La giustizia nel Lazio non ha finito.

2 dicembre 2014 § 15 commenti

Ad occhio direi che la giustizia nel Lazio non ha finito. Forse c’è qualcuno di troppo, di sicuro mancano all’appello in tanti. E forse mancheranno all’appello tutti quelli che in questi anni sapevano o immaginavano e con quel sistema si sono alleati, ci hanno finanziato campagne elettorali, manifesti abusivi, voti alle primarie e tessere false. Il PD ha bisogno che nel PD laziale e romano sia fatta la più approfondita delle pulizie. Arrivando anche negli angoli e poi ripassandoci ancora. Tutto il sistema di finanziamento elettorale parallelo va studiato a fondo. E’ un’operazione facilissima. La cosa peggiore nel Lazio non è chi è andato fuori legge, ma chi ha fatto finita di niente o, pur immaginando, non ha preso coraggiosamente le giuste e debite distanze. Quando la giustizia trionfa (sperando che non coinvolga innocenti nel mucchio) non è mai una festa ma questa giornata speriamo sia l’inizio della chiusura di un capitolo che dura da anni e va dedicato a tutte (le poche) Cassandre del Lazio.

Advertisements

Il gattopardo è sempre in agguato (il caso PD Lazio)

15 marzo 2014 § 1 Commento

Nessun progetto politico potrà durare nel lungo periodo se non si rinnova l’essenza stessa delle formazioni politiche a tutti i livelli. Il cambiamento deve coinvolgere minuziosamente ogni angolo del Paese, ogni giunta comunale, ogni consiglio regionale perché solo così si possono “fare avvenire” le cose. I cambiamenti coinvolgono i livelli profondi. Stiamo attenti. Il nodo è lì, tutto lì. E il gattopardo è sempre in agguato.

Mi dicono che la prima assemblea del PD Lazio sia finita con una rissa e si sia conclusa senza votare direzione e commissione di garanzia e con l’elezione di una presidente che non fa nemmeno parte dell’assemblea e sulla cui elezione faremo ricorso immediato.

Diciamo che Roma e Lazio continuano a non essere coinvolte dal nuovo corso, come se non fosse accaduto nulla negli ultimi 4 mesi. E forse meriteremmo il commissariamento ad oltranza: non oso immaginare da qui alle Europee cosa possa accadere per spartirsi i posti in lista. Direi che la gestione del partito, a tutti i livelli, in questo momento è molto più importante di quanto possa apparire in superficie. E di superficialità si rischia di morire. Prestissimo.

Quale è il problema nel Lazio, adesso.

1 ottobre 2012 § 2 commenti

Anche se non si ricandidasse nessuno dei consiglieri uscenti ora il problema non è candidare dei “gggiovani”. E’ candidare le persone giuste, non legate agli uscenti che magari gli pagano 200 mila euro di cene e manifesti abusivi. Andare al voto tra 90 giorni nel Lazio significa non consentire alcuna contendibilità politica alla gente normale.

Pensieri sparsi sulla Regione Lazio

23 settembre 2012 § 2 commenti

Sono senza PC, senza telefono, quindi vi posto le poche cose scritte su FB.

Su Casini.

Casini intanto faccia dimettere i suoi dalla Regione Lazio. Poi alla pulizia interna del PD ci pensiamo noi, chiedendo un passo indietro a tutti per le prossime elezioni, di certo questri consiglieri distratti hanno dimostrato incompetenza, ma certo non accettiamo lezioni dall’UDC dei palazzinari e del Piano casa. La Regione va azzerata con pochissime eccezioni e vale ancghe per SeL, Verdi ed IDV. Perché anche loro hanno accettato posti in commissioni e fondi. Quindi abbiate la cortesia di chiedere scusa e garantire il ricambio.
 
Se entrassi in carica.
 
Mi sembra scontato dire che qualora dovessi entrare in carica a causa delle dimissioni degli attuali consiglieri regionali del PD lazio anche io mi dimetterei.
 
Sulle dimissioni dei consiglieri del centro sinistra, in particolare del PD.
 
Le dimissioni collettive dei consiglieri del PD Lazio sono doverose sia per accelerare il voto sia per sottolineare le responsabilita’ di molti e i silenzi davanti al sacco del Lazio. Mi auguro che a questo segua l’abbandono dell’attivita politica e il ricambio della dirigenza laziale. Lo dobbiamo ai bambini ai malati ai disabili ai precari non pagati da aziende a loro volta non pagate da enti regionali.
 
Sulle lacrime di coccodrillo della Polverini.
 
Cara Polverini: dimettiti. I soldi i partiti tra cui il tuo su tutti se li sono rubati, ma glieli hai dati tu invece di destinarli ad asili nido, ospedali, infrastrutture. E chi e’ stato complice di questo furto se ne vada spontaneamente.

 

Primarie PD Lazio, un sogno.

18 febbraio 2012 § 3 commenti

Un sogno: “Chiedere che nel giro di una settimana tutti quelli che hanno doppi mandati debbano scegliere o fai l’assessore in provincia o fai il consigliere comunale (ed altri esempi), che tutti gli eletti si mettano in regola coi pagamenti, che tutti i rinviati giudizio vengano sospesi dal partito e non ricandidati. Far crescere una nuova generazione per il governo delle nostre città e della nostra regione, trasparenza di bilancio, primarie per Camera e Senato…”

Se sognate questo, domenica venite a votare per il segretario del PD Lazio e votate Giovanni Bachelet.

Il Manifesto del nuovo PD.

13 febbraio 2012 § Lascia un commento

Aprile 1945. Manifesto affisso sulla porta dell’ufficio dal comandante partigiano Pietro del Giudice subito dopo la sua nomina a Prefetto dell’Apuania (appena liberata) da parte del Comitato di Liberazione Nazionale.

Per ora lo trovate nel Lazio se Giovanni Bachelet diventa segretario del PD lazio.

Le primarie si vincono sempre.

13 febbraio 2012 § 1 Commento

Giovanni Bachelet su IL Post commenta le primarie. Quelle di Genova e quelle di domenica prossima. Perché domenica prossima si vota in tutto il Lazio. E se non ne potete più di perdere, venite a votare e scegliete chi deve guidare il Partito perché la prossima volta il PD sia all’altezza.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag pd lazio su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: