Questi che combattono contro le unioni civili sono pazzi.

“Faccio una proposta: separiamoci tutti. Se lo Stato dovesse dare una valenza pubblica alle unioni di persone dello stesso sesso, se addirittura dovesse passare il ddl Cirinnà, che non solo dà un riconoscimento alle convivenze di persone indipendentemente dal sesso, ma le equipara in tutto tranne che nel nome al matrimonio, ritengo che noi che investiamo nella famiglia ci dovremmo separare civilmente.”
(non ve lo dico chi lo ha scritto perché da mesi faccio questo esercizio: non li cito e non li nomino. E dovreste farlo anche voi così non vendono libri, non vendono giornaletti, non vanno in TV, Non dovete citarli. La più grande battaglia contro l’omofobia:; farli scomparire intellettualmente.)
Io invece propongo una santa alleanza tra famiglie per un welfare più a misura di genitori e di figli. MI pare più normale. Non so a voi.
p.s. Ha ragione Michela Murgia, chi si oppone alle Unioni Civili capisce solo le parole “immorale” e “contronatura”. Aggiungo io: semanticamente lavorano per negazione. Una sorta di soluzione finale verbale. Deve essere una patologia. Vanno indubbiamente curati.