Di Palombelli, femminicidi e “teorie gender”


La narrazione tossica sui femminicidi (a proposito delle domande che si fa Barbara Palombelli su “cosa può avere fatto la donna per provocare un uomo tanto da farlo arrivare ad ucciderla!) è una narrazione che esiste e pervade tutta la nostra società. E guardate (come per l’omotransfobia) aggravanti penali, manifestazioni, scarpe rosse, iniziative servono poco o nulla. Serve soltanto cominciare a capire che gli stereotipi di genere vanno ribaltati a partire dalla scuola (ed è il motivo per cui la Lega vuole approvare il DDL Zan senza quella parte fondamentale!).Quelle che vengono chiamate teorie gender e vengono ostacolate non solo da Pillon, ma anche da chi fa parte del campo progressista altro non sono altro che cultura di genere che dovrebbe insegnare ai bambini e alle bambine che non esistono ruoli, non esistono limiti a ciò che può fare una bambina e che non esiste una superiorità dei maschi rispetto alle femmine (che poi ingenera il “tu sei mia e fai quello che dico io). E non si tratta di insegnare che siamo “uguali” e che non si sono differenze tra maschi e femmine, ma che la nostra diversità non pone limiti ai gradi di libertà. Mi dispiace doverlo dire ma oggi è più che mai necessario che soprattutto chi, nel campo progressista, si oppone a discutere di genere nelle scuole ha ed avrà la responsabilità di quello che i maschi di domani diventeranno. Le famiglie devono decidere cosa dire ai bambini? Ma anche no. Così come stiamo mettendo il green pass obbligatorio per poter sopravvivere tutti, si insegni la cultura di genere nelle scuole senza discussioni.

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...