Le sentinelle che pestano i piedi e vogliono la mamma ovvero il pasticcio di Faenza.

17 dicembre 2014 § 11 commenti


A Faenza è successo un mezzo pasticcio. Il sindaco (del PD) e parte della giunta (PD) votano un ODG in cui si dichiara di favorire la “famiglia naturale” . Poi viene fuori che era un ODG riveduto e corretto e che il sindaco si scusa. Non basta. Non è possibile che su questi temi su cui il PD ha una linea chiara (anche se non sufficiente) uscita alle scorse primarie bastino 4 persone per devastare le posizioni di un intero partito. Il problema è che non bisogna mai distrarsi e non bisogna mai cascare nei trappoloni delle sentinelle che pestano i piedi e vogliono la mamma. Non aiuta certamente questa attesa ormai snervante che sta bloccando l’attuazione del programma. Ma una cosa deve essere chiara: il PD sul tema ha le idee chiare e non è un sindaco distratto o 4 consiglieri comunali di provincia (con tutto il rispetto) a modificarne la linea politica distruggendo il lavoro e i passi avanti (ancora non sufficienti) fatti in questi anni. L’unica cosa che mi fa incazzare è che le varie associazioni omofobe oggi tentano di far passare il PD per questo voto di Faenza.Non è così, mettetevi l’anima in pace.

Qui trovate l’ODG.

E qui trovate le scuse del sindaco che spiega perché ha votato a favore (probabilmente non si aspettava tutto questo clamore, ma è giusto che sia accaduto, così varrà per tutti, così ci ricordiamo che non si votano le cose tanto per votarle o facendo altri calcoli che non siano cosa stai votando)

§ 11 risposte a Le sentinelle che pestano i piedi e vogliono la mamma ovvero il pasticcio di Faenza.

  • enrico scrive:

    “Una cosa deve essere chiara: il PD sul tema ha le idee chiare”. Chiarissime: parlarne ogni tanto su qualche giornale compiacente, tipo Repubblica, e non fare nulla.
    Manco la ridicola legge “anti-omofobia” di Scalfarotto si riesce ad approvare.
    La realtà è che Renzi è un bigotto peggio di Adinolfi, e certe cose non le farà mai.
    P.s. Puoi chiedere al tuo amico Ivan se non pensa che sia più dignitoso mollare la cadrega, essendo evidente la sua inutilità, invece di star lì a rubare lo stipendio?

    Liked by 2 people

  • Lorenzo M. scrive:

    Il Pd, sul tema, non ha affatto le idee chiare. Nel momento in cui si tratta di declinarle in disegni di legge, o altri provvedimenti, si defila, sparisce, applica il “modello Faenza”.
    Non è affatto un caso isolato, una dabbenaggine di quattro gatti che hanno votato per sbaglio.
    E se ne prendissimo atto, finalmente? Di quante altre prove si ha bisogno?

    Liked by 2 people

  • topometallo scrive:

    Il PD non è come quello di Faenza? E, di grazia, su quali basi concrete dovrei credere a questa battuta?

    Mi piace

  • ileonilde scrive:

    Il PD è forte coi deboli e debole coi forti e il job act ne è una prova.
    Non ho idea di quale sia la posizione ufficiale del PD in fatto di diritti civili, ma supponendo che sia a favore, non me ne convincerà mai, finchè non punterà i piedi per legiferare con la stessa determinazione con cui ha puntato i piedi per il job act!

    Liked by 1 persona

  • Gustavo Ulivi scrive:

    Forse ti sei persa qualcosa:
    il PD non e’ piu’ il Partito post-Komunista che cercava insieme ai Democristiani del Compromesso Storico di fare opposizione al Centro-Destra berlusconiano.

    IL PD e’ la Nuova Democrazia Cristiana. Ed essendo piu’ “Nuova Democrazia Cristiana” che Partito post-Komunista si trova in linea di compromesso non piu’ con i post-Komunisti e il Movimento LGBT, ma con il Centro Destra che su alcuni aspetti dei “diritti civili” omosessuali tiene posizioni meno “aperte” di quelle dei post-Komunisti e del movimento LGBT.

    E forse ti sei persa anche che il “PD” non sta in piedi per quel ridicolo 41% preso alle elezioni europee, ma per il contratto fatto con Berlusconi che permette a Renzi di portare faticosamente in porto le “sue” riforme: quelle, cioe’, di Berlusconi. Riforme di cui Berlusconi parla da un Ventennio e che hanno sempre trovato post-Komunisti e Kamussisti (cioe’ i vecchi Komunisti) ostinatamente all’opposizione.

    Tra le riforme che Matteo il Berluschino cerca di portare im porto con il supporto di Silvio il Berluscone quelle dei “diritti civili” omosessuali non occupano posizione di priorita’.
    Ed e’ giusto che sia cosi perche’ agli Italiani, con rispetto parlando, interessano operazioni politico/economiche molto, ma molto piu’ importanti del “matrimonio” omosessuale.

    Con i tre “Governi Napolitano” (cioe’ quelli di Monti, Letta e Renzi) le cose vanno sempre peggio e il 2015 si preannuncia l’anno cruciale per la stessa sopravvivenza dell’Euro e per il futuro della Comunita’ Europea dalla quale minacciano di staccarsi la Francia e l’Inghilterra per l’annoso problema dell’immigrazione di massa e la sua pessima regolazione a livello europeo.

    In questo contesto, con rispetto parlando, perdere tempo discutendo e cercando maggioranze che non esistono per approvare i punti piu’ divisivi dei cosiddetti “diritti civili” omosessuali verrebbe visto in Italia e in Europa come una delle tante imbecillita’ della politica italiana.

    “Ben altri” sono i problemi urgenti.

    Nel frattempo gli omosessuali possono continuare a vivere dignitosamente la loro rispettabilissima condizione senza parlare a sproposito di omofobia. Essere contrari (o perplessi) riguardo matrimonio e adozione nel campo dell’omosessualita’ NON e’ una posizione omofoba.
    L’omofobia, casomai, se la portano addosso i milioni di immigrati dal Terzo Mondo che i Katto/post-Komunisti accolgono a braccia aperte in nome del Buonismo e dell’Internazionalismo proletario.

    A calpestare la dignita’ degli omossesuali italiani ed europei non sono le resistenze cattoliche e conservatrici sulle questioni matrimonio/adozione degli omosessuali, e tantomeno lo e’ la “Festa della famiglia naturale fondata sull’unione fra uomo e donna, promuovendone la valorizzazione”, ma i nuovi arrivati cui volete costruire moschee perche’ educhino i loro figlioli alle leggi coraniche che sono non solo omofobissime, ma considerano ancora la donna come un essere inferiore.

    Ed infine, se non vi piace il PD, cioe’ la Nuova Democrazia Cristiana che entra in compromesso con le Forze della Conservazione che parlano di “famiglia naturale” distinguendola dalle cosiddette Unioni Civili, potete sempre uscirne ed abbracciare Vendola che si trova con voi in perfetta sintonia.

    Chi ve lo fa fare di restare nel Partito di Renzi? La speranza che porti avanti le riforme liberali di Berlusconi e si opponga con successo (come vuole Berlusconi) all’Europa “germano-centrica”?

    Andate con Vendola e vi sentirete meno frustrati.

    Mi piace

    • Antonella scrive:

      Ecco qua. Un fascista anche se di maschera da ‘benaltrista’ resta sempre un fascista.

      Liked by 1 persona

      • Gustavo Ulivi scrive:

        Ecco qua: se non sei omofobo sei un fascista e sei non sei fascista sei un omofobo.

        Una cretina rimane sempre una cretina anche se combatte per i diritti civili degli omosessuali.

        Non e’ che combattere per i diritti gay porti automaticamente ad alzare il quoziente d’intelligenza.

        Il vizietto “komunista” di chiamare “fascista” chi non la pensa come la Pravda di Stalin non ve lo siete ancora tolto.

        Mano male che Matteo c’e’!

        Mi piace

        • Anonimo scrive:

          Perché, non sei fascista?
          Pensavo ne fossi pure orgoglioso, dall’alto della tua prosopopea – con tutti quei ‘komunisti’, quei voi dovete fare questo e quest’altro, il sempiterno io sì che so cosa serve alle masse, etero e gay.
          E invece sei solo un presuntuoso ignorante (era quasi meglio fascista)

          Liked by 1 persona

        • Antonella scrive:

          Perché, non sei fascista? Con tutti quei ‘komunisti’, Pravda e Vendola buttati lì per colorire, quei consigli non richiesti su cosa ‘voi dovete fare’ e infine il sempiterno ritornello di sapere invece, tu sì, cosa serve alle ‘veramente’ alle masse, etero e gay?
          Tutta sta prosopopea da casa Pound in purezza e invece sei solo uno scemo presuntuoso? Ok, fascista nel tuo caso era un complimento.

          Liked by 1 persona

  • Gustavo Ulivi scrive:

    Meno male che Matteo c’e’……

    Il nostro Matteo, coi “fascisrti”, sta facendo le riforme “fasciste” che non piacciono ai Kamussisti

    Voi komunisiti siete stati rottamati perche’ avete perso un Ventennio a fingere di non essere piu’ komunisti mentre i cosiddetti “fascisti” cercavano di portare l’Italia nel XXI Secolo.

    E ancora rompete le balle con il Job Act e il matrimonio omosessuale.

    Se non vi piace Vendola c’e’ sempre Marino che vi accoglie a braccia aperte. Lui si che vi capisce.

    Se non sei omofobo e non sei fascista sei uno di Casa Pound ignorante e presuntuoso.
    Viene da sbadigliare.

    A Matteo pero’ non glielo dite che e’ un fascista omofobo presuntuoso e ignorante come uno di Casa Pound.

    Altrimenti vi rompe il culo come farebbe un caporale fascista!

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Le sentinelle che pestano i piedi e vogliono la mamma ovvero il pasticcio di Faenza. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: