Roma, il totonomi senza visione.

10 ottobre 2015 § 1 Commento


Se a Roma prevarrà il totonomi e non la costruzione collettiva di una visione, dove la parola collettiva comprende anche la parola squadra, ricominceremo tutto da capo. A Roma c’è un problema profondo, La città ha perso l’anima e non esiste il confine tra classe politica e società civile. Sono entrambe Roma, e non due facce, la stessa faccia nel bene e nel male. Quando, prima di Marino e quando qualcuno con arroganza candidò Rutelli, contestavo il modello Roma fatto di salotti di poteri, di gestione relazionale e cattedrali culturali, segnalavo lo svuotamento dei capillari a favore di poche aorte. In quei capillari lasciati senza sangue (nella maggior parte periferie ma non solo) si è annidata la disperazione e quindi la destra e l’intolleranza dove per intolleranza non intendo il semplice razzismo, intendo proprio l’intolleranza assoluta. Ora riportare il sangue in quei luoghi sarà un’impresa immane, non ci vuole solo un sindaco. Ci vuole un giornalismo sano, una classe politica matura e onesta che ha a cuore la città e non i fatti propri. Ci vuole visione ma capacità di mantenerla. Dico sempre alle persone che lavorano con me che il momento più difficile per mantenere la calma e la barra dritta è proprio quando sembra che i ranghi vadano sciolti perché le cose vanno male. Invece è in quei momenti che va mantenuta la calma e non bisogna cedere. A Roma negli anni è mancato questo, ogni cambiamento sembrava impossibile e a questa amministrazione che a mio avviso ci stava provando è mancato il sostegno della città tutta, politica e civile, che non voleva cambiare. Chi ha mangiato sui rifiuti per esempio era l’alleato perfetto di chi non aveva voglia di fare la differenziata. Chi nom voleva cambiare modo di lavorare nelle municipalizzate è il miglior alleato di privatizzazioni. E potremmo fare mille esempi. Il prossimo sindaco deve determinare discontinuità in questa alleanza incosciente e scardinarla, isolare chi vuole male a Roma, incentivare di nuovo il senso di essere comunità. 

§ Una risposta a Roma, il totonomi senza visione.

  • Nino scrive:

    E così tutto ad in tratto il PD Dovrebbe cambiare rotta ed abbracciare quella filosofia contro la quale lo stesso PD ha lottato negli ultimi 27 mesi? E credi che gli elettori non fondamentalisti PD abbiano l’anello al naso? A meno che il PD non riesca a candidare una persona così credibile che faccia da garante ad una inversione a 180 gradi della politica del PD … ma tale persona non esiste. Il PD ha di nuovo regalato Roma alla destra … e sono certo che nel PD romano e non c’è chi si frega le mani per la contentezza. Contenta tu di stare con loro

    Liked by 1 persona

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Roma, il totonomi senza visione. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: