Servono leader che guardino al mondo (nell’era del condominio)


Un altro naufragio. E’ come se cadesse un aereo al giorno. Come se esplodesse una bomba sulla metro all’ora di punta ogni due giorni. Come se un autobus con i vostri figli cadesse da un cavalcavia ogni tre giorni. Forse così capite meglio?

A parte l’emotività mi sembra evidente che il tema sia europeo e non sia solo questione di Salvini e questi 4 gatti spaesati alla sua corte. l’Italia è il Paese più vicino (vi prego, parlare di Malta ha poco senso, lo sappiamo tutti), ma deve essere considerata porto europeo. E’ l’Italia, l’Africa dell’Europa. Se l’Europa chiude a noi, chiude all’Africa e questo sta accadendo.

Servirebbe un’Europa generosa per scavalcare questo governo fascista e consentire salvataggi e libera circolazione. l’Italia ha cominciato a chiudersi dall’estate scorsa perché l’Europa si è chiusa all’Italia. Scelta elettorale. La chiusura dell’Europa nelle condizioni attuali e senza un piano (ci vorrebbero almeno 20/30 anni) significa: condannarli a morte.

l tema rifugiati è fumo negli occhi. Molti migranti sono migranti economici come lo erano i nostri nonni che emigravano. Quando sento “aiutiamoli a casa loro” mi sento male a pensare a cosa significherebbe: restituire loro le risorse che l’occidente e il nord del mondo sfrutta, smettere di vendergli armi, non alimentare dittature o semidittature compiacenti con i nostri interessi.

L’Europa deve trovare una soluzione condivisa, soprattutto se in Italia c’è un governo incapace di gestire (e ad onore del vero non solo questo governo) un processo di integrazione reale. Molti di Quelli che, negli anni, sono rimasti in Italia (la maggior parte NON vuole restare in Italia) li abbiamo lasciati nelle mani degli sfruttatori o della criminalità, li abbiamo messi in pericolo e fatti diventare un pericolo.

Semplicemente il mondo va organizzato in modo diverso di fronte a queste sfide incredibili che stanno coinvolgendo tutto il mondo dal Messico, agli Stati Uniti, all’Africa, all’Asia. Prima ci si muoveva con le guerre. Finirà in una guerra? E’ possibile con la congiuntura di questi leader inetti capaci solo di chiudere e costruire muri. Servono leader che guardino al mondo e non al condominio. Servono leader che generino opportunità, che siano creativi, che disinneschino la paura. I leader dei muri, dei filo spinato, dell’indifferenza quando si sono incontrati tutti insieme in un numero congruo (direi che ci siamo se penso a Turchia, Israele, USA, Italia, Corea del Nord, Ungheria, Russia e chissà cosa dimentico) hanno fatto milioni di morti.

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...