Non è razzismo, è statistica.

7 aprile 2013 § 68 commenti


Questa mattina ho postato questa frase su FB:

Le solite incredibili file di Rom che quando ci sono le primarie si scoprono appassionatissimi di politica. #primarieRoma

Una frase velocissima e di getto che raccontava cosa stava succedendo in un seggio. Se ero arrabbiata? Sì? Con i Rom? Certo che no. Il mio sarcasmo era ed è rivolto a chi sfrutta la loro non integrazione, il loro essere ancora comunità non ospitata nel tessuto cittadino a meno che non sia utile ai voti. Questo non inficia il lavoro di quei tanti (anche del PD) che con la comunità ROM, come con altre comunità, lavorano per favorire quella che io chiamo convivenza felice. Il razzismo non c’entra nulla. C’entra la statistica. Qualcuno si vuole occupare di questi flussi elettorali? Così come di quelli di tanti italiani sotto la soglia di povertà che “seguono” le indicazioni del politico di turno? E’ normale chiedersi se “è tutto normale” in zone dove sai che alla fine in quelle zone si vota sempre come decide Tizio o Caio? E’ statisticamente normale che se Tizio appoggia Sempronio in quel seggio vada sempre in un certo modo? Secondo me, no.

Se si fosse trattato di centinaia di laziali in una zona di noti romanisti che arrivavano a votare a frotte mi sarei preoccupata comunque. Il problema non sarebbe stato l’ essere laziale ma: guarda quanti laziali, non è strano? Pensare che la mia frase possa essere in qualche modo razzista è come ho detto in un secondo post:

Scambiare per razzismo il denunciare strani movimenti in alcuni seggi delle primarie oltre tutto noti a tutti, e’ ipocrita. La democrazia viene umiliata e offesa dal voto di scambio e la colpa e’ di chi lo denuncia, non di chi lo fa.

Riporta repubblica.it relativamente ad un’altra zona, nel pomeriggio:

TESTI ACCUSANO: “IMMIGRATI PAGATI” LITE IN SEGGIO, RESPONSABILE CHIAMA POLIZIA
Momenti di tensione in un seggio per le votazioni della Primarie del Pd a Roma. Intorno alle 13, in via dell’Archeologia nel quartiere di Tor Bella Monaca, la coordinatrice, all’interno di una sezione del Pd, ha chiamato la polizia che è intervenuta dopo una lite tra esponenti del partito che avevano notato l’arrivo e il conseguente voto di gruppi di stranieri, tra i quali bengalesi e africani. La violenta lite era nata perchè alcuni testimoni sostenevano che fuori dal seggio avevano visto alcuni immigrati ‘ricevere dei soldi’. A quel punto la lite aveva assunto toni molto accesi e la responsabile del seggio ha ritenuto indispensabile l’intervento della polizia.

Tutto questo (e non le mie frasi) danneggia i tanti elettori che oggi si sono messi ancora una volta in fila per votare. Danneggia i volontari (è solo un caso che io non sia come al solito al mio posto in un seggio) che ancora una volta hanno fatto uno sforzo sovrumano. Danneggia il Partito Democratico, la città di Roma ed il Paese.

Perché come al solito (A Roma) stiamo usando le primarie per fare la conta interna. Ora se vogliamo dire che la colpa è di chi lo fa notare, siamo veramente alla frutta.

p.s. Racconta M.: “Primarie Bersani/Franceschini/Marino. Seggio di Via Oratorio Damasiano (Roma). Ero tra i volontari che spesero una bella domenica di democrazia in un gazebo. Arrivò una fila di rom (circa 40) a votare. Proprio perchè credo nella assoluta uguaglianza, chiesi loro – come a chiunque altro – il “contributo volontario” di 2 euro. Ingenuamente, il capofila mi rispose “io ne do due a te e a me ne danno 20, a me va bene comunque”. La frase è stata messa a verbale alla chiusura del seggio, ma nessuno – NESSUNO – ha preso alcun provvedimento. Il problema non sono assolutamente i rom, che da cittadini italiani godono esattamente dei miei stessi diritti e ne vado orgoglioso, ma del fatto che qualun altro – dentro un partito – abbia sfruttato una situazione di indigenza per comprare un voto. E’ tutto verbalizzato.”

Annunci

Tag:,

§ 68 risposte a Non è razzismo, è statistica.

  • giovannivalli ha detto:

    Hai fatto bene. Brava.

    Mi piace

  • ericagazzoldi ha detto:

    Dare del razzista a chi fa notare che i Rom avrebbero potuto essere stati sfruttati per voto di scambio è il classico “nascondersi dietro un dito”. 😉 Quando non si hanno argomentazioni, ecco che arriva l’accusa d’effetto per tutti i gusti: “Sei razzista/fascista/papista/comunista/femminista (yes, qualcuno li usa come insulti… ma lo saprai meglio di me)…” Così, si scansano osservazioni scomode con pochissima fatica. Va’ a capire la dialettica dei nostri connazionali…

    Mi piace

    • Mi perdoni ma io mi posso mettere nei panni di queste persone. Perché sono un’immigrata anch’io qui. E ci sono posti (per fortuna non dove vivo) dove mi/ci chiamano mangiaspaghetti (l’epiteto più gentile). Se un giorno mi vedessero in fila per votare il sindaco – come ho fatto – e per beghe di partito (perché di questo si tratta, gira e rigira) qualcuno dicesse “ecco come sempre gli italiani in fila che votano, è voto di scambio!” mi girerebbero assai le scatole. Non è ipocrisia, non è perbenismo, è avere a che fare coi pregiudizi tutti i giorni.
      PS: la prossima volta che dalla Germania ci dicono che sappiamo solo votare dei pagliacci o che la nostra è la lingua dei poveri, ricordati di ringraziarli e fare un inchino, per coerenza.

      Mi piace

  • Stiv Bators ha detto:

    1. Sarebbe così fuori dal mondo che i rom desiderino semplicemente scegliere il loro sindaco visto quello che Alemanno ha fatto loro?

    2. Ok, non sei razzista, ma la tua frase è davvero infelice, o come minimo politicamente scorretta.

    Mi piace

    • luigi ha detto:

      Non è che stavano scegliendo tra Alemanno ed un suo avversario, stavano scegliendo tra due esponenti dello schieramento opposto ad Alemanno. Non mi pare un esempio molto calzante il tuo.

      Mi piace

  • stefano ha detto:

    1) cortesemente: quante file e quanta gente in fila? così per capire la tua fonte e se è vero quello che dici. nel caso sarebbe grave.

    2) in secondo luogo, avresti scritto “le solite incredibili file di francesi”?
    per favore, non giochiamo con le parole e il loro significante, neanche per scherzo.
    grazie

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      votanti totali in quel seggio circa 500. Votanti Rom circa 120…le proporzioni sono anomale. Sì lo avrei scritto se avessi visto orde di francesi venire a votare. Ovvio.

      Mi piace

      • stefano ha detto:

        proporzioni anomale immplicano voto di scambio? così, solo per capire.
        oltretutto, avendo votato credo per lo stesso candidato che hai votato tu, la cosa mi sembra interessante.

        sul linguaggio che hai usato, invece, scusami ma proprio non riesco a capirti. mi sembra una leggerezza assoluta e mi fa specie che non te ne renda conto.
        un cordiale saluto.

        Mi piace

        • stefano ha detto:

          Cristiana, un solo post scriptum per spiegarmi:
          di fronte a un seggio al ghetto, scriveresti le “solite incredibili file di ebrei”? ovviamente non lo faresti. perché ebrei non lo scrivi e invece rom lo scrivi? è questo che davvero non capisco. ovviamente lo so che non sei razzista, ci mancherebbe altro. proprio per questo non capisco però come non riconoscere il grossolano errore che secondo me hai commesso nel linguaggio. tutto qua.

          Mi piace

        • calicata ha detto:

          Non era un seggio in un campo nomadi. Se avessi visto centinaia di ebrei votare in un posto dove ne abitano pochi lo avrei detto. Come noterei tanti gay in un seggio di mormoni.

          Mi piace

  • Il linguaggio conta molto, in politica soprattutto e soprattutto di questi tempi. Se l’avesse detto Grillo o Berlusconi quello che hai detto tu? Se l’avesse denunciato Fini o La Russa quello che hai denunciato tu (denunciato su facebook per sentito dire, fra l’altro)?
    Il PD è lo stesso partito che quando uscì la legge Tremaglia diceva che all’estero eravamo tutti fascisti e di destra (cfr. Il Manifesto), solo che poi i voti che hanno tenuto in vita il governo Prodi, a quello che oggi è il PD, allora sono piaciuti un sacco.
    Né il PD, né il M5S, né il PdL hanno mai parlato in campagna elettorale di immigrazione, nessuno sull’emigrazione ha mai detto nulla che non fosse il solito banale e stupido “riportiamo a casa i cervelli in fuga”.
    Cavolo, dovete pensare 100 volte prima di scrivere tutto quello che vi passa per la testa su twitter o su facebook. Tra questa tua uscita e quelle mistiche della Serracchiani sul Papa (perché non bastava il pantheon di Bersani) mi pento davvero di avervi dato il voto al Senato. Ma giuro che non lo rivedrete più per un pezzo.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      ma hai capito davvero di cosa stiamo parlando?

      Mi piace

      • stefano ha detto:

        aspetto ancora risposta sulle fonti. la denuncia è grave, e come tale vorrei, da elettore, che fosse provata.

        se vuoi poi anche sul linguaggio.
        grazie.
        p.s.
        preciso che sono un tuo estimatore.

        Mi piace

      • Dov’è la denuncia? E se non c’erano gli zingari in fila? Non c’erano i brogli? E se c’erano i neri? E se c’erano i cinesi? E (ripeto) se lo diceva Grillo o Bossi quello che hai detto tu?

        Mi piace

        • Laura ha detto:

          Laura, certo che no, l’automatismo che riporta è meraviglioso, rom= voti di scambio ed illegalità, per forza. Peggio dei leghisti.
          Non è più ovvio è che i Rom, sapendo che nel pd ci sono pure i razzisti e che si sono anche fatti campagna elettorale (non alle primarie prima) sugli sgomberi, si scelgono (e giustamente) quelli non razzisti. Eh ma se uno vede dei rom sicuramente ci sono illegalità e (tanto per peggiorare) idioti che si sono fatti comprare.

          E per metterci una pezza, su fb aggiunge pure ” se erano laziali in un posto pieno di romanisti dicevo la stessa cosa…” ma per favore.

          La nuova linea pro pdl dei renziani.

          – come far passare la scorrettezza, già scandalosa di per se’, del denunciare brogli del PROPRIO partito, mica di un altro, in secondo piano-

          Non è questione di statistica (pure i leghisti usano sto mantra sui napoletani, toh) è questione di VERGOGNA.

          Mi piace

  • Jacopo ha detto:

    su internet le notizie corrono veloci. e io, che sto guardando, leggo che cristiana, in realtà, nel suo seggio, di questi “rom” non ne ha visti; invece ha “sentito altri che poi le hanno detto”. mentre il primo ad accendere i fuochi è stato antonio funiciello (non sapete chi è? fatevi un girettino su internet! anzi, non fatelo, che è meglio!). ora, se siete in possesso di dati certi, se siete in grado di fare nomi e cognomi, denunciate; è vostro dovere farlo. se invece lo state facendo per il gusto di sollevare un po’ di polvere, allora è il solito trucco da pasdaran renziani, il solito balletto già visto nel corso delle primarie nazionali; andate baldanzosi sperando di fare sfracelli, poi uscite scornati dalle urne, e la colpa è del destino cinico e baro e soprattutto degli avversari che sono sempre ladri e cattivi per definizione. nel momento in cui scrivo ci sono solo gli exit poll, che se però dovessero essere confermati danno la misura in modo inequivocabile riguardo a dove stia il sentire della base, del “popolo” della sinistra; e di quanto lontani ne siano i turborenziani…

    Mi piace

    • Umberto Mosso ha detto:

      Pare…riferiscono che….sembra che qualcuno….e se invece fossero stati solo simpatizzanti di Gentiloni o Marino o Sassoli (in ordine alfabetico) travestiti da Zingari? (che, si sa, non sono solo Rom). 120 voti su 500 (non è male questo calcolo così preciso, prima della fine degli scrutini) Ormai per avere i 15 minuti di ribalta non si rinuncia neanche a fare una pessima figura. Come minimo dimostri superficialità e approssimazione. Ma ovviamente sono gli altri ad essere complici, imbroglioni e mestatori politici. Proprio vero: Cristo è meglio dei cristiani e Renzi (che c’entra con questo squallido teatrino parapolitico?) molto meglio dei Renziani.

      Mi piace

  • Simone ha detto:

    Si cara le primarie si fanno per fare le conte interne! cosi funziona nei paesi civili e e democratici dove si fanno…se e’ per fare una gita la domenica le persone sanno fare di meglio. Qui il problema e´che te sei sempre a sostenere il candidato che perde ma siccome non sai arrenderti alla democrazia te la prendi con tutto! Fattene una ragione: non sei la maggioranza del PD!

    Mi piace

  • stefano ha detto:

    ok, quindi tu sai che erano tutti rom quelli che sono andati ai seggi e sai che erano tutti lì per voto di scambio.

    io, nel mio piccolissimo, ho imparato che l’utilizzo del termine rom in un contesto giornalistico o nel dibattito pubblico deve essere usato con cautela, e che in Italia ne abbiamo viste tante, anche nel linguaggio, che all’estero non farebbero passare mai. per cui, a prescindere dal merito della questione su cui non ho dati per esprimere un parere, continuo a pensare che tu abbia commesso una leggerezza nel linguaggio.

    rimaniamo di idee diverse.
    ancora un (sincero) cordiale saluto.

    Mi piace

  • calicata ha detto:

    leggi il ps che ho aggiunto che aggiunge informazioni per voi (io le sapevo già)

    Mi piace

  • antonio ha detto:

    Sei solo una povera stronza. I Rom sono apolidi, e non hanno certo la tessera elettorale. Come avrebbero potuto votare? Hai mai visto le famiglie Rom che si aggirano in tutte le manifestazioni a chieder soldi? A quelle degli studenti davanti al MIUR ce ne sono a bizzeffe, pagati da chi, forse dai collettivi o dai precari della scuola? Stanno li perchè rimediano qualcosa… e allora? qualche problema?
    Marino o Sassoli o la Azuni ne avrebbero pagati a migliaia? O erano tutti della Prestipino? Ma che cazzo dici?!
    Avresti scritto “code di ebrei”? ma ti rendi conto? o sei fuori come un balcone?
    E i Rom sono cosi facilmente comprabili? a quanto, 2 euro? venti? duecento? Sei solo una superficiale stronza che hai dato a tutti i giornali il titolo in pagina nazionale. Ma ti rendi conto? chiedi scusa e chiudi il dibattito, perchè la prossima volta in direzione regionale del PD prenderai i pomodori.
    Oppure sei tanto superficiale di scrivere stronzate. E se dopo ti correggi, ancor peggio.
    E se anche avessero votato i Rom? qualcosa da dire? Zingari, neri, ebrei e gay non dovrebbero avere il diritto di voto?
    100 mila persone che hanno votato e una stronza che ha fatto un danno incalcolabile.
    Spero sia Paolo Gentiloni, perfetto e bravissimo candidato, che ti contesti il danno hai fatto mandandoti a quel paese. E che il partito del Lazio prenda provvedimenti.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      Leggi qua va: Scrive Marco Romagnuolo, le cose che tutti sappiamo da sempre, ma a quanto pare non possiamo dire: “Primarie Bersani/Franceschini/Marino. Seggio di Via Oratorio Damasiano (Roma). Ero tra i volontari che spesero una bella domenica di democrazia in un gazebo. Arrivò una fila di rom (circa 40) a votare. Proprio perchè credo nella assoluta uguaglianza, chiesi loro – come a chiunque altro – il “contributo volontario” di 20 euro. Ingenuamente, il capofila mi rispose “io ne do due a te e a me ne danno 20, a me va bene comunque”. La frase è stata messa a verbale alla chiusura del seggio, ma nessuno – NESSUNO – ha preso alcun provvedimento. Il problema non sono assolutamente i rom, che da cittadini italiani godono esattamente dei miei stessi diritti e ne vado orgoglioso, ma del fatto che qualun altro – dentro un partito – abbia sfruttato una situazione di indigenza per comprare un voto. E’ tutto verbalizzato.”

      Mi piace

  • antonio ha detto:

    il titolo del Giornale

    Roma, bufera alle primarie del centrosinistra
    “File di Rom ai seggi, sono voti comprati”

    sei una merda.
    dimettiti subito
    antonio riva

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      Leggi, va: scrive M. le cose che tutti sappiamo da sempre, ma a quanto pare non possiamo dire: “Primarie Bersani/Franceschini/Marino. Seggio di Via Oratorio Damasiano (Roma). Ero tra i volontari che spesero una bella domenica di democrazia in un gazebo. Arrivò una fila di rom (circa 40) a votare. Proprio perchè credo nella assoluta uguaglianza, chiesi loro – come a chiunque altro – il “contributo volontario” di 20 euro. Ingenuamente, il capofila mi rispose “io ne do due a te e a me ne danno 20, a me va bene comunque”. La frase è stata messa a verbale alla chiusura del seggio, ma nessuno – NESSUNO – ha preso alcun provvedimento. Il problema non sono assolutamente i rom, che da cittadini italiani godono esattamente dei miei stessi diritti e ne vado orgoglioso, ma del fatto che qualun altro – dentro un partito – abbia sfruttato una situazione di indigenza per comprare un voto. E’ tutto verbalizzato.”

      Mi piace

      • antonio ha detto:

        appunto, se ci credi, ca mbia partito, e di corsa- Prima che ti buttino fuori
        hai chiuso con la politica
        PS: il contributo volontario era di 2 euro e non di 20.
        Chiudila li, perchè ti stai incartando con le tue stesse mani.

        Mi piace

      • Marco ha detto:

        Ho speso una giornata come Presidente del seggio in questione, e NON E’ STATO SCRITTO NULLA DI CIO’, ho compilato il verbale fatto firmare a tutti gli scrutatori chiesto se fosse tutto OK e poi controfirmato io e non era presente nulla di ciò.

        Ti prego dunque di rettificare.

        Mi piace

  • Anonimo ha detto:

    Per favore trovati un lavoro come tutti noi. Sei indegna di stare in un partito “di sinistra”.
    I Rom sono italiani come te, forse ti sfugge che tutti voi chiedete voti a destra e a manca prima delle primarie… sicuramente in cambio di promesse che non manterrete.
    Gli essere umani in fila per le primarie sono tutti uguali.
    Quello che affermi (voto di scambio) è talmente grave che se non hai le prove dovresti solo nasconderti.
    “Voto di scambio”: vuoi dirci cosa sarebbe stato scambiato, di grazia?
    Sei indegna di stare in un partito di sinistra. Passa alla destra, ma meglio ancora: vai a lavorare.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      guarda che io lavoro come metalmeccanica. Dove vivi? Leggi qua: Scrive Marco Romagnuolo, le cose che tutti sappiamo da sempre, ma a quanto pare non possiamo dire: “Primarie Bersani/Franceschini/Marino. Seggio di Via Oratorio Damasiano (Roma). Ero tra i volontari che spesero una bella domenica di democrazia in un gazebo. Arrivò una fila di rom (circa 40) a votare. Proprio perchè credo nella assoluta uguaglianza, chiesi loro – come a chiunque altro – il “contributo volontario” di 20 euro. Ingenuamente, il capofila mi rispose “io ne do due a te e a me ne danno 20, a me va bene comunque”. La frase è stata messa a verbale alla chiusura del seggio, ma nessuno – NESSUNO – ha preso alcun provvedimento. Il problema non sono assolutamente i rom, che da cittadini italiani godono esattamente dei miei stessi diritti e ne vado orgoglioso, ma del fatto che qualun altro – dentro un partito – abbia sfruttato una situazione di indigenza per comprare un voto. E’ tutto verbalizzato.”

      Mi piace

      • Anonimo ha detto:

        Guarda che se io scrivo “vai a lavorare” voglio proprio dire “vai a lavorare” e smetti di fare politica. Quindi se hai una lavoro, pensa a quello e tanti saluti. Vedo dalla tua biografia che lavori alla fiat come responsabile commerciale (“metalmeccanica” nel tuo caso fa davvero sorridere, quindi la tua frase “lavoro come metalmeccanica” è davvero infelice e furbetta), impegnati a fare quello e basta, la politica (di sinistra) non è per te.
        Fosse anche vero quello che racconti, è talmente ridicolo (e pericoloso) trasformarlo in “le solite file di rom” come hai fatto, tanto quanto un fascista potrebbe scrivere “le solite file di gay” alle primarie.
        Pensaci, ma credo non ci arriverai, a capire.
        Addio.

        Mi piace

  • Meursault ha detto:

    Calma.
    Dare della razzista alla Alicata è pura follia. Le parole sono importanti è vero, ma il perbenismo correntizio è rivoltante.
    Lo dico da esterno al pd (fortunato me), se c’è qualcuno che ha sempre spinto verso l’integrazione sociale durante il suo percorso politico è proprio Cristiana Alicata.
    Il suo difetto semmai è pensare che esista una qualche speranza di cambiamento in un sistema di politico come quello piddino che è solo il paravento di banchieri e affini. Sconta il dazio della sua buona fede e, ancora una volta, della sua ingenuità.

    Mi piace

  • Germano ha detto:

    Quanta malafede vedo in certi commenti

    Mi piace

  • Daniele ha detto:

    Cara Cristiana, sono un fedele lettore del tuo blog e mi ha molto amareggiato leggere stasera il tuo nome sui siti di tutti i giornali.
    L’uscita sui rom in fila è stata particolarmente infelice non tanto per le accuse di razzismo nei tuoi confronti, che lasciano il tempo che trovano, o per le accuse di brogli che svaniscono davanti ad un successo schiacciante: l’uscita è stata particolarmente infelice per l’uso strumentale che sicuramente ne farà la destra, e Alemanno, in campagna elettorale. Già me li sento: “Marino sindaco dei rom”, “Marino ce mette i zingari dentro casa nostra”… Per me non sarebbe neanche così grave ma sappiamo tutti, e diciamolo schiettamente, che i romani sono molto sensibili all’argomento. La prossima volta più attenzione. Non sopravviverei ad altri cinque anni di amministrazione Alemanno.

    Mi piace

  • obbedisko ha detto:

    Coloro che si indignano perché il termine “rom” non è usato esclusivamente in termini compassionevoli e filantropici sono quelli che giocano a golf con una diversa abilità, ascoltano i Personadicoloreamaro, mangiano le penne alla prostitutesca e naturalmente canticchiano “Il cuore è un senza fissa dimora”.

    Mi piace

  • Antonio ha detto:

    Leggo un post titolato “Non e’ razzismo, e’ statistica”, all’interno del post leggo “statisticamente normale” e mi viene da pensare alla curva di Gauss, continuo a leggere questo post e non trovo nessun dato a sostegno della tesi.

    Qual e’ la tesi? Che in certi municipi il voto e’ pilotato? Bene, se cosi’ fosse sta all’autrice l’onus probandi, non certo a chi la deve smentire. Lei cita la statistica ma non mi sembra che la usi da nessuna parte nel suo post ne’ fornisce dei dati e delle analisi degli stessi su cui fondare la sua teoria, il che, mi permetta, rende la sua tesi facilmente attaccabile da chi non la pensa come lei.

    Mi piace

    • calicata ha detto:

      perchè stiamo aspettando i dati definitivi in alcuni seggi. In ogni caso circa 120 su 500 elettori. Cioé qualche decina % in più degli abitanti dello stesso quartiere. Faccia lei.

      Mi piace

      • Antonio Radici ha detto:

        Alcune domande:
        (1) Qual e’ la sua fonte per il numero che lei cita (“120 su 500 elettori”)?
        (2) Qual e’ la nazionalita’/etnia dei rimanenti elettori?
        (3) Quanti sono i Rom che vivono in quel quartiere o in zone limitrofe (forse questo dato si puo’ ricavare dall’ultimo censimento)?
        (4) In che termini questi voti hanno influenzato il risultato finale di quel quartiere o municipio?
        (5) Quando lei parla di “statisticamente normale” cosa intende? Qual e’ il valore mediano a cui si riferisce e quanto il nuovo valore si discosta da questo?

        Probabilmente queste domande le sembreranno pedanteria ma, come ho gia’ scritto prima, comprendera’ anche lei che parlare di statistica senza citare ne’ dati ne’ le fonti associate con tali dati, serve solo a vestire di scientificita’ una tesi che deve ancora essere provata dai numeri; sempre ammesso che tale tesi possa essere provata.

        Mi piace

      • Anonimo ha detto:

        State aspettando cosa? Ai seggi è stata rilevata anche l’etnia dei votanti? Stai dicendo sul serio?

        Mi piace

  • Valeria ha detto:

    La frase che hai scritto e’ bruttissima. E se non sei imbrigliato in un pregiudizio non ti vengono frasi del genere… Tutto questo e’ tristissimo soprattutto perche’ proviene da chi da sempre e’ severissimo con i pregiudizi striscianti degli altri sulle questioni di orinetamento sessuale. Davvero un peccato. Forse una sana riflessione sui propri pregiudizi farebbe bene… e non cercare di autoassolversi perche’ i cattivi sono altrove e altrove era indirizzato il sarcasmo…
    Un po’ come Grillo e le “battute” sui marocchini.
    Tutto questo nulla toglie alla gravita’ delle cosa.

    Mi piace

  • sophigre@gmail.com ha detto:

    http://www.giornalettismo.com/archives/865973/le-foto-dei-rom-che-votano-alle-primarie-a-roma/comment-page-1/#comment-905873
    Alemanno sentitamente ringrazia.
    E la foto di una famiglia al seggio diventò la prova di presunti brogli.

    Mi piace

  • Alessandro ha detto:

    Leggere la sfilza di commenti arroganti, insultanti ed ignoranti contro Cristiana é solo l’ennesima dimostrazione di come sia difficile cambiare le cose.. Chi continua a pensare politicamente come quando esistevano due blocchi contrapposti vive nel paleolitico politico.

    Mi piace

  • […] che però è importante per un politico. E che non muta nelle successive prese di posizione, anzi. Domenica sera sul suo blog personale in un post dal titolo “Non è razzismo, è statistica”, Alicata scrive: “Una frase […]

    Mi piace

  • edotagliani ha detto:

    Trovo sconcertante la violenza verbale di alcuni commentatori ed altrettanto sconcertante il fatto che, come sempre, il colpevole e’ chi denuncia.
    La retorica antirazzista e’ pelosa ed insopportabile. Lo scrive uno che vive all’estero da tanti anni e che, come una precedente commentatrice, spesso viene trattato a pesci in faccia perche’ italiano. Pero’, se qualcuno dice “quanti italiani ci sono in questo Paese”, mica posso accusarlo di razzismo. Delle due l’una: o Cristiana sta mentendo (poco probabile, visto che ci sono anche verbali a sostegno della sua tesi) o sta dicendo la verita’. E se la verita’ e’ che 120 Rom, arrivati in massa, hanno fatto levitare le percentuali di un seggio da 500 persone, il problema c’e’ e va affrontato. E se sono Rom, non c’e’ nulla di male a chiamarli Rom: di male c’e’ lo sfruttarli offrendo loro 20 euro per presentarsi alle urne. Questo, c’e’ di male, non chiamarli Rom se sono Rom. Anzi, a me pare razzista proprio questa posizione, dal momento che un Rom, di norma, e’ fiero di essere un Rom e che considerare la parola Rom come un insulto a prescindere, questo si’ e’ un pregiudizio razzista.
    Qualcuno avrebbe forse preferito un’alternativa come “file di persone appartenenti a popolazioni storicamente nomadi ed attualmente e temporaneamente stanziali nella Capitale”? Cosi’ sarebbe stato politicamente corretto? E’ questo il vero limite tra l’essere o il non essere razzista?
    Bene, usate la definizione che volete. Resta il fatto che una cosa bella come le primarie venga spesso sporcata da capibastone di partito che muovono truppe cammellate di ogni etnia, religione, preferenza sessuale. Se fossero state persone di colore sarebbero state ancor piu’ facilmente identificabili, se fossero stati (e di certo ce ne sono stati) romani Doc, sarebbe semplicemente stato piu’ difficile accorgersene e quindi “classificarli” come gruppo, ma il punto e’ che questo modo di fare politica e’ il motivo per cui, oggi, siamo ridotti cosi’.
    La prego, Alicata: raccolga piu’ dati possibile e vada alla magistratura. La accuseranno di fare l’interesse di una corrente, di voler spaccare il partito e via dicendo. Balle. Se vuole bene al Pd e ha l’occasione di chiedere giustizia, lo faccia. Perche’ se e’ vero che qualcuno ha pagato delle persone per farle votare, quel qualcuno ha commesso un crimine, una truffa nei confronti di tutti gli elettori del Partito Democratico. Ed e’ giusto che paghi, come minimo, venendo pubblicamente denunciato ed estromesso da ogni ruolo politico.
    Buona giornata

    Mi piace

    • Antonio Radici ha detto:

      Attendo con ansia la pubblicazione (con relative fonti) dei famosi dati e di qualcosa che possa essere perlomeno lontanamente associabile a un’analisi statistica, dato che il titolo del post di questo parla.

      Finora non ve n’e’ traccia di numeri, a parte un accenno a 120 Rom in un seggio di 500 votanti, che io potrei trasformare in 12 Rom in un seggio di 500 votanti, tanto mi sembra vi sia stata una certa liberta’ nel dare le cifre senza (1) fonti ufficiali (2) fare un minimo di analisi su quanto i risultati siano cambiati rispetto alle scorse tornate (if any).

      Il resto del commento e’ quantomeno condivisibile, il problema e’ che le basi su cui si poggia il ragionamento sono molto friabili; sarebbe quindi il caso di usare la dovuta cautela nel verificare i dati prima di lanciarsi in analisi politiche.

      Mi piace

    • Mettiamo in chiaro le cose. Cristiana Alicata ha visto (o le è stato detto) interminabili file di rom. La sua uscita è pessima non perché ha usato la parola rom perché implica una cosa sola (senza che ci giriamo intorno) che se ci sono i rom c’è qualcosa di losco. Non lo intendeva? Non è razzista? Peggio per lei, la prossima volta impara a costruire una frase nella sua testa prima di digitarla su facebook e ancor meglio va prima in questura o alla procura della Repubblica e deposita i dati in suo possesso.

      Mi piace

  • Germano ha detto:

    certo che siete come quelli che guardano il dito e non la luna

    Mi piace

  • […] vicenda credo sia nota. Cristiana Alicata ieri mattina scrive un tweet: “Le solite incredibili file di Rom che quando ci sono le primarie si scoprono appassionatissimi […]

    Mi piace

  • Roberto Olivetti ha detto:

    Una domanda che credo dovresti fare a M. (quello del PostScriptum).
    Visto che gli hanno detto che ricevevano 20 euro, non avrebbe almeno potuto chiedere DA CHI?
    Io non sono più del PD da tantissimo tempo, ma vedere che esistono dei candidati che si comprano i voti, personalmente mi scandalizza, e se fossi stato al posto di M. avrei piantato un casino enorme, tipo blocco del seggio e annullamento di tutte le schede. Sulle tue parole: sì, sono state infelici, e le aggiunte nei commenti a questo post sono peggio, ma credo sinceramente che non ci fosse alcun intento razzista.
    PS: il titolo ha un errore (“No” al posto di “Non”).

    Mi piace

  • Ubikindred ha detto:

    Non è neppure statistica. Pare soprattutto essere una notevole mancanza di senso dell’opportunità.

    Mi piace

  • eduardo ha detto:

    Beh, basta vedere come le tue frasi sono state usate ( e bisognava prevederlo) per capire che ci voleva un po’ di attenzione. Sei in politica da tempo, ed era facile prevedere che Marino sarebbe diventato il”candidato dei rom” per i fascisti e tutti quelli cui la cosa fa comodo. A parte il fatto che ‘sti rom devono pure poter votare da qualche parte, e che se fossero pure stati duemila non avrebbero certo cambiato il risultato delle primarie. Se non avevi calcolato le conseguenze un minimo di resipiscenza sarebbe necessario.

    Mi piace

  • Germano ha detto:

    Esigo che il partito quereli il movimento 5 stelle per la frase “Il PD paga 10 euro tutti i Rom che lo votano per le primarie” allegata al precedente link

    Mi piace

  • topometallo ha detto:

    cristo che brutta fine hai fatto, Cristiana

    Mi piace

  • luigi ha detto:

    Mi secca un poco dare ragione all’ingegner Alicata, su cui di solito mi diverto a sparare a zero. ma stavolta ha ragione di brutto. Pensare che possa essere razzista significa non conoscerla.
    Massima solidarietà da un antirazzista di lungo corso (sto andando a fare la notte in un centro per richiedenti asilo, se a qualcuno interessano le mie credenziali).

    Mi piace

  • antonella ha detto:

    Cristiana, mi dispiace moltissimo che persone che non conoscono il tuo impegno e le tue idee e quello per cui ti batti da anni si permettano di darti della razzista, ariana, arrivista e altre amenità. I sepolcri imbiancati usano sempre il politicamente corretto per tenersi pulita la coscienza e puntare il loro dito immacolato. Io in questi anni ho capito la tua onestà e ieri ho capito perfettamente quello che volevi denunciare.

    Mi piace

  • […] cancellata e sostituita da un più ragionato post in cui spiega che non trattasi di razzismo ma di richiesta di legalità e di compravendita di […]

    Mi piace

  • Edoardo ha detto:

    Sul razzismo o meno di Cristiana, è stato già detto molto, ma vorrei sottolineare un altro aspetto : Cristiana si è molto spesa per avere le Primarie parlamentari, totalmente aperte ad ogni elettore, quindi anche alla intrusione dei molti elettori di destra intenzionati a sostenere la candidatura di Renzi. Non é andata come sperava, ma mi domando : si sarebbe ugualmente preoccupata se avesse visto a quelle primarie lunghe file di elettori palesemente di destra pretendere di decidere le politiche di un partito al quale non appartenevano ? Polemiche a senso unico ?

    Mi piace

  • […] vicenda credo sia nota. Cristiana Alicata ieri mattina scrive un tweet: “Le solite incredibili file di Rom che quando ci sono le primarie si scoprono appassionatissimi […]

    Mi piace

Commenta se hai qualcosa da dire.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Non è razzismo, è statistica. su NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: