Una domanda al Papa. 

21 aprile 2015 § 4 commenti


Sulla base di cosa il Vaticano respinge un ambasciatore gay giustificando di fatto e a livello mondiale una pesantissima e gravissima discriminazione cge può configurarsi come istigazione alla discriminazione? 


Non trovo riferimenti teologici. 

§ 4 risposte a Una domanda al Papa. 

  • jackilnero scrive:

    ciao, a cosa ti riferisci? hai un articolo di riferimento?

    Mi piace

  • Elf scrive:

    Cristiana, gli stati da sempre possono esprimere il loro “non gradimento” per gli ambasciatori presso di loro. Normalmente queste cose vengono negoziate, spiegate, e non si arriva (quasi) mai ad una bocciatura ufficiale.

    Secondo me anche il Vaticano ha il diritto di esprimere il suo non gradimento (come Stato) così come la Francia ha diritto di non proporre alternative. In fondo non succede niente se la Francia non ha l’ambasciatore presso la Santa Sede

    Mi piace

  • geryatejina scrive:

    Non trovi riferimenti teologici perche’ non li cerchi. Ti basterebbe aprire il primo libro della bibbia per scoprire che il trattamento auspicato da dio per omosessuali e viziosi in generale (perche’ gli omosessuali sono viziosi, ça va sans dire) e’ darli alle fiamme. Respingere un ambasciatore gay ne e’ solo la versione politicamente corretta in questo secolo.

    Liked by 1 persona

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Una domanda al Papa.  su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: