L’italietta dei musei. 

19 agosto 2015 § 1 Commento


Il livello di provincialismo delle reazioni alle nomine dei musei che vedono alcune nomine tra importanti direttori stranieri è cosmico. Non è che se un tedesco dirige un museo abbiamo venduto gli uffizi alla Germania. È come dire Zubin Mehta che dirige il San Carlo o è come una quantità incredibile di manager stranieri (il mio primo capo nel 2003 era un polacco, uno dei migliori manager che abbia mai incontrato) di tantissime multinazionali italiane. È come dire che finalmente entra aria fresca, punti di vista nuovi. Quello che nell’Italia “di padre in figlio” manca da anni. Mi preoccupa per esempio che non accada con le cattedre universitarie (conosco italiani che insegnano all’estero, come mai non ci sono prof stranieri nelle nostre università?…. Domanda retorica lo so). Ben venga tutto questo e invada ogni luogo. La cultura italiana sta morendo asfissiata di salottismo e autoreferenzialità. E queste nomine sono una goccia di ciò che serve per spazzare via polvere, nepotismo e arroganza.

§ Una risposta a L’italietta dei musei. 

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’italietta dei musei.  su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: