Franceschini e la trappola del paradosso “Cultura”

2 agosto 2014 § 5 commenti


Vedi la risposta del ministro in questo post.

E’ noto a tutti (spero) che non ho fatto i salti di gioia per

l’alleanza interna tra renziani e franceschiani (e ne avrei di cose da dire sul tema), ma ero anche tra quelli che riteneva che il Franceschini scrittore (al ministero) sarebbe stato migliore del Franceschini capobastone. Non lo ho mai letto, ma buoni lettori mi dicono che sia bravo. In passato è stato anche recensito dal buon Civati, per dire.

Eppure nel ruolo di ministro Franceschini a mio avviso ha gia’ fatto due passi falsi. Quello sulla cosiddetta “Copia privata”  (una follia solo per far contenta la Siae che certo non aiuta la diffusione della cultura) e l’ultimo, assai piu’ grave perche’ profondamente simbolico, con il bando ministeriale che chiede (avete capito bene “chiede” e non “offre”) lavoro non retribuito con la beffa delle spese a carico (link).

Ora il tema non e’ la crisi e quindi la necessita’ per chiunque di lavorare e di essere retribuiti che e’ un aspetto persino superficiale e banale della questione.

Il tema vero e’ il paradosso per cui in campagna elettorale tutti affermano che la cultura non e’ un costo ma puo’ essere un business, anzi “IL” business del sistema Italia tranne poi non voler dedicare al settore risorse ed investimenti o addirittura cercando risorse gratuite per tirare a campare senza costruire. Questo trovo che sia tristemente scandaloso.

La creativita’ va allevata. Coltivata. Da essa nascono idee, eventi, altra cultura, altra arte. Per allevare e coltivare la creativita’ bisogna che ci sia qualcuno che di questo ci campi. Bisogna che nessuno storca il naso leggendo questo e pensi, magari, al parassitismo. Se accade abbiamo un problema.

La gente che “produce” cultura va messa in condizioni di farlo. Alcuni non produrranno nulla o poco. Ma è dentro quel campo che ogni paese dovrebbe coltivare che i Paesi diventano grandi, evolvono, dibattono. Nei paesi normali si sa che quei denari sono spesi per il bene comune, alimentano l’intelligenza collettiva, generano valore, generano “traffico” mentale e fisico e quindi alimentano l’economia e fanno bene a tutti, anche a chi non distingue un Caravaggio da un Rembrandt o Mozart da Bach. (p.s. Il tema del Teatro Valle, per esempio, afferisce alla stessa dimensione. Concordo sul tema della legalita’ posto dal sindaco Marino e ritengo che il Teatro vada restituito alla citta’, ma capisco gli occupanti che non si fidano dello Stato e non lo considerano alla loro altezza nella produzione culturale, il che visto l’andazzo…….)

Un luogo vivo (cioè fatto di persone che con costanza e qualita’ ne alimentano il battito) e’ un luogo che si riempie di persone. Che consumano. Consumano cultura (pagano i biglietti) e il resto meno nobile ma di cui il Paese si nutre (alberghi, ristoranti, shopping, ecc).

Il fatto e’ che il nostro Paese e’ cosi’ disabituato ad investire per il futuro che ci sembra normale chiamare dei professionisti (e non dei dilettanti, che magari avrebbe anche senso “formativo”) a fare stage gratuiti (anzi in sostanza a pagamento e a carico dello stagista) col pensiero alla dimensione del giorno e non del decennio. Non era nel nostro programma la dimensione del giorno. Ed e’ paradossale che questa dimensione maledetta esca da questo governo.

Condivido le conclusioni della lettera che Michele Spellucci ha scritto al ministro, lettera che ha sortito l’effetto di far togliere il bando che però è rimasto attivo.

Non ci siamo.

Tag:, ,

§ 5 risposte a Franceschini e la trappola del paradosso “Cultura”

  • Dario Franceschini scrive:

    Ciao Cristiana,
    Questa è di ieri…
    Gentile Michele,
    le scrivo per comunicarle il ritiro dell’avviso pubblico per la realizzazione di eventi culturali durante le aperture serali dei musei statali. Mi permetta di chiarire che quel bando si prefiggeva, così come lei ha ben colto nella sua lettera, di entusiasmare la creatività e offrire la possibilità agli artisti di esprimersi nei più bei luoghi della cultura italiana.
    Lo scorso anno, quando ancora non ero ministro della cultura, in molti hanno salutato positivamente l’iniziativa ‘un sabato notte al museo’ e per questo la Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale del ministero ha riproposto il bando 2013 anche per il 2014. Non mi interessa capire perché allora non vi furono polemiche quanto piuttosto ringraziarla per la sua lettera perché mi permette di affrontare un tema che mi sta particolarmente a cuore: la remunerazione e il rispetto dei lavori creativi. Troppo spesso, infatti, nel settore dell’arte i giovani artisti – e purtroppo non solo loro – vengono chiamati a lavorare gratis come se questo rappresentasse una tappa obbligata della loro crescita professionale. Come a dire ‘stringete i denti e andate avanti perché tanto, prima o poi, verrete lautamente ricompensati. Non ora però’. Trovo questo atteggiamento ingiusto e non vorrei che fosse proprio il MiBACT ad avallarlo, seppur involontariamente. Non è certamente nelle nostre intenzioni, anzi, solo un mese fa, abbiamo salutato positivamente la definitiva approvazione della legge che riconosce le professioni culturali perché riteniamo con convinzione che non può esserci piena tutela e valorizzazione del patrimonio culturale se non si valorizzano le competenze di chi vi opera.
    Per tutto questo, in attesa di avere maggiori disponibilità finanziarie per remunerare adeguatamente gli artisti che partecipano ai nostri progetti di valorizzazione, ho dato indicazione di annullare l’avviso pubblico oggetto della sua lettera.
    Cordialmente,
    Dario Franceschini
    Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

    Mi piace

    • calicata scrive:

      Caro Dario, grazie della tua risposta che aggiungerò subito al post. Mi permetto di dire che quelle risorse sono indispensabili per far ripartire il Paese e regalare ai nostri figli un’Italia migliore. Dovrebbe essere una nostra priorità trovare quei soldi recuperandoli coraggiosamente e rapidamente dagli ancora tanti sprechi. Un abbraccio. Cristiana.

      Mi piace

  • andrearenyi scrive:

    In tempi di magra ho trovato sbagliato anche togliere lo sconto anziani per l’ingresso ai musei. Non credo ci fossero mai state invasioni massicce di nonni nei musei statali, ma trovo socialmente giusto dare la possibilità agli anziani, molti dei quali con pensioni certamente non elevate, e per loro il governo non farà nulla nel prossimo futuro, di visitare qua e là qualche mostra. Quante volte in un anno ne usufruirebbero? Mediamente due o tre nei grandi centri, una in provincia, senza togliere nulla a nessuno, visto che le loro visite non chiedono investimenti extra. In compenso si ridurrà molto un altro piccolo canale di lavoro: quello delle guide di gruppi di anziani che potevano chiedere un tot per la vita guidata, unica spesa che l’anziano doveva affrontare, mentre lo stesso difficilmente potrà e vorrà spendere ora 15-20 euro fra la guida e il biglietto d’ingresso.

    Mi piace

  • calicata scrive:

    p.s. E’ vero che suonare in luoghi meravigliosi può rappresentare una bella occasione per mettersi in mostra, ma invece – ribaltando nettamente la prospettiva – l’anno prossimo potremmo organizzare concerti a pagamento in questi posti e fare cassa per lo Stato e per gli artisti: un grande programma musicale (e magari letterario e via dicendo) su tutto il territorio e pagare gli artisti. Che ne pensi?

    Mi piace

  • […] Per correttezza dò visibilità alla risposta del ministro al mio post precedente: […]

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Franceschini e la trappola del paradosso “Cultura” su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: