Roma, più che sadismo, rottamazione.

10 novembre 2015 § 9 commenti


Leggo che Anzaldi, fan rutelliano della prima ora, attacca le domeniche ecologiche a Roma definendole “sadismo”. Le domeniche ecologiche sono state un’idea (giusta) delle giunte di Centro Sinistra in tempi “ambientali” ancora non sospetti. Vogliamo negare l’inquinamento dovuto al traffico romano? Vogliano negare che fermare le macchine per quattro domeniche fa bene alla città e fa riconquistare ai romani la bellezza solitamente vissuta di sfuggita?

E’ incredibile pensare che le domeniche ecologiche venivano criticate (e furono fermate) da Alemanno e compagni. Non lamentiamoci se accusano il PD di derivare a destra se per attaccare la Giunta Marino mettiamo in discussione persino gli aspetti elementari del centro sinistra! Sappia Anzaldi che a Roma una delle cose a dover essere rottamata e’ proprio la mitologia rutelliana e con lei chi ha fatto danni negli ultimi venti anni costruendo il disastro sociale e culturale che Alemanno ha solo finito di allargare.

Spiace vedere quanta mancanza di approfondimento ci sia nell’analizzare la situazione romana. Spiace che nessuno si sia accorto che sia nel caso di Veltroni che di Rutelli, per esempio, Roma sia stata usata (ahimé in modo perdente) come trampolino di lancio per il nazionale, quindi finendo per gestire più relazioni politiche che il bene della città. Vogliamo fare una piccola analisi sull’impatto che ha avuto sulle dinamiche politiche romane questo fenomeno?

Spiace vedere quanto non siamo in grado di andare a vedere dove e quando e perche’ sono cominciati i rapporti con le cooperative.

O chi ha costruito e alimentato le relazioni pericolose ed esclusive con alcuni imprenditori tra cui Cerroni, il proprietario della piu’ grande discarica d’Italia proliferata senza competizione sotto il naso dei passati sindaci. O il rapporto con alcuni costruttori.

Il futuro di Roma passa per il riconoscimento dei limiti politici e gestionali di tutte le giunte passate partendo da Rutelli arrivando a Marino e sicuramente, consentitemelo, passa anche per la rottamazione profonda della dirigenza di partito di questi ultimi venti anni che anche dove appare piena di belle parole e buoni propositi ha partecipato alla spartizione oppure, nel migliore dei casi, ha lasciato fare ai compagni di partito chiudendo in alcuni casi entrambi gli occhi. Tutti sappiamo tutto. Anche senza magistratura.

Una nuova generazione esiste ed è su di essa che va innestato il futuro della città.

Abbiamo bisogno di un’operazione M5S dentro il PD romano nei prossimi 6 mesi che faccia emergere i talenti nascosti e le tante persone che vogliono rendersi autonomi dai capobastone. Da tutti i capobastone, anche da quelli che si riempono la bocca di come sia balcanizzato il PD romano tranne poi partecipare o cedere alla volonta’ dei caminetti. Sappiamo che c’e’ gia’ qualcuno che sta facendo la mappa delle candidature sulla base dei vecchi assetti. Tutti sappiamo tutto anche se non lo scrive repubblica. E’ fuffa che si schiantera’ contro una pernacchia degli elettori se non troviamo un’altra via. E’ già successo con la geniale seconda candidatura di Rutelli. Non è bastata quella batosta per farci capire che i romani hanno un giudizio netto e chiaro su quel periodo? O abbiamo come al solito la presunzione di saperne di più degli elettori? La verità è che a Roma la rottamazione non è nemmeno arrivata ai bordi del raccordo anulare.

E non si pensi (qualcuno di sicuro a Roma lo pensa) di perdere facendo vincere un altro Alemanno (non so un Marchini?) per poi riaccordarsi a spartire la città come successo con Alemanno (anche qui tutti sappiamo tutto). Film gia’ visto.

Roma non deve essere di quel pezzo di PD, non deve essere del duo Meloni-Alemanno che ha già dato, come non deve essere del M5S che ha dimostrato totale incapacita’ nei confronti della complessita’ romana.

Roma deve essere di Roma. E voi non siete Roma.

Tag:, , ,

§ 9 risposte a Roma, più che sadismo, rottamazione.

  • Franca Felicini scrive:

    ti vedrei bene te Cristiana, come sindaco/a di Roma…..la tua analisi la condivido tutta del PD romano…..c’è urgentissimo bisogno di far diventare Roma la piu’ bella citta’ del mondo, ci vuole una rottamazione spinta per rinnovare il partito partendo dai cervelli, uomini e donne,

    Mi piace

  • Marino scrive:

    “Abbiamo bisogno di un’operazione M5S dentro il PD romano ”

    vuoi dire, facciamo le primarie sulla piattaforma Rousseau, come a Torino, con conseguente hackeraggio :-)?

    Battute a parte, ti quoto. Proprio per quello al ballottaggio non voterò MAI Marchini, troppa continuità e contiguità col meccanismo consociativo. Almeno coi grillini ci sarebbe la speranza (sic!) che il comune faccia default e si possa ricominciare con la tabula rasa e la bad company per il pregresso.
    Però chi si candida? Zingaretti? significa una crisi alla regione.
    Barca? non vuole esporsi e lo capisco pure. Che poi, oggettivamente essere sindaco di Roma è un trampolino nazionale, come per Parigi.
    La figura che candidi in prospettiva può diventare segretario o capo del governo, non si scappa.
    Viene in mente qualche altro nome? Già questo è un problema del PD romano che non ha fatto crescere una classe dirigente, ma rischia di esserlo anche del PD nazionale di Renzi. Vabbè che sta facendo riforme importanti con una maggioranza parlamentare raccogliticcia e instabile, e quindi il livello nazionale/parlamentare schiaccia la dimensione locale, ma qui siamo al rischio appunto dell’usato sicuro di rutelliana memoria.

    Mi piace

  • sonodelsecondo scrive:

    Le minestre riscaldate non sono mai piaciute agli elettori. Rutelli è stato sindaco da fine 1993 a fine 2000. SI fece convincere a farsi sbranare da candidato al Governo dopo 5 anni di governicchi di centrosinistra con Prodi, D’Alema, Amato. Sabato 2 febbraio 2002 Nanni Moretti urlò dal palco di Piazza Navona “”E’ stata una serata inutile, con questi dirigenti non vinceremo mai” lasciando impietriti Rutelli, Fassino, D’Alema e gli altri presenti. A distanza di tanti anni si deve urlare che quei dirigenti (compresi i Bersani, i Cuperlo, i Mussi, i Veltroni, i Napolitano) non hanno mai vinto una tornata elettorale. Sempre per congiure di palazzo hanno occupato poltrone.

    Mi piace

  • Angelo DI CAPUA scrive:

    Ciao Cristiana,
    Grazie delle Tue analisi ed in particolare:
    Abbiamo bisogno di un’operazione M5S dentro il PD romano nei prossimi 6 mesi che faccia emergere i talenti nascosti e le tante persone che vogliono rendersi autonomi dai capobastone. Da tutti i capobastone, anche da quelli che si riempiono la bocca di come sia balcanizzato il PD romano tranne poi partecipare o cedere alla volonta’ dei caminetti. Sappiamo che c’e’ gia’ qualcuno che sta facendo la mappa delle candidature sulla base dei vecchi assetti. Tutti sappiamo tutto anche se non lo scrive repubblica. E’ fuffa che si schiantera’ contro una pernacchia degli elettori se non troviamo un’altra via. E’ già successo con la geniale seconda candidatura di Rutelli. Non è bastata quella batosta per farci capire che i romani hanno un giudizio netto e chiaro su quel periodo? O abbiamo come al solito la presunzione di saperne di più degli elettori? La verità è che a Roma la rottamazione non è nemmeno arrivata ai bordi del raccordo anulare.
    Continuo a credere che ci sia tanto, ma tanto bisogno di Cristiana ALICATA per il Comune di Roma.
    Angelo

    Mi piace

  • Angelo Di Capua scrive:

    Ciao Cristiana,

    Grazie delle Tue analisi ed in particolare:

    Abbiamo bisogno di un’operazione M5S dentro il PD romano nei prossimi 6 mesi che faccia emergere i talenti nascosti e le tante persone che vogliono rendersi autonomi dai capobastone. Da tutti i capobastone, anche da quelli che si riempiono la bocca di come sia balcanizzato il PD romano tranne poi partecipare o cedere alla volonta’ dei caminetti. Sappiamo che c’e’ gia’ qualcuno che sta facendo la mappa delle candidature sulla base dei vecchi assetti. Tutti sappiamo tutto anche se non lo scrive repubblica. E’ fuffa che si schiantera’ contro una pernacchia degli elettori se non troviamo un’altra via. E’ già successo con la geniale seconda candidatura di Rutelli. Non è bastata quella batosta per farci capire che i romani hanno un giudizio netto e chiaro su quel periodo? O abbiamo come al solito la presunzione di saperne di più degli elettori? La verità è che a Roma la rottamazione non è nemmeno arrivata ai bordi del raccordo anulare.

    Continuo a credere che ci sia tanto, ma tanto bisogno di Cristiana ALICATA per il Comune di Roma.

    Angelo

    Mi piace

  • Coinquilin* scrive:

    Che dire, belle parole, ma è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago. Mi sa che non ci resta che votare M5S, casomai turandosi il naso

    Mi piace

  • Marino scrive:

    e infatti, Rutelli non si smentisce e manifesta sostegno a Marchini…ma dopo il fallimento di API, la campagna per l’astensione al referendum sulla legge 40 e varie & eventuali, gira ancora?
    Tra lui e Fassina per il sostegno ai cinquestelle a fondo perduto stamo messi bbene…
    PS: pare che a Mira (amm. M5S) si è dimesso il segretario comunale e la giunta è nel caos, mentre a Livorno (amm. M5S vincitrice al ballottaggio grazie al contributo di una lista locale alla Fassina) pare che vada in liquidazione la partecipata per i rifiuti. Tanto per capire in che mani ci mettiamo

    Liked by 1 persona

  • Lorenzo M. scrive:

    Tutto vero, ma oggi è il segretario premier tuo beniamino che, dopo aver fatto fuori Marino, dopo aver negato per mesi al Campidoglio una decina di milioni di euro per l’organizzazione del Giubileo, consegna 200 milioni cash ai commissari da lui nominati per esercitare quell’azione di governo che ha impedito fosse il sindaco che era stato democraticamente eletto a fare.

    Liked by 1 persona

  • Nunzio Lanotte scrive:

    sei proprio come un raggio di luce nelle tenebre. Ahime’ non credo che la tua giusta battaglia abbia grandi prospettive. In bocca al lupo pero’

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Roma, più che sadismo, rottamazione. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: