stiano uscendo dal gruppo di SeL per formare un gruppo separato e magari poi confluire con il PD. Qualcuno potrebbe dire che è l’ennesima salita sul carro. Può essere. Poco mi importa se si tratta di notabili che non vogliono morire alla prossima legislatura che magari è più vicina di quanto si possa pensare e di segnali ce ne sono parecchi (e se volete ve li dico tutti, arrivano anche dal premier che magari lo fa apposta per portarsi a casa le riforme con chi si sta spaventando di scomparire al prossimo voto).

A me importa un’altra roba. Mi importa sapere se il progetto del PD come lo abbiamo pensato negli ultimi due anni può interessare la maggior parte del Paese. Non ci credo ai voti dell’UDC che ti portano al governo e non credo nei voti di SeL tanto quanto. Forse la “sinistra” fa più voto d’opinione dei centri di potere baronale postdemocristiani di questi tempi, sì. Ma a me interessa capire se la nostra idea può essere condivisa da larga parte del Paese non come un’idea dove si ritrova il centro con il centro-sinistra e la sinistra. E’ un ossimoro. Mi interessa che ci si ritrovi in una visione di sinistra postnovecentesca tutti insieme perché per me sburocratizzare, semplificare il fisco, introdurre il merito come principio di equità, investire sulla scuola, dire che il mediterraneo non deve essere un cimitero, valutare senza imbecillità sulle scie chimiche e dati alla mano se un gassificatore o un inceneritore o la TAV sono cosa buona o no è di sinistra. Non è di sinistra difendere privilegi, non attualizzare le pratiche concertative nel contesto, chiedere per una corporazione e non pensare all’equilibrio collettivo, parlare non conoscendo di cosa si parla: siamo pieni di letterati che disquisiscono di gassificatori.

Scusate se la faccio semplice.

Ma lo avevo già detto qui, tanto, tantissimo tempo fa. Correva l’anno 2012, era il tempo delle primarie Renzi-Bersani-Vendola e sembra passato un secolo.

Se dovessi giudicare oggi il programma del PD dell’era Renzi (è noto a tutti, lo dissi anche durante le primarie 2013 benché sostenitrice di Renzi) direi che per essere di sinistra fino in fondo gli manca di dire che il matrimonio egualitario e le adozioni sono cosa buona e giusta, ma difenderò la proposta di Civil Partnership con la step-childadoption perché ci farà entrare in Europa e sarà il primo passo verso la totale uguaglianza. Ma so dove voglio arrivare. Non mi basta e l’ho già scritto che quello è l’ultimo miglio mancante.

Per cui ben venga chiunque voglia entrare nel PD, anche se darei la priorità al Paese e non ai notabili. Utili forse in parlamento per far partire le riforme, ma vorrei utili a raccontare all’Italia cosa possiamo fare, d’ora in poi.

E giusto per fare un po’ di salotto di sinistra anche io (GULP) non sono d’accordo né con l’amico Gilioli (che risponde all’amico Nicodemo) che definisce i transfughi di SeL un po’ pigri (non ci credo alle microminoranze intellettuali, non hanno impatto sulla vita delle persone, meglio usare le intelligenze dentro un progetto maggioritario) e nemmeno con Nicodemo: non è qualche parlamentare di SeL che ricostruisce l’unità della sinistra. E’ col Paese che dobbiamo costruire quell’Unità massacrata da milioni di scissioni e di egoismi minoritari. E secondo me la direzione è giusta al netto di qualche importante miglioramento di cui sopra.

p.s. sulla “pigrizia” di cui parlano sia Gilioli che Sappino aggiungo una cosa: scusate ma non si tratta di pigrizia. Ma di fretta, calcolata sul tempo medio atteso di vita delle persone. Si può essere pigri per il dibattito in salotto, ma chi non arriva a fine mese ha fretta e non ha tempo. Parliamo, questo sì, di quale metodo può fare meglio. Ma facciamolo insieme. Nello stesso luogo. Altrimenti le vostre intelligenze sono al servizio del salotto del 3% e da noi dobbiamo tenerci dei catafalchi al posto della vostra intelligenza.

§ 2 risposte a Una cosa ai compagni di SeL

  • geryatejina scrive:

    Mezzo OT, a proposito di gente che parla senza sapere di cosa sta parlando e di cosa sia di sinistra.

    http://video.repubblica.it/dossier/gaza-israele-2012/primarie-bersani-si-a-palestina-osservatore-renzi-non-mi-convince/112209/110605
    dal minuto 6:40.


    dal minuto 30:10.

    Questo e’ di sinistra?
    E’ di sinistra dire – a proposito della questione palestinese – io la penso come Obama?
    E’ di sinistra candidarsi a segretario di un partito e a PdC con tale voragine di ignoranza sulla questione geopolitica più importante al mondo?
    E’ di sinistra credere che il problema non sia Israele/Palestina ma le ragazze che non possono andare a ballare in Iran?

    Che capra che vi siete messi ad adorare. Che vergogna.
    Spero con tutto il cuore che durante questa legislatura non vi troviate a dover prendere decisioni in materia a nome mio.

    Mi piace

  • Sandman scrive:

    Cristiana, avrei voluto chiederti, nel programma di Renzi, almeno una cosa di sinistra…
    per ora vedo solo beni pubblici svenduti per far cassa (ad esempio gli apparati Raiway – senza aver risolto i problemi all’interno della Rai che rimane saccheggio politico) e soldi di tutti buttati in modo inutile come gli 80 euro al mese (soldi che non toccano le categorie veramente povere – come le pensioni e i disoccupati – e che sono dati “a perdere” al medio-basso ceto – senza controlli fiscali sul nucleo familiare- in maniera populista.. persino Berlusconi aveva fatto meglio con le social card)

    Lasciando perdere la questione civil partnership e su come, pur definendoti apartitica sull’argomento dei diritti civili, hai deliberatamente ignorato il disegno di legge sul matrimonio egualitario presentato dai M5S (delusione, sarebbe stato interessante la tua analisi sul testo invece hai fatto finta di nulla)

    Lasciandoti nascondere tutto questo sotto il tappeto, per continuare a riempirti la bocca della parola ‘sinistra’ abbinati a personaggi che non hanno nulla a che fare con quel lato della curva, ti consiglio di leggere questa intervista a Slavoj Zizek su Micromega.
    Era il 2010, c’era Berlusconi presidente del consiglio e si facevano consistenti i primi venti di populismo in Italia e Europa. Zizek definisce le correnti populiste vicine al fascismo e spiega anche il modo in cui B ha cambiato la rappresentanza politica italiana (e sta tutt’ora cambiando insieme al PD con la riforma del senato, dopo i tentativi falliti del 2006 o 7, allora definiti un pericolo per la democrazia)
    Tutto l’assetto è rimasto come allora e viene portato avanti anche dal tuo leader.
    Questo è l’articolo, a mio avviso attuale e interessante:
    http://temi.repubblica.it/micromega-online/le-ragioni-ritrovate-del-pensiero-critico-intervista-a-slavoj-zizek/

    Buona lettura

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Una cosa ai compagni di SeL su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: