Tra i froci di Lippi e i negri di Sacchi la nostra razza bastarda.

17 febbraio 2015 § 4 commenti


Tra Lippi che dice che non ci sono “froci” nel calcio e Sacchi che dice che ci “sono troppi negri” oggi c’è da vergognarsi della profonda ignoranza in cui versano i massimi esponenti del calcio.

Identità? l’Italia parla di identità?

Siamo la terra più bastarda del mondo, per averne dominato la metà per centinaia di anni  (alla maniera dei romani che assorbivano e si mischiavano) e per esserne stati dominati per la restante parte. Proprio noi dovremmo sapere cosa significa emigrare sia da sud verso nord che fuori dal Paese e cosa si prova.

Cosa hanno provato i terroni a Torino, come a Londra, nel Belgio a New York. Quanti siciliani sono stati “negri” per i bianchi inglesi o americani. E quanti di noi hanno sangue arabo e normanno e tedesco e francese e spagnolo ed ebreo e cristiano e mussulmano. E’ solo che lo abbiamo dimenticato e ogni tanto i flussi rallentano e ti fanno credere che quei connotati che hai sul volto siano inamovibili invece cambieranno ancora. E per fortuna. Siamo meravigliosi perché siamo bastardi. Siamo stronzi perché non lo accettiamo. Basterebbe sfogliare l’elenco del telefono per stupirsi, è tutto scritto nella storia dei nostri cognomi. I dirigenti del calcio oggi esprimono le retrovie culturali del Paese, come se fossero un qualsiasi capo ultrà sottoculturato. Spero che gente come Sacchi e Lippi non possa più allenare nessuna squadra di qualsiasi età e divisione.

Troppi negri. Troppi froci. No, troppa ignoranza.

Tag:, , , ,

§ 4 risposte a Tra i froci di Lippi e i negri di Sacchi la nostra razza bastarda.

  • Meursault scrive:

    Il calcio è un ricettacolo infinito di razzismo, omofobia e misoginia. Il resto sono privatissimi interessi, spesso pagati dai contribuenti. La gente intelligente e di buon senso lo sa e riesce ad allontanarsi da certi circenses senza troppa fatica. Gli altri giustificano tutto tirando in campo lo spirito sportivo e il momento di comunione sociale ( un po’ come fa la padrona di casa col cattolicesimo che ‘accoglie’ ). Ma è solo puro infantilismo, non si riesce a deporre le proprie abitudini e le proprie tradizioni per pigrizia, e si baratta l’onestà per l’opportunismo temendo di perdere il proprio sonaglietto. A stretto giro torneranno i tweet della Alicata sul campionato in corso e questa intemerata di convintissima indignazione passerà in cavalleria. Copione già letto.

    Liked by 1 persona

  • Gustavo Ulivi scrive:

    “Siamo la terra piu’ bastarda del mondo” e abbiamo la memoria corta perche’ ce lo siamo dimenticati e non ricordiamo neanche “quando gli emigranti eravamo noi”.

    Non e’ vero. Siamo bastardi e smemorati come tutti gli “altri”:

    Studiando la Storia e leggendo intelligentemente la Cronaca internazionale si arriverebbe facilmente a questa elementare conclusione.

    Dovresti allargare il tuo provincialissimo orizzonte.

    Quando ti leggo mi sembra di leggere Beppe Severgnini che e’ diventato miliardario parlando di “Italianita’” e creandosi una legione di “milioni” di fans che lo vorrebbero addirittura Capo del Governo perche’ lui, che ha viaggiato il mondo e lo conosce “bene”, ci farebbe diventare tutti Inglesi che sono il popolo piu’ civile dell’Universo perche’ fa la fila alle poste e alla fermata del bus.

    Naturalmente, se fossimo come gli “Inglesi”, non solo faremmo la fila e leggeremmo l’Economist, ma non avremmo i Berlusconi e i Berluschini, non avremmo disoccupazione, i nostri genialissimi cervelli non emigrerebbero, non esisterebbero i “terroni” e la Questione Mafiosa Meridionale, non ci sarebbero i Salvini, i Lippi, i Sacchi, saremmo tutti “multiculturali” e “omofili” e nessuno troverebbe strano se uno dei “negri” che i Leghisti hanno fatto eleggere sindaci e assessori comunali diventasse un giorno Presidente della Repubblica.

    Purtroppo per gli Italians anglo-fili siamo e rimaniamo inesorabilmente “Italians” e viviamo nel buco del culo dell’Universo: un buco di culo bellissimo cui noi Italians masochisti siamo molto affezionati, ma che rimane sempre un fetentissimo buco di culo che per quanti sforzi faccia seduto sulla tavolozza del cesso non riuscira’ mai a cacciar fuori uno stronzo che possa lontanamente somigliare agli stronzi che escono dall’aristocratico sfintere dei “Royals” del Regno Unito e da quello dei loro sudditi, i leggendari stronzi “anglo-saxons”, famosi nel mondo come i sigari cubani dai cui pero’ si differenziano per il profumo di rose e di lavanda.

    Poi uno che ha tempo da perdere apre un libro di storia e legge i giornali del Resto del Mondo e si accorge che quello che e’ successo e succede nel buco del culo dell’Universo e’ successo e continua a succedere anche nell’Universo Anglo-Saxone, quello cui il Pizzaiolo di Via Solferino, Beppe Severgnini, vorrebbe gli Italians si ispirassero per cercare di diventare “civili, democratici, multiculturali, omofili”… e via elencando.

    Se cominciassimo a pensare che i “Lippi, i “Sacchi” e tanti altri dicono stronzate senza sempre collegarli con l'”Italianita’”, che secondo gli Italians e’ la stronzaggine per antonomasia, il Beppino delle Pizze, poverino, venderebbe meno libri agli “Italiani di domani” ricordandogli che “La vita e’ un Viaggio”, ma noi faremmo un favore alla nostra intelligenza.

    Perche’ di stronzate se ne dicono e se ne fanno ovunque nel Resto del Mondo ed e’ da imbecilli pensare che il Buon Dio, creando il mondo, abbia scelto proprio l’Italia per scaricargli sopra tutta la Merda che aveva nella saccoccia.

    Mi piace

  • ileonilde scrive:

    Calcio? Ti preoccupi del calcio?????? Ma chi se ne fotte del calcio! Da oggi, grazie al tuo beneamato Renzi, se il capo mi chiede di scopare, non posso dirgli di no, altrimenti lui mi mette a pulire i cessi. E non importa che io sia gay o etero, abbiamo entrambe le ‘tutele crescenti’, cioè il dovere di scopare col capo se lo vuole, altrimenti, A PULIRE I CESSI!

    Liked by 2 people

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Tra i froci di Lippi e i negri di Sacchi la nostra razza bastarda. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: